Foto e contratto di locazione col nuovo partner: l’ex moglie perde l’assegno divorzile

Inutili le obiezioni proposte in Cassazione dalla donna. Per i Giudici vi sono tutti i presupposti per considerare stabile, e caratterizzata da un progetto assimilabile a quello del matrimonio, la relazione more uxorio da lei intrapresa con un nuovo partner.

Fotografie e contratto di locazione bastano per revocare l'assegno divorzile riconosciuto in prima battuta alla donna. Quei due dati sono sufficienti, difatti, secondo i Giudici, per ritenere acclarata l'esistenza di una nuova convivenza more uxorio intrapresa dalla donna con un altro uomo. Passaggio fondamentale in Appello lì i giudici accolgono la richiesta presentata dall'uomo, richiesta mirata ad ottenere la revoca dell'assegno divorzile riconosciuto all'ex moglie. Questa decisione è poggiata soprattutto su un pilastro la convivenza more uxorio instaurata dalla donna con un altro uomo . E su questo punto vengono richiamate alcune foto che ritraggono la donna col nuovo compagno. Centrale è però soprattutto il riferimento al contratto di locazione di una casa cointestato alla donna e al suo nuovo partner. Inutili le obiezioni proposte in Cassazione dalla donna. Inutili le sue contestazioni in merito alla effettiva esistenza di una convivenza stabile tra lei e un uomo. A questo proposito, difatti, i Giudici di terzo grado mostrano di condividere il ragionamento compiuto in Appello. Ciò significa che è correttamente ritenuta provata la convivenza more uxorio instaurata dalla donna alla luce di alcuni elementi di prova , come, soprattutto, il contratto di locazione cointestato tra lei e il nuovo partner . Logico, quindi, considerare accertato un progetto di vita comune tra la donna e il nuovo compagno, progetto avente caratteristiche assimilabili a quelle di un matrimonio . Di conseguenza, è sacrosanto revocare l' assegno divorzile riconosciuto alla donna, concludono i Giudici.

Presidente Cesare Relatore Fidanzia Rilevato - che con decreto n. 6014/2019, depositato il 18.11.2019, la Corte d'Appello di Napoli, nel procedimento di modifica delle condizioni di divorzio promosso da S.A. nei confronti della ex moglie V.G. , finalizzata ad ottenere la revoca dell'assegno divorzile sullo stesso gravante in considerazione della convivenza more uxorio instaurata da quest'ultima con altro uomo, ha accolto il reclamo proposto dal S. avverso il decreto del Tribunale di Napoli che aveva respinto tale istanza, disponendo che più nulla è dovuto dal reclamante per il mantenimento della sig.ra V. - che avverso il predetto decreto ha proposto ricorso per cassazione V.G. affidandolo a due motivi, mentre S.A. si è costituito in giudizio con controricorso che sono stati ritenuti sussistenti i presupposti ex art. 380-bis. Considerato 1. che con il primo motivo è stata dedotta la violazione degli artt. 115 e 116 c.p.c. e art. 2697 c.c. sul rilievo che la Corte d'Appello ha posto a fondamento della propria decisione un documento espressamente disconosciuto e contestato dalla ricorrente fotografie che asseritamente la ritraevano con il nuovo convivente , attribuendo la qualità di prova legale a tale asserito omesso disconoscimento - che, inoltre, la decisione aveva stravolto le regole dell'onus probandi ritenendo erroneamente che dalle fotografie e dal contratto di locazione cointestato alla ricorrente e al sig. P. scaturisse la prova di una stabile convivenza 2. che il motivo è inammissibile, in primo luogo, per difetto di autosufficienza che, infatti, proprio in virtù del predetto principio, questa Corte vedi Cass. n. 20637/2016 ha già enunciato il principio di diritto secondo cui, il ricorso per cassazione con cui si deduca l'erronea applicazione del principio di non contestazione non può prescindere dalla trascrizione degli atti sulla cui base il giudice di merito ha ritenuto integrata la non contestazione che il ricorrente pretende di negare, atteso che l'onere di specifica contestazione, ad opera della parte costituita, presuppone, a monte, un'allegazione altrettanto puntuale a carico della parte onerata della prova - che tale principio vale tanto nel caso in cui il ricorrente lamenti l'erronea qualificazione da parte del giudice del merito di un fatto come non contestato, sia perché effettivamente e specificamente contestato da parte sua, sia perché non allegato in modo specifico dalla controparte, quanto nel caso, che ricorre nella presente fattispecie, in cui il ricorrente lamenti la mancata qualificazione del fatto come non contestato da parte del Giudice del merito, benché fosse stato specificamente allegato e la controparte non lo avesse specificamente contestato Cass. n. 6303/2019 n. 12840/2017 n. 20637/2016 n. 9843/2014 n. 324/2007 - che, nel caso di specie, la ricorrente non ha riportato o trascritto, anche solo per estratto, il contenuto degli atti processuali non indicando nemmeno le pