Palazzo Chigi ha approvato il Documento di economia e finanza

Durante il Consiglio dei Ministri di mercoledì 6 aprile 2022, è stato approvato il DEF, un d.P.C.M. che ridisegna e finanzia l’incentivo per l'acquisto di veicoli, auto e moto, elettrici, ibridi e a basse emissioni ed un disegno di legge di modifica del Codice della proprietà industriale.

Approvato il DEF. In seguito al peggioramento del quadro economico determinato dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, dall'aumento dei prezzi dell'energia, degli alimentari e delle materie prime, dall'andamento dei tassi d'interesse e dalla minor crescita dei mercati di esportazione dell'Italia, il Consiglio dei Ministri si è riunito ieri, presso Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Mario Draghi e, su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze Daniele Franco, ha approvato il Documento di economia e finanza DEF 2022, previsto dalla legge di contabilità e finanza pubblica l. n. 196/2009 . Con questa manovra, il Governo mira a contenere il costo dei carburanti e dell'energia per famiglie e attività produttive a potenziare gli strumenti di garanzia per l'accesso al credito delle imprese a integrare le risorse per compensare l'aumento del costo delle opere pubbliche e ripristinare alcuni fondi utilizzati a parziale copertura del recente d.l. n. 17/2022 . Grazie ai suddetti interventi, che testimoniano l'attenzione verso la sostenibilità della finanza pubblica, la crescita programmatica sarà lievemente più elevata di quella tendenziale, soprattutto nel 2022 e 2023. Se necessario, il Governo non esiterà a intervenire con la massima determinazione e rapidità a sostegno delle famiglie e delle imprese italiane. Incentivi automotive. Il Presidente Draghi ha firmato, inoltre, su proposta del Ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, di concerto con i ministri dell'Economia e delle Finanze Daniele Franco, delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini, della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, un d.P.C.M. che ridisegna e finanzia in maniera strutturale l'incentivo per l'acquisto di veicoli, auto e moto, elettrici, ibridi e a basse emissioni. In particolare, la misura che per l'acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissioni 0-20 g/km elettriche , con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 3 mila euro, a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un'auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 220 milioni nel 2022, 230 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024 per l'acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissione 21-60 g/km ibride plug - in , con un prezzo fino a 45 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un'auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 225 milioni nel 2022, 235 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024 per l'acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissioni 61-135 g/km endotermiche a basse emissioni , con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro se è contestualmente rottamata un'auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 170 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023 e 120 milioni nel 2024. Gli incentivi per l'acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in ed endotermiche sono concessi soltanto alle persone fisiche. Una percentuale dei fondi è riservata alle società di car sharing per l'acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in. In favore di piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche, sono inoltre previsti contributi per l'acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 e N2, nuovi di fabbrica, ad alimentazione esclusivamente elettrica. L'incentivo viene concesso con la contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4. Sono stati previsti anche incentivi anche per l'acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi. Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica, è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d'acquisto e fino a 2500 euro con rottamazione. Codice della proprietà industriale. È stato approvato, inoltre, un disegno di legge di modifica del Codice della proprietà industriale emanato con d.l. n. 30/2005. Il provvedimento costituisce un intervento di revisione volto ad assicurare un rafforzamento dell'intero sistema della proprietà industriale, operando su quelle aree in grado di incidere sulla competitività delle imprese nazionali, anche tenendo conto delle criticità emerse nel corso della pandemia da COVID-19.