Contratto simulato “con se stesso”: la prova e la forma della controdichiarazione

La Cassazione fa chiarezza su una questione controversa cosa succede sul piano probatorio se già alla stipulazione del contratto simulato interviene colui che si rileverà essere l’acquirente effettivo nel dissimulato negozio con se stesso nell’ambito di un rapporto di rappresentanza organica?

È il caso di una società di costruzioni che cede un'unità immobiliare e il legale rappresentante, che partecipa agli atti negoziali, è anche colui che dovrebbe essere il reale acquirente e chiede al simulato acquirente il trasferimento dell'immobile. Tizio evoca in giudizio Caia, sua coniuge, per far accertare, in via principale, la simulazione relativa per interposizione fittizia di persona di un contratto di compravendita immobiliare e, in via subordinata l'interposizione reale di persona con condanna ex art. 2932 c.c. all'esecuzione in forma specifica dell'obbligo di trasferire la proprietà dell'immobile. In particolare, una società di costruzioni, di cui Tizio era il legale rappresentante, aveva venduto nel 2003 mediante atto pubblico a Caia un appartamento con pertinenze, anche se l'effettivo acquirente a titolo personale era Tizio stesso. Sia il Tribunale, sia la Corte di Appello rigettavano la domanda. L'attore produceva due scritture private del 2013 nelle quali con riferimento all'atto per Notar ****** in data 18.12.2003 rep. n. **** e racc. n. **** si danno reciprocamente atto che la sig.ra Caia è solo fittiziamente acquirente dell'immobile compravenduto ma che destinatario degli effetti giuridici della compravendita è il sig. Tizio il quale è quindi unico e legittimo proprietario del bene Caia si impegna a non disporre del bene, si ripete, a lei solo formalmente in-testato ed a ritrasferirlo all'effettivo proprietario Tizio oppure a terzi da quest'ultimo indicati a semplice richiesta dello stesso Tizio . Per la Corte di Appello la partecipazione del terzo interponente deve risultare da un atto antecedente o coevo alla stipula del contratto simulato esternato in forma scritta. Il difetto di forma scritta ad substantiam dell'accordo simulatorio, anteriore o contemporaneo alla stipula del contratto simulato intervenuta nel dicembre 2003 , non può ritenersi superato dalle controdichiarazioni scritte dell'anno 2013. Quanto alla domanda di interposizione reale, poi, la Corte ha osservato che le controdichiarazioni non sono ricognitive delle ragioni di acquisto degli immobili e dell'obbligazione di ri-trasferimento, e ha escluso la configurabilità di un rapporto di mandato senza rappresentanza o di un negozio fiduciario. La Cassazione critica questa impostazione . Prima di esaminare la decisione, occorre ricordare brevemente alcune nozioni. La simulazione è il fenomeno dell'apparenza contrattuale creata intenzionalmente, ossia quando le parti stipulano un contratto con l'intesa che esso non corrisponda alla realtà del loro rapporto. La simulazione può essere assoluta le parti non intendono costituire alcun rapporto contrattuale e il contratto simulato è senza effetto tra le parti, art. 1414 comma 1, c.c. o relativa le parti fingono di stipulare un contratto che è diverso da quello concluso tra le parti ha effetto il contratto dissimulato purché ne sussistano i requisiti di sostanza e di forma , art. 1414, comma 2, c.c. . La simulazione relativa può cadere sul contenuto del contratto oppure sui soggetti interposizione fittizia . L' interposizione fittizia è una simulazione soggettiva, che ricorre quando la parte sostanziale del contratto è diversa da quella che appare richiede un'intesa plurilaterale tra tutte le parti vere del contratto e quelle apparenti . Nell' interposizione reale la persona interposta effettivamente acquista i diritti derivanti dal contratto è destinataria degli effetti del contratto a differenza dell'interposizione fittizia , ma è tenuta a ritrasferirli ad una terza persona. Mentre l'interposizione fittizia rientra nel fenomeno simulatorio e richiede l'accordo tra tutte le parti vere e apparenti, l'interposizione reale richiede solo l'accordo tra alienante e parte interposta si veda almeno BIANCA C.M., Diritto civile , 3, il contratto , Milano, 2019, pagg. 652 ss. in tema di interposizione fittizia di persona, sulla necessaria partecipazione all'accordo simulatorio di tutti i soggetti interposto, interponente e terzo contraente restando inidonea la controdichiarazione integrativa scritta intercorsa, però, tra il solo interposto ed il terzo, al quale non abbia quindi partecipato anche l'interponente, da considerarsi terzo rispetto a tale scrittura Cass., sez. II, 12 ottobre 2018, n. 25578 Id., 23 marzo 2017, n. 7537 Trib. Milano, sez. X, 31 gennaio 2021, n. 868 Trib. Vicenza, sez. I, 4 novembre 2021, n. 2040 . Nel