Dall’energia alle misure sui carburanti, ecco le questioni discusse dai CDM

Il Consiglio dei Ministri si è riunito ieri due volte per l’approvazione di un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali e per approvare un decreto-legge in materia di accise e IVA sui carburanti.

Consiglio dei Ministri n. 74 Ieri mattina a Palazzo Chigi, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro dell'economia e delle finanze Daniele Franco, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di accise e IVA sui carburanti . È stato deciso che dal 3 maggio 2022 e fino all'8 luglio 2022, le aliquote di accisa saranno rideterminate nelle seguenti misure benzina 478,40 euro per mille litri oli da gas o gasolio usato come carburante 367,40 euro per mille litri gas di petrolio liquefatti GPL usati come carburanti 182,61 euro per mille chilogrammi gas naturale usato per autotrazione zero euro per metro cubo Inoltre, per lo stesso periodo, l'aliquota IVA applicata al gas naturale usato per autotrazione è stabilita nella misura del 5 per cento. Consiglio dei Ministri n. 75 Nel pomeriggio, poi, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e dei Ministri dell'economia e delle finanze, della transizione ecologica, dello sviluppo economico, delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, del lavoro e delle politiche sociali, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti e in materia di politiche sociali e di crisi ucraina. Il provvedimento rafforza ulteriormente l'azione finalizzata a contrastare gli effetti della crisi politica e militare in Ucraina , potenziando strumenti a disposizione e creandone di nuovi. 1 Energia . Sono state previste misure specifiche per assicurare liquidità alle imprese colpite dalla crisi ucraina. Nello specifico si tratta del bonus sociale energia elettrica e gas , che estende al terzo trimestre 2022 la misura, già adottata e sarà attuata dall'ARERA Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente . Sempre per il settore energia è stato previsto anche il rafforzamento dei crediti d'imposta in favore delle imprese per energia elettrica e gas e il credito d'imposta per gli autotrasportatori , per far fronte all'eccezionale incremento del costo del carburante, prevedendo un credito d'imposta nella misura del 28% delle spese sostenute nel primo trimestre 2022 per l'acquisto del gasolio da parte degli autotrasportatori utilizzato in veicoli di peso superiore a 7,5 tonnellate, di categoria euro 5 o superiore. È stata inoltre decisa la realizzazione di nuova capacità di rigassificazione per potenziare la sicurezza energetica nazionale e diversificare le fonti di approvvigionamento. Inoltre, il CDM ha trattato il tema della produzione di energia e delle semplificazioni per l'individuazione di ulteriori aree idonee ai fini dell'installazione degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili e di semplificazione dei procedimenti relativi alla realizzazione degli impianti. Sono stati anche considerati la gestione dei rifiuti di Roma Capitale in vista delle celebrazioni del Giubileo della Chiesa cattolica per il 2025 e infine è stato toccato il tema relativo al credito di imposta in materia di bonus edilizi con la detrazione del 110% che spetterà anche, in relazione agli interventi su unità immobiliari effettuati da persone fisiche edifici unifamiliari , per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a condizione che alla data del 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell'intervento complessivo. 2 Imprese. Sono state predisposte misure per assicurare liquidità alle aziende colpite dalla crisi ucraina, fronteggiare il rincaro delle materie prime e dei materiali da costruzione, assicurare produttività e attrazione degli investimenti. Nello specifico sono stati stanziati 200 milioni di euro per il 2022 per l'erogazione di contributi a fondo perduto in favore delle imprese danneggiate dalla crisi ucraina, nonché il rafforzamento dei crediti d'imposta. 3 Lavoro . Sono state varate misure per lavoratori e pensionati contro l'inflazione, nonché per il personale, il trasporto pubblico locale, le locazioni, i servizi digitali. 4 Accoglienza e supporto economico . Previste misure sia a beneficio delle persone in fuga e accolte in Italia, sia in favore del Governo ucraino. 5 Enti territoriali . Il CDM ha deciso misure per sostenere Regioni, province e comuni e per potenziarne gli investimenti.

Decreto-legge del 2 maggio 2022, n. 38 in G.U. del 2 maggio 2022, n. 101 Decreto-legge del 17 maggio 2022, n. 50 in G.U. del 17 maggio 2022, n. 114 Testo coordinato del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50 in G.U. del 15 luglio 2022, n. 164 Legge 15 luglio 2022, n. 91, di conversione del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50 in G.U. del 15 luglio 2022, n. 164