Sospensione dal servizio e dalla retribuzione per il funzionario che molesta la stagista

Evidente la gravità dei comportamenti tenuti nei confronti della stagista, invitata, tra l’altro, a presentarsi truccata in ufficio e interrogata sui suoi rapporti col fidanzato.

Trenta giorni di sospensione dal servizio e dalla retribuzione per il dirigente amministrativo che molesta la giovane stagista, prima chiedendole l'amicizia su Facebook, poi monitorandone le foto sul noto social network e infine invitandola a presentarsi truccata in ufficio, chiedendole informazioni sui rapporti col fidanzato e facendola oggetto di varie allusioni. Ricostruita la vicenda, i giudici di merito ritengono, sia in primo che in secondo grado, sacrosanta la sanzione disciplinare adottata dal datore di lavoro, cioè l'INPS, nei confronti di un funzionario amministrativo , a fronte dei comportamenti scorretti da lui tenuti e lesivi della dignità personale di una giovane stagista. In particolare, in Appello, viene sottolineato che le condotte del funzionario sono state del tutto gratuite e macroscopicamente estranee ai compiti ed alle responsabilità dell'affiancamento formativo a lui affidati. Per chiudere il cerchio, infine, i giudici rilevano la gravità delle condotte non solo nella lesione dell'immagine dell'ente ma anche nella giovane età della ragazza presa di mira durante lo stage per l'istituto previdenziale. Infruttuoso il ricorso in Cassazione proposto dal funzionario dell'INPS. I giudici di terzo grado confermano, difatti, la legittimità della sanzione decisa dall'istituto previdenziale. Innanzitutto, viene sottolineata la proporzionalità della sospensione per un mese, visti i dettagli dei comportamenti tenuti dall'uomo nei confronti della giovane stagista . Entrando poi nei dettagli, i giudici sottolineano che il Regolamento di disciplina dell'ente' prevede l'obbligo del dipendente di mantenere, nei rapporti interpersonali con gli altri dipendenti e con gli utenti, una condotta corretta, astenendosi da comportamenti lesivi della dignità della persona e aggiungono che il medesimo Regolamento' stabilisce la sanzione della sospensione per comportamenti o molestie , anche di carattere sessuale , di particolare gravita che siano lesivi della dignità della persona . Logico, quindi, ritenere palese la gravita degli atti ascrivibili al funzionario dell'istituto, anche tenendo presenti la lesione arrecata all'immagine dell'ente pubblico e la giovane età della stagista presa di mira. Per spazzare via ogni ulteriore incertezza i Giudici riconoscono che il Regolamento vieta i comportamenti impropri tenuti nei rapporti interpersonali con gli altri dipendenti e con gli utenti ma aggiungono poi che al dipendente è da assimilare anche lo stagista , così da ritenere sanzionabili anche eventuali comportamenti contrari rispetto alla dignità altrui tenuti da un dipendente dell'istituto previdenziale nei riguardi di chi frequenta il medesimo ambiente di lavoro per un percorso formativo .

Presidente Esposito Relatore Bellè Ritenuto che 1. la Corte d'Appello di Bologna ha confermato la sentenza del Tribunale di Ravenna di rigetto dell'impugnazione della sanzione disciplinare della sospensione per 30 giorni dal servizio e dalla retribuzione irrogata dall'INPS nei confronti di P.P. , per comportamenti inappropriati tenuti dallo stesso nei riguardi di una stagista richiesta amicizia Facebook e frequente osservazione delle foto sul social network invito a presentarsi truccata in ufficio richiesta informazioni sui rapporti con il fidanzato allusioni varie etc. etc. nel corso di un periodo svolto presso l'ente di cui il ricorrente era funzionario amministrativo 2. la Corte d'appello ha escluso che l'ente in sede disciplinare avesse fatto riferimento a molestie sessuali, ritenendo che l'addebito riguardasse invece comportamenti scorretti e lesivi della dignità della persona nei termini previsti dall'art. 1, comma 3, lett. e del Regolamento di Disciplina e sanzionati dall'art. 2, comma 7, lett. f con la sospensione dal servizio e dalla retribuzione da undici giorni a sei mesi 3. la Corte ha affermato che le condotte del P. erano state del tutto gratuite e macroscopicamente estranee ai compiti ed alle responsabilità dell'affrancamento formativo, ravvisando la gravità di esse nella lesione dell'immagine dell'ente e nella giovane età della ragazza 4. la Corte d'appello ha sottolineato altresì come l'applicazione della sanzione si collocasse decisamente al di sotto della media edittale 5. la sentenza è stata impugnata da P.P. con sei motivi cui l'INPS ha opposto difese mediante controricorso 6. la proposta del relatore