caso affrontato dalla Cassazione si pone la questione della prova dell'interposizione fittizia . Secondo la giurisprudenza della Cassazione Cass., Sez. II, 19 febbraio 2008, n. 4071 Cass., Sez. II, 10 marzo 2017, n. 6262 , nel caso di allegazione della simulazione relativa per interposizione fittizia di persona di un contratto necessitante la forma scritta ad substantiam , occorre considerare anche la limitazione derivante dal disposto degli artt. 1414, comma 2, e 2725 c.c. , ossia di provare la sussistenza dei requisiti di sostanza e forma del contratto diverso da quello apparentemente voluto e l'esistenza, quindi, di una controdichiarazione, dalla quale risulti l'intento comune dei contraenti di dare vita ad un contratto soggettivamente diverso da quello apparente. Questo regime rafforzato è richiesto perché l'operazione nascosta vede il coinvolgimento di un soggetto estraneo a quello palese aggiungiamo che l' accordo simulatorio vale a distinguere la fattispecie da altre, quali l' errore ostativo e la riserva mentale . Nel caso di simulazione soggettiva, gli effetti del contratto realmente voluto dalle parti sono destinati a prodursi, in via diretta ed immediata, nei confronti di un soggetto, l'interponente, estraneo all'atto simulato, che deve allora necessariamente partecipare all'atto dissimulato, così che quest'ultimo deve presentare, quanto meno, il requisito dell'accordo e della sottoscrizione. A venire in rilievo non è una semplice questione di prova documentale quanto, piuttosto, una questione legata alla forma del diverso contratto regolatore del rapporto celato. L'atto simulato è sottoscritto dall'interposto, non dall'interponente, per cui le dichiarazioni negoziali non sono riferibili all'inter-ponente, come destinatario ed autore di esse. Rispetto allo schema generale, il caso di specie presenta una particolarità l'intervento, già alla stipulazione del negozio simulato, di colui che assume essere l'acquirente effettivo, nel dissimulato contratto con se stesso nell'ambito di un rapporto di rappresentanza organica. Al contratto simulato, stipulato con rogito notarile nel 2003, sono intervenuti non solo il venditore la società di costruzioni e il simulato acquirente la signora Caia , ma anche l'interponente/Tizio, sia pure nella veste di amministratore e legale rappresentante della società. Certamente, nell'atto notarile i soggetti assumono ruoli diversi il reale destinatario degli effetti negoziali non assume le vesti anche del dissimulato acquirente, limitandosi ad agire come organo della società. Nondimeno, le parti dell'intesa simulatoria sono gli stessi soggetti del contratto apparente . La Cassazione evidenzia questo elemento per svolgere due considerazioni innanzitutto, la giurisprudenza di legittimità, nel richiamare la necessità del rispetto della forma per il contratto dissimulato, pose tuttavia un limite alla regola della forma. Dal 1986 con la sentenza della II Sezione 22 aprile 1986, n. 2816 si pose un limite alla necessità di osservare la forma anche per il dissimulato si ritiene soddisfatto il requisito formale già con l'atto apparente quando l'effettivo acquirente sia comparso e abbia sottoscritto nella veste di testimone. la Cassazione richiama il precedente Cass., Sez. II, 5 marzo 2021, n. 6212 , ritenendo che il requisito formale necessario ex art. 1414, comma 2 , c.c. debba essere riferito all'unico contratto apparente, riconoscendo valenza di idonea prova della simulazione alla dichiarazione scritta, rilasciata successivamente, con la quale l'interposto aveva riconosciuto la natura fittizia dell'intestazione del bene. Tale precedente aveva, per un verso, evidenziato che nel caso dell'interposizione fittizia la partecipazione del terzo non deve essere necessariamente contestuale e, quindi, necessariamente consacrata in un atto trilatero, essendo rilevante solo che il terzo abbia consapevolmente accettato che il compratore reale possa essere diverso da quello apparente ha, per altro verso, sottolineato che la dichiarazione scritta, rilasciata successivamente, con la quale l'interposto riconosca la natura fittizia e simulata dell'intestazione del bene, costituisce atto ricognitivo unilaterale avente valore di astrazione processuale, ai sensi dell' art. 1988 c.c. La Cassazione non manca di osservare una più generale considerazione anche in ambito donativo , richiamando un caso di simulazione parziale soggettiva Cass., Sez. II, 29 luglio 2017, n. 18204 , ove è stato affermato il principio secondo cui la prova, tra le parti, della simulazione di un negozio solenne soggiace ad un requisito di forma scritta ad probationem tantum , ma non pure a quello solenne ed ulteriore eventualmente richiesto ad substantiam per l'atto della cui simulazione si tratta. La prova della parziale simulazione soggettiva di una donazione non richiede, anch'essa, l'atto pubblico, potendo essere fornita mediante una semplice controdichiarazione sottoscritta dalle medesime parti o da quella contro cui questa sia prodotta. Tornando alla specie del contratto dissimulato con se stesso , la Cassazione evidenzia il carattere unitario della fattispecie , che si atteggia diversamente da una mera accidentale contemporanea conclusione di contratti distinti, di cui uno, nascosto, voluto, e l'altro, palese, privo di effetti. Ne deriva che è sufficiente che il requisito formale ad substantiam sia rispettato dal contratto apparente , dal frammento ostensibile della simulazione, unico titolo traslativo. L'accordo simulatorio si affianca al contratto simulato , con la funzione di negare rilevanza all'acquisto dell'interposto e a ricondurlo all'interponente, già intervenuto alla stipulazione dell'atto simulato. Deve essere contemporaneo al contratto simulato o anche anteriore mentre è inammissibile un accordo simulatorio posteriore al contratto simulato. Diverso, però, è il piano della prova dell'accordo simulatorio . Nel conflitto tra preteso compratore apparente ed acquirente effettivo, la prova della simulazione, traducendosi nella dimostrazione del presunto negozio dissimulato, può essere fornita solo a mezzo di atto scritto, e cioè con un documento contenente la controdichiarazione sottoscritta dalla parte contro cui sia prodotto in giudizio. Nessuna norma impone la contestualità della controdichiarazione al negozio simulato, dato che la controdichiarazione è soggetta solo alle regole della forma scritta ad probationem art. ex art. 1417 c.c. e non a quella della forma scritta ad substantiam . La controdichiarazione successiva ha valore ricognitivo di una volontà formata contestualmente al contratto simulato. Non è l'intesa in sé, ma il documento che ha valore ricognitivo dell'intesa stessa il documento non è espressione della voluntas simulandi , bensì si limita ad attestare una volontà già manifestata in precedenza. Nel rapporto tra le parti, la controdichiarazione, quale atto ricognitivo, può costituire mezzo di prova idoneo anche se successiva rispetto all'accordo simulatorio e al contratto simulato. Conclude la Cassazione che l'applicazione di tali principi al caso concreto consente di rilevare l'errore, in cui è incorsa la sentenza impugnata, nell'avere considerato le scritture del 2013 inutilizzabili a fornire la prova, tra le parti, della interposizione fittizia la dichiarazione ricognitiva in esse contenuta proviene da tutti i soggetti partecipanti all'operazione simulatoria Caia, il terzo alienante tramite il suo amministratore Tizio e Tizio in proprio . con tali scritture le parti non si sono limitate a rilasciare una dichiarazione genericamente attestante una situazione diversa da quella apparente, ma hanno specificamente richiamato l'atto per notaio del 2003, e si sono date atto, reciprocamente, che Caia è solo fittiziamente acquirente dell'immobile compravenduto, mentre destinatario degli effetti giuridici della compravendita è Tizio, con obbligo per Caia di non disporre del bene e di trasferirlo a Tizio. le scritture soddisfano l'esigenza dell'atto scritto. Pur non essendo contestuali, sono espressione del potere di accertamento successivo tra tutte e tre le persone protagoniste dell'interposizione fittizia, anche l'interponente, sia pure nella veste di amministratore e legale rappresentante della società venditrice. Pertanto, viene accolto il motivo di cassazione sotto il profilo dell'interposizione fittizia.

Presidente Di Virgilio Relatore Giusti Fatti di causa 1. - Con atto di citazione notificato il 19 febbraio 2014, il signor B.F. conveniva in giudizio dinanzi al Tribunale di Lanciano la signora A.R., affinché venisse accertata e dichiarata, in via principale, la simulazione relativa, per interposizione fittizia di persona, del contratto di compravendita immobiliare per notaio D.M., stipulato in data omissis , rep. n. omissis , dichiarandosi che acquirente effettivo ne era esso attore e soggetto solo interposto la moglie A.R., ovvero, in via subordinata, la interposizione reale di persona relativamente allo stesso contratto, con domanda di esecuzione in forma specifica, ex art. 2932 c.c. , dell'obbligo di ritrasferire in suo favore i diritti oggetto del richiamato atto di compravendita. L'attore deduceva, in particolare, di avere, con l'atto pubblico in questione, quale amministratore della s.r.l. B. Costruzioni, dichiarato di avere venduto a A.R. un appartamento con annesse corti di pertinenza esclusiva, posto macchina e locale garage, nel Comune di omissis , pur rendendosene effettivo acquirente a titolo personale. Si costituiva la convenuta, resistendo. 2. - Il Tribunale di Lanciano, con sentenza del 12 luglio 2016, rigettava entrambe le domande. In ordine alla domanda diretta ad ottenere la declaratoria di simulazione relativa per interposizione fittizia di persona, il Tribunale rilevava che la partecipazione del terzo interponente B.F., in proprio, al contratto di compravendita immobiliare intercorso tra la s.r.l. B. e l' A. non risultava né, ovviamente, dal contratto stesso, né da alcun atto, esternato nella necessaria forma scritta ad substantiam, anteriore o contemporaneo a quel contratto osservava come tale difetto di forma scritta ad substantiam rispetto all'accordo simulatorio non poteva ritenersi superato dalle dichiarazioni a contenuto confessorio redatte nel 2013, non essendo possibile la prova per confessione, nemmeno stragiudiziale, del contenuto di un atto negoziale soggetto a onere di forma scritta ad substantiam. Quanto alla domanda diretta ad ottenere l'accertamento di un'ipotesi di interposizione reale di persona, il Tribunale rilevava come le due scritture del 2013 non erano suscettibili di essere interpretate come assunzione, da parte della signora A., di un obbligo unilaterale attuale di trasferire al signor B. i diritti immobiliari già acquistati con il contratto di compravendita del omissis , essendo tali scritture chiare nel presupporre un difetto di titolarità effettiva in capo alla A., sicché dalle stesse non poteva sorgere un obbligo della predetta a trasferire dei diritti di cui la medesima aveva dichiarato di non essere titolare. 3. - Con sentenza resa pubblica mediante deposito in cancelleria il 13 aprile 2017, la Corte d'appello di L'Aquila ha rigettato il gravame del B La Corte territoriale ha preso in esame le due scritture private prodotte in giudizio, sottoscritte da B.F. in proprio e quale legale rappresentante della società B. a r.l. nonché da A.R., con le quali tutti i soggetti interessati all'operazione dedotta in giudizio hanno testualmente dichiarato con riferimento all'atto per Notar D.M.C. in data omissis omissis si danno reciprocamente atto che la sig.ra A.R. è solo fittiziamente acquirente dell'immobile compravenduto ma che destinatario degli effetti giuridici della compravendita è il sig. B.F., il quale è quindi unico e legittimo proprietario del bene, A.R. si impegna a non disporre del bene, si ripete, a lei solo formalmente intestato ed a ritrasferirlo all'effettivo proprietario B.F. oppure a terzi da quest'ultimo indicati a semplice richiesta dello stesso B.F. . La Corte d'appello ha sottolineato che nel corso del giudizio di primo grado è emerso che entrambe le scritture furono sottoscritte nel giugno 2013, a distanza di quasi dieci anni dalla stipula del contratto di compravendita per cui è causa. Tanto premesso, la Corte di L'Aquila ha rilevato che la partecipazione del terzo interponente deve risultare da un atto antecedente o coevo alla stipula del contratto simulato esternato in forma scritta. Solo un atto sottoscritto da tutte le parti dell'accordo dissimulato in data coeva al contratto simulato e contenente l'indicazione quale parte acquirente di B.F. in proprio avrebbe potuto integrare dal punto di vista della necessaria forma ad substantiam il diverso contratto voluto dalle parti rispetto a quello espresso nel rogito del omissis . La Corte d'appello ha quindi escluso che il difetto di forma scritta ad substantiam dell'accordo simulatorio, anteriore o contemporaneo alla stipula del contratto simulato intervenuta nel omissis , possa ritenersi superato dalle controdichiarazioni scritte dell'anno 2013. Quanto alla domanda di interposizione reale, poi, la Corte territoriale ha osservato che le controdichiarazioni non sono ricognitive delle ragioni di acquisto degli immobili e dell'obbligazione di ritrasferimento, e ha escluso la configurabilità di un rapporto di mandato senza rappresentanza o di un negozio fiduciario. 4. - Per la cassazione della sentenza della Corte d'appello di L'Aquila, notificata il 18 aprile 2017, il signor B.F. ha interposto ricorso, con atto notificato il 15 giugno 2017, sulla base di due motivi. La signora A.R. ha resistito con controricorso. 5. - Il ricorso è stato avviato alla trattazione in camera di consiglio ai sensi dell'art. 380-bis.1 c.p.c. Entrambe le parti hanno depositato memorie illustrative in prossimità della adunanza camerale. Ragioni della decisione 1. - Con il primo motivo violazione e falsa applicazione dell' art. 1414 c.c. , comma 2, artt. 1417 e 2725 c.c. il ricorrente censura che la Corte d'appello abbia ritenuto le scritture di controdichiarazione, sottoscritte da tutte le parti coinvolte nell'operazione, non idonee a dare la dimostrazione della reale destinazione soggettiva, in capo all'inter-ponente, degli effetti del contratto apparente, munito dei requisiti di forma richiesti dalla specifica tipologia di compravendita immobiliare. Il ricorrente deduce che avrebbe errato la sentenza impugnata a ritenere che le controdichiarazioni dovessero essere redatte e formate contestualmente al negozio di compravendita. Ad avviso del ricorrente, affinché il contratto dissimulato - cioè quello effettivamente voluto in base all'accordo simulatorio - abbia effetto tra le parti, dovrebbe guardarsi a quello apparente, per verificare semplicemente se questo abbia i requisiti di forma e di sostanza requisiti tra cui non potrebbe annoverarsi la partecipazione dell'effettivo contraente, che deve rimanere celata. Ne conseguirebbe a che il requisito di forma scritta ad substantiam, prescritto per la validità della compravendita immobiliare, sarebbe stato, nella specie, rispettato, dato che il contratto simulato risulta pacificamente redatto per iscritto b che la legge stabilisce soltanto che la prova tra le parti dell'accordo simulatorio debba darsi per iscritto c che tale scritto è previsto ad probationem tantum d che nella specie la prova dell'accordo simulatorio, coevo alla stipula della compravendita, sarebbe stata data documentalmente, mediante la produzione in giudizio delle controdichiarazioni. 2. - La censura investe il tema della prova della interposizione fittizia di persona, nel giudizio nei confronti del simulato acquirente promosso dall'interponente che chiede l'accertamento dell'acquisto della proprietà del bene immobile in proprio favore. 3. - La simulazione per interposizione presenta una dicotomia semantica, con un testo, ostensibile, che si caratterizza per l'attribuzione apparente di una posizione giuridica ad una parte, l'interposto, che, in realtà, in forza dell'intesa simulatoria, non è il destinatario degli effetti del contratto, i quali invece si producono, in via immediata e diretta, nei confronti di un soggetto, l'interponente, rimasto estraneo all'atto simulato. 4. - Secondo la giurisprudenza di questa Corte Cass., Sez. II, 19 febbraio 2008, n. 4071 Cass., Sez. II, 10 marzo 2017, n. 6262 , nel caso di allegazione della simulazione relativa per interposizione fittizia di persona di un contratto necessitante la forma scritta ad substantiam, la dimostrazione della volontà delle parti di concludere un contratto diverso da quello apparente incontra non solo le normali limitazioni legali all'ammissibilità della prova testimoniale e per presunzioni, ma anche quella, più rigorosa, derivante dal disposto dell' art. 1414 c.c. , comma 2, e art. 2725 c.c. , di provare la sussistenza dei requisiti di sostanza e forma del contratto diverso da quello apparentemente voluto e l'esistenza, quindi, di una controdichiarazione, dalla quale risulti l'intento comune dei contraenti di dare vita ad un contratto soggettivamente diverso da quello apparente. La giurisprudenza di questa Corte, nel richiedere una integrazione ab externo, sul piano della forma, dell'atto apparente, muove dalla constatazione che l'operazione nascosta vede il coinvolgimento di un soggetto estraneo a quello palese. Mentre in caso di simulazione relativa in senso oggettivo, considerata l'identità fra le parti dei due contratti, i requisiti di sostanza e di forma presenti nel contratto simulato valgono a sorreggere l'efficacia, tra le medesime parti, del contratto dissimulato nel caso di simulazione soggettiva, gli effetti del contratto realmente voluto dalle parti sono destinati a prodursi, in via diretta ed immediata, nei confronti di un soggetto, l'interponente, estraneo all'atto simulato, che deve allora necessariamente partecipare all'atto dissimulato, così che quest'ultimo deve presentare, quanto meno, il requisito dell'accordo e della sottoscrizione. A venire in rilievo - si afferma - non è una semplice questione di prova documentale dell'accordo simulatorio, che in sé ben potrebbe essere formata successivamente e anche a distanza di tempo dal negozio simulato quanto, piuttosto, una questione legata alla forma del diverso contratto regolatore del rapporto celato. Nell'ipotesi di interposizione fittizia di persona, il negozio fra terzo contraente ed interposto, anche se è stato stipulato per iscritto e si presenta conforme alla forma necessaria per il suo tipo, non è conforme all'esigenza della forma scritta, in relazione all'effetto che, secondo il reale intento delle parti, dovrebbe realizzarsi fra terzo contraente ed interponente. L'atto simulato è sottoscritto dall'interposto, non dall'interponente, per cui le dichiarazioni negoziali non sono riferibili all'interponente, come destinatario ed autore di esse. Nel contratto dissimulato compare un soggetto in più l'interponente rispetto al contratto simulato nel quale intervengono l'interposto e il terzo di qui l'esigenza che il requisito formale venga rispettato da tutte le dichiarazioni dei tre soggetti coinvolti e quindi anche dall'interponente, la cui dichiarazione di volontà non sarebbe altrimenti adeguatamente rivestita . In caso di interposizione fittizia di persona si applica l' art. 1414 c.c. , comma 2, interpretato nel senso che il requisito di forma deve essere posseduto dal contratto dissimulato, con conseguenze anche in tema di prova della simulazione. 5. - Rispetto a questo schema generale, la particolarità della specie all'esame del Collegio è costituita dall'intervento, già alla stipulazione del negozio simulato, di colui che si rivelerà essere - secondo la prospettazione del ricorso - l'acquirente effettivo, nel dissimulato contratto con se stesso nell'ambito di un rapporto di rappresentanza organica. Al contratto simulato, stipulato con rogito notarile nel omissis , sono intervenuti non solo il venditore la s.r.l. B. Costruzioni e il simulato acquirente la signora A. , ma anche l'interponente, sia pure nella veste di amministratore e legale rappresentante della società. Nel contratto simulato scritto sono comparse tutte e tre le persone protagoniste dell'interposizione fittizia. L'atto pubblico è sottoscritto anche dal dissimulato acquirente, che lì ricopriva il ruolo di amministratore con poteri di legale rappresentante della società a responsabilità limitata alienante. B.F. ha sottoscritto, dunque, il contratto apparente, sia pure non in proprio ma nella qualità di organo della società venditrice. Il rapporto che lega l'amministratore con poteri di rappresentanza alla società è di rappresentanza organica. Anche nella immedesimazione organica non viene meno la dualità soggettiva tipica della rappresentanza. L'atto è sottoscritto dall'interponente nel ruolo di amministratore con poteri di legale rappresentante , per cui l'atto apparente presenta la stessa configurazione soggettiva dell'intesa simulatoria. Nel contratto notarile i soggetti giocano un ruolo diverso il reale destinatario degli effetti negoziali non assume le vesti anche del dissimulato acquirente, limitandosi ad agire come organo della società. Nondimeno, le parti dell'intesa simulatoria sono gli stessi soggetti del contratto apparente. 6. - Al Collegio preme dare atto di tale circostanza per un duplice ordine di considerazioni. 6.1. - Innanzitutto, perché il precedente di questa Corte che, dando avvio all'interpretazione oggi applicata, richiamò alla necessità del rispetto della forma per il contratto dissimulato, pose tuttavia un limite alla regola della forma. E' noto che per lungo tempo prevalse, in passato, l'orientamento che prescindeva dalla necessità del requisito della sottoscrizione dell'interponente ai fini dell'efficacia del contratto dissimulato nella interposizione fittizia. Di questo indirizzo è espressione Cass., Sez. I, 8 ottobre 1958, n. 3155 nel caso concreto - si disse - non manca certo il requisito formale, perché l'atto di compravendita esiste nel rogito che si è impugnato di simulazione relativa e non è poi argomento decisivo il fatto che nella scrittura manchi la sottoscrizione del reale acquirente , essendo ovviamente il rogito firmato dal prestanome . Orbene, quando la giurisprudenza, nel 1986 con la sentenza della II Sezione 22 aprile 1986, n. 2816 , voltò pagina, non mancò di individuare un limite alla necessità di osservare la forma anche per il dissimulato ritenne soddisfatto, cioè, il requisito formale già con l'atto apparente quando l'effettivo acquirente fosse comparso e avesse sottoscritto nella veste di testimone, il che avrebbe consentito di evitare la redazione di due atti pubblici contrastanti quando per la validità del contratto è richiesta quella forma. Si legge, infatti, in quella pronuncia l' art. 1414 c.c. , comma 2, nel sancire l'efficacia, del contratto dissimulato, tra le parti apparenti del contratto dissimulato, si riferisce evidentemente al caso in cui il contratto realmente voluto o è nascosto nello stesso contratto apparente ad esempio, la donazione nella vendita o prende corpo in un diverso documento la controdichiarazione e non al caso in cui i soggetti del contratto dissimulato sono, tutti o taluno, diversi dai soggetti del contratto simulato ed in cui il primo deve avere per forza un corpo diverso un diverso documento poiché in quello che racchiude il contratto simulato manca la sottoscrizione del soggetto o dei soggetti non apparenti ciò nell'ipotesi più frequente e normale non si può escludere che, giustificata da una ragione anch'essa simulata - testimone dell'atto - la sottoscrizione vi sia e in tal caso si ricade eventualmente nell'ambito dell'art. 1414 , sottoscrizione che è essenziale requisito di forma . 6.2. - In secondo luogo, per l'analogia con una vicenda giurisprudenziale legata alla recente evoluzione del quadro dei precedenti. Il Collegio intende riferirsi a Cass., Sez. II, 5 marzo 2021, n. 6212 . Con tale pronuncia questa Corte ha rigettato il ricorso avverso una sentenza di merito, la quale, in fattispecie di contratto dissimulato con sé stesso, aveva ritenuto che il requisito formale necessario ex art. 1414 c.c. , comma 2, dovesse essere riferito all'unico contratto apparente, riconoscendo valenza di idonea prova della simulazione alla dichiarazione scritta, rilasciata successivamente, con la quale l'interposto aveva riconosciuto la natura fittizia dell'intestazione del bene. Nel rigettare il ricorso, il Collegio di questa Sezione ha, per un verso, evidenziato che nel caso dell'interposizione fittizia la partecipazione del terzo non deve essere necessariamente contestuale e, quindi, necessariamente consacrata in un atto trilatero, essendo rilevante solo che il terzo abbia consapevolmente accettato che il compratore reale possa essere diverso da quello apparente ha, per altro verso, sottolineato che la dichiarazione scritta, rilasciata successivamente, con la quale l'interposto riconosca la natura fittizia e simulata dell'intestazione del bene, costituisce atto ricognitivo unilaterale avente valore di astrazione processuale, ai sensi dell' art. 1988 c.c. 7. - Più in generale, il Collegio coglie che nella giurisprudenza recente della Sezione i segni di una attenzione nuova ad un tema risalente, che registra fondamentali contributi della dottrina. In un caso di simulazione parziale soggettiva, Cass., Sez. II, 29 luglio 2017, n. 18204 , ha affermato il principio secondo cui la prova, tra le parti, della simulazione di un negozio solenne soggiace ad un requisito di forma scritta ad probationem tantum, ma non pure a quello solenne ed ulteriore eventualmente richiesto ad substantiam per l'atto della cui simulazione si tratta, poiché le controdichiarazioni, nel rappresentare il documento idoneo a fornire la suddetta prova, sono destinate a restare segrete e possiedono, quindi, un'obbiettività giuridica diversa dalle modificazioni dei patti, le quali implicano un nuovo accordo, modificativo del precedente, realmente voluto e concluso. Così statuendo, questa Corte ha ritenuto che la prova della parziale simulazione soggettiva di una donazione non richiede, anch'essa, l'atto pubblico, potendo essere fornita mediante una semplice controdichia-razione sottoscritta dalle medesime parti o da quella contro cui questa sia prodotta. Nella specie, la disponente aveva donato un immobile alla futura moglie del figlio, la quale, in separato atto, aveva riconosciuto che destinatario, in senso sostanziale, della liberalità era anche il futuro marito, figlio della donante. Mentre il giudice di merito aveva ritenuto che la controdichiarazione non potesse valere, per difetto della forma scritta solenne, come donazione verso il donatario occulto, questa Corte ha individuato la soluzione del problema sul piano della prova, affermando che la controdichiarazione, non essendo la fonte dell'attribuzione patrimoniale, non deve replicare le forme dell'atto pubblico. La prova della parziale simulazione soggettiva di una donazione non richiede anch'essa l'atto pubblico. 8. - Tornando alla specie del contratto dissimulato con sé stesso, l'operazione perseguita dalle parti, ad onta della dicotomia semantica, presenta un carattere unitario e si atteggia diversamente da una mera accidentale contemporanea conclusione di contratti distinti, di cui uno, nascosto, voluto, e l'altro, palese, privo di effetti. La fattispecie è caratterizzata dalla reciproca integrazione, sul piano del contenuto e dei presupposti, con il requisito formale affidato alla componente palese della simulazione, destinata a creare l'apparenza dell'avere simulato. Il negozio simulato rappresenta il luogo in cui viene realizzato il rispetto della prescrizione formale. Ne deriva che è sufficiente che il requisito formale ad substantiam sia rispettato dal contratto apparente, dal frammento ostensibile della simulazione, unico titolo traslativo. L'accordo simulatorio si affianca al contratto simulato, con la funzione di negare rilevanza all'acquisto dell'interposto e a ricondurlo all'interponente, già intervenuto alla stipulazione dell'atto simulato. L'accordo deve essere contemporaneo al contratto simulato può essere anche anteriore mentre è inammissibile un accordo simulatorio posteriore al contratto simulato. 