Sanzionato l’avvocato che usa espressioni offensive verso i colleghi

Il CNF ha confermato la sanzione inflitta ad un avvocato per aver violato i doveri di responsabilità deontologica relativi al divieto di espressioni sconvenienti od offensive, anche se la condotta si riferisce all’attività svolta come amministratore di una società e dunque non nella veste di avvocato.

La sentenza n. 178/2021 del CNF ha rigettato il ricorso di un avvocato sanzionato, da un lato, per la violazione del principio di incompatibilità e, dall'altro, per aver utilizzato espressioni offensive nei confronti di un collega in una missiva inviata in qualità di amministratore di una società. Ricorda infatti il CNF che l'avvocato ha il dovere di comportarsi, in ogni situazione quindi anche nella dimensione privata e non propriamente nell'espletamento dell'attività forense , con la dignità e con il decoro imposti dalla funzione che l'avvocatura svolge nella giurisdizione art. 9 cdf e deve in ogni caso astenersi dal pronunciare espressioni sconvenienti od offensive artt. 52 e 53 cdf , la cui rilevanza deontologica non è peraltro esclusa dalla provocazione altrui, né dalla reciprocità delle offese, né dallo stato d'ira o d'agitazione che da questa dovesse derivare, non trovando applicazione in tale sede l'esimente prevista dall' art. 599 c.p. CNF sentenza n. 202 del 15 ottobre 2020 in senso conforme, CNF sentenza n. 42 del 25 febbraio 2020 . Inoltre il CNF sottolinea che l'avvocato ha il dovere di comportarsi, in ogni situazione quindi anche nella dimensione privata e non propriamente nell'espletamento dell'attività forense , con la dignità e con il decoro imposti dalla funzione che l'avvocatura svolge nella giurisdizione e deve in ogni caso astenersi dal pronunciare espressioni sconvenienti od offensive, il cui carattere illecito deve essere accertato caso per caso ed alla luce dell'ambito in cui esse sono pronunciate CNF sentenza n. 30 del 6 maggio 2019 . Per saperne di più sul divieto per l’avvocato di utilizzare espressioni offensive o sconvenienti, guarda la video pillola di avvocati.it .

CNF, sentenza n. 178/2021