è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell'adunanza camerale, ai sensi dell'art. 380 bis c.p.c. 7. il ricorrente ha depositato memoria con produzione di ulteriori documenti. Considerato che 1. con il primo motivo P.P. denuncia vizio di motivazione apparente sul punto della non proporzionalità della sanzione irrogata art. 360 c.p.c. , n. 4 , in quanto a suo dire il ragionamento della Corte territoriale in ordine alla collocazione della sanzione al disotto della media sarebbe tale da non consentire di percepire il percorso ed il fondamento motivazionale adottato 2. si tratta di motivo infondato, in quanto dalla sua stessa formulazione si evince che la motivazione sul punto esisteva, con espresso riferimento alla misura edittale della sanzione e del collocarsi della misura concretamente applicata al di sotto della media 3. è peraltro di immediata percezione che, nel ragionare in quel modo, la Corte territoriale intendeva valorizzare la proporzionalità ritenuta esistente rispetto all'accaduto, sotto il profilo della scelta di una sanzione 30 giorni di sospensione che, proprio per il collocarsi decisamente al di sotto della media il minimo era di 11 giorni ed il massimo di 6 mesi esprimeva il fatto che, pur ricorrendo i presupposti di cui al precetto violato, essi giustificavano, quanto a proporzionalità, una misura non particolarmente elevata rispetto ai margini edittali 4. con il secondo motivo il ricorrente denuncia violazione e/o falsa applicazione degli artt. 115 e 116 c.p.c. , degli artt. 2697 e 2106 c.c., della L. n. 604 del 1966, della L. n. 300 del 1970, art. 7, del D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 55, del Regolamento di disciplina, art. 2 ed assume che la sanzione irrogata sarebbe da ritenere incongrua e non proporzionata, tenuto conto del suo curriculum e del non avere egli, in quindici anni di carriera, mai subito procedimenti disciplinari 5. il terzo motivo assume che la sentenza impugnata andrebbe cassata ai sensi e per gli effetti dell' art. 360 c.p.c. , n. 5, per omesso esame circa un punto decisivo avente ad oggetto il carattere proporzionale della sanzione inflitta 6. i due motivi possono essere esaminati congiuntamente 7. va intanto escluso ogni rilievo alla censura - desumibile dal contesto di cui al secondo motivo - in ordine al contenuto motivazionale dell'atto di applicazione della sanzione, in quanto il giudizio in questa sede riguarda il rapporto e dunque la proporzionalità va valutata in concreto e non per quanto in ipotesi argomentato dalla P.A. al momento dell'irrogazione 8. più in generale i due motivi sono peraltro inammissibili in quanto, a fronte della già menzionata motivazione della Corte territoriale in ordine alla misura della sanzione ed alla proporzionalità v. supra, punto 3 , essi propongono una diversa soluzione di merito, inappropriata rispetto al giudizio di legittimità C., S.U., 34476/2019 C., S.U., 24148/2013 , senza contare che la censura di cui all' art. 360 c.p.c. , n. 5, concerne l'omesso esame di uno specifico fatto storico e non l'omesso esame su cui fa leva anche la memoria finale, con riferimento alla proporzionalità di un punto od una mera insufficienza di motivazione C., S.U., 8053/2014 9. il quarto motivo denuncia, ai sensi dell' art. 360 c.p.c. , n. 3, la violazione e/o falsa applicazione degli artt. 115 e 116 c.p.c. , dell'art. 2697 c.c., del Regolamento di disciplina, art. 1, comma 3, lett. f , e del codice di comportamento dei dipendenti INPS, art. 13, in punto di ritenuta gravità per danno all'immagine 10. il quinto motivo adduce, ai sensi dell' art. 360 c.p.c. , n. 3, ancora la violazione e/o falsa applicazione degli artt. 115 e 116 c.p.c. , dell'art. 2697 c.c., del Regolamento di Disciplina, art. 1, lett. e e del Codice di comportamento dei dipendenti INPS, art. 13, sostenendo che la Corte d'appello non avrebbe spiegato il senso concreto del richiamo da essa operato al concerto di dignità, profilo la cui lesione sta a fondamento del precetto la cui violazione si assume essere avvenuta da parte di P.P. 11. i due motivi, suscettibili di disamina congiunta, vanno disattesi 12. si può premettere che il Regolamento di disciplina dell'ente già citato, art. 1, comma 3, lett. f , prevedeva l'obbligo del dipendente di mantenere, nei rapporti interpersonali, con gli altri dipendenti e con gli utenti, una condotta corretta, astenendosi da comportamenti lesivi della dignità della persona 13. il medesimo Regolamento, art. 2, comma 7, lett. f , stabiliva la sanzione della sospensione per comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, di particolare gravità che siano lesivi della dignità della persona 14. la Corte territoriale, nella propria valutazione di merito, ha ritenuto che la gravità degli atti lesivi, anche in relazione alla dignità della persona, perseguita dall'art. 2, comma 7, lett. f , derivasse sia dalla lesione dell'immagine dell'ente pubblico, oltreché dalla giovane età delle studentesse coinvolte 15. rispetto a ciò, anche il motivo in esame propone una sintetica e genericamente differente conclusione in ordine alla valutazione di merito così espressa, ponendosi pertanto al di fuori dei caratteri propri del giudizio di legittimità 16. è poi del tutto evidente che la giovane età della ragazza interessata dai comportamenti perseguiti e la gratuità, espressamente rilevate nella sentenza impugnata, siano circostanze e caratteristiche in sé tali da individuare condotte lesive della dignità della persona coinvolta, senza che ciò necessiti ulteriori spiegazioni 17. privo di pregio è poi il rilievo, di cui sempre al quinto motivo e su cui il ricorrente insiste anche nella memoria finale, secondo il quale la norma disciplinare applicata riguarderebbe solo i comportamenti impropri verso altri dipendenti o verso gli utenti 18. il Regolamento, per come trascritto dal ricorrente vieta infatti i comportamenti impropri tenuti nei rapporti interpersonali, con gli altri dipendenti e con gli utenti 19. la Corte territoriale ha espressamente affermato che al dipendente fosse da assimilare anche lo stagista e tale interpretazione non può essere ritenuta erronea, perché non vi sarebbe ragione alcuna per cui dovessero restare al di fuori dal precetto eventuali comportamenti contrari rispetto alla dignità altrui tenuti nei riguardi di chi frequentasse il medesimo ambiente di lavoro per un percorso formativo e ciò senza contare che la norma fa generico riferimento, comunque, ai rapporti interpersonali, così manifestando la copertura di essa anche rispetto a situazioni non necessariamente da riferire solo a chi sia in senso stretto dipendente od utente 16. il sesto motivo chiede infine la Cassazione della sentenza per violazione dell' art. 115 c.p.c. ai sensi dell' art. 360 c.p.c. , n. 4, con riferimento all'asserito errore di percezione circa le prove testimoniali 17. il motivo è inammissibile in quanto la sentenza impugnata richiama i passaggi delle deposizioni da cui emergevano le allusioni ed i comportamenti inappropriati perseguiti in via disciplinare pag. 6 e 7 della sentenza , sicché la censura, facendo riferimento ad altri dati testimoniali, si manifesta ancora una volta come proposizione di una diversa ricostruzione degli esiti istruttori, come detto del tutto inammissibile in questa sede 18. sono infine inammissibili le produzioni attuate con la memoria difensiva finale 19. esse riguardano documenti relativi al giudizio di merito, rispetto ai quali è precluso l'ingresso in sede di legittimità, valendo il principio per cui nel giudizio per cassazione è ammissibile la produzione di documenti non prodotti in precedenza solo ove attengano alla nullità della sentenza impugnata o all'ammissibilità processuale del ricorso o del controricorso, ovvero al maturare di un successivo giudicato, mentre non è consentita la produzione di documenti nuovi relativi alla fondatezza nel merito della pretesa, per far valere i quali, se rinvenuti dopo la scadenza dei termini, la parte che ne assuma la decisività può esperire esclusivamente il rimedio della revocazione straordinaria ex. art. 395 c.p.c. , n. 3 Euro 17175/2020 Euro 4415/2020 Euro 18464/2018 20. d'altra parte, la memoria fa riferimento ad una mancata acquisizione di tali atti nelle fasi di merito, nonostante le richieste avanzate in quella sede dal P. e dunque a specifici profili di censura sull'operato istruttorio, dal punto di vista processuale, di cui non vi è però traccia, sul preciso punto di tale mancata acquisizione, nei motivi di ricorso per cassazione, pacificamente non integrabili con le difese successive Euro 17893/2020 Euro 24007/2017 , sicché operano pienamente le regole preclusive e di distinguo rispetto ai mezzi di impugnazione esperibili, sopra richiamate 21. al rigetto del ricorso segue la regolazione secondo soccombenza delle spese del giudizio di legittimità. P.Q.M. La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento in favore della controparte delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 4.000,00 per compensi ed Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali 15 % ed accessori di legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13 , comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello rispettivamente previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.