9. - Diverso e distinto è il piano della prova dell'accordo simulatorio. Nel conflitto tra preteso compratore apparente ed acquirente effettivo, la prova della simulazione, traducendosi nella dimostrazione del presunto negozio dissimulato, non può essere data per testimoni o per presunzioni, ma può essere fornita solo a mezzo di atto scritto, e cioè con un documento contenente la controdichiarazione sottoscritta dalla parte contro cui sia prodotto in giudizio. Nessuna norma invece impone la contestualità della controdichia-razione al negozio simulato, dato che la controdichiarazione è soggetta solo alle regole della forma scritta ad probationem art. ex art. 1417 c.c. e non a quella della forma scritta ad substantiam. Può in generale osservarsi, con la dottrina, che le controdichiarazioni sono il significante di cui l'accordo simulatorio è il significato, ed insieme possono essere su un altro piano lo strumento probatorio di cui l'accordo simulatorio è il fine. La controdichiarazione successiva ha valore ricognitivo di una volontà formata contestualmente al contratto simulato. La controscrittura non è l'intesa in sé, ma il documento che ha valore ricognitivo dell'intesa stessa il documento non è espressione della voluntas simulandi, bensì si limita ad attestare una volontà già manifestata in precedenza. Nel rapporto tra le parti, la controdichiarazione, quale atto ricognitivo, può costituire mezzo di prova idoneo anche se successiva rispetto all'accordo simulatorio e al contratto simulato. 10. - L'applicazione di tali principi al caso concreto consente di rilevare l'errore, in cui è incorsa la sentenza impugnata, nell'avere considerato le scritture del 2013 inutilizzabili a fornire la prova, tra le parti, della interposizione fittizia. 11. - Preme rilevare, in primo luogo, che la dichiarazione ricognitiva in esse contenuta proviene da tutti i soggetti partecipanti all'operazione simulatoria dall'interposto, A.R., dal terzo alienante - la società venditrice B. Costruzioni, tramite il suo amministratore e legale rappresentante -, e dall'interponente, B.F., in proprio. Con tali scritture, inoltre, le parti non si sono limitate a rilasciare una dichiarazione genericamente attestante una situazione diversa da quella apparente, ma hanno specificamente richiamato l'atto per notaio D.M.C. in data OMISSIS , OMISSIS 12141 OMISSIS , e si sono date atto, reciprocamente, che la A. è solo fittiziamente acquirente dell'immobile compravenduto, mentre destinatario degli effetti giuridici della compravendita è il B Attraverso le citate scritture le parti hanno precisato altresì la condizione di appartenenza dell'immobile e gli impegni conseguenti il B. è unico e legittimo proprietario del bene la A. si impegna a non disporre del bene a lei solo formalmente intestato la A. si dichiara, inoltre, tenuta a trasferire il bene al B. a sua semplice richiesta. 12. - Nella specie le scritture del 2013 soddisfano l'esigenza dell'atto scritto. In base a quanto si è sopra puntualizzato, alla rilevanza di tali scritture non è di ostacolo il difetto della loro contestualità rispetto all'atto notarile. Difatti, gli atti in questione, provenienti da tutti i partecipanti alla complessiva operazione alienante, interposto e interponente , sono espressione del potere di accertamento successivo, in una fattispecie nella quale alla stipulazione del contratto simulato scritto, frammento ostensibile rivolto a creare l'apparenza dell'avere simulato, hanno già preso parte tutte e tre le personae protagoniste dell'interposizione fittizia, anche l'interponente, sia pure nella veste di amministratore e legale rappresentante della società venditrice. Si tratta di atti che, nel confessare la comune intenzione originaria, attestano la reale volontà delle parti nel tempo in cui si verificò la formale conclusione del contratto, nel senso che gli effetti dell'atto notarile del OMISSIS non stanno come apparentemente dispone l'atto simulato, perché i diritti con esso trasferiti debbono essere riconosciuti all'interponente, non all'interposto. 13. - Il primo motivo e', quindi, accolto. 14. - Con il secondo motivo violazione e falsa applicazione degli artt. 1173,1322,1324,1325 c.c. e art. 1419 c.c. , comma 2 il ricorrente si duole che la sentenza impugnata abbia negato che con le due controdichiarazioni sia stato validamente assunto dalla A. l'obbligo, inadempiuto, a ritrasferire al B. quanto acquistato dalla B. Costruzioni in forza del contratto di compravendita del omissis . 14.1.- L'accoglimento del primo motivo, sotto il profilo dell'interposizione fittizia, assorbe lo scrutinio della censura, articolata con il secondo mezzo, in tema di interposizione reale o di intestazione fiduciaria. 15. - La sentenza impugnata è cassata, in relazione alla censura accolta. La causa deve essere rinviata alla Corte d'appello di L'Aquila, che la deciderà in diversa composizione. Il giudice del rinvio provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione. P.Q.M. accoglie il primo motivo di ricorso, dichiara assorbito il secondo cassa la sentenza impugnata in relazione alla censura accolta e rinvia la causa, anche per le spese del giudizio di cassazione, alla Corte d'appello di L'Aquila, in diversa composizione.