Il Ministro della Giustizia: la riforma tributaria arriverà a breve

La riforma tributaria potrebbe essere anche anticipata rispetto alla scadenza prevista dal PNRR. Il numero medio dei giorni necessari per la definizione dei procedimenti, infatti, è già diminuito.

Marta Cartabia, il Ministro della Giustizia, ha reso noto che a breve arriverà la riforma della giustizia tributaria , così come previsto dal PNRR. Intanto, comunque, il numero medio dei giorni necessari per la definizione dei procedimenti nella Suprema Corte è già diminuito. Il carico sulla Cassazione sarà sempre importante, ma in attesa della riforma si possono registrare già alcuni miglioramenti derivanti prevalentemente da interventi organizzativi e dall'immissione di nuove risorse umane nell'ultimo anno in Cassazione nell'intera sezione civile, compreso quindi il tributario, il disposition time, vale a dire la durata di definizione dei procedimenti, si è ridotto del 22% circa. E altrettanto, -22% si registra nella sezione tributaria, dove la durata effettiva dei processi è scesa da 1.550 giorni circa del 2019, a 1.229 a fine febbraio. Circa 300 giorni in meno, non è poco , ha affermato il Ministro della Giustizia. Per quanto riguarda la riforma della giustizia tributaria, la Guardasigilli ha affermato che potrebbe anche arrivare prima del 31 dicembre 2022, cioè della scadenza prevista dal PNRR. Quella data è un termine ultimo che non può essere mancato ma fin da oggi possiamo dire che per quanto riguarda l'impegno del Governo è quello di anticipare i tempi per consentire un adeguato esame in Parlamento tanto più necessario quanto più tocca un settore, quello del rapporto con l'erario che è al cuore della ragion d'essere della democrazia rappresentativa , ha concluso Marta Cartabia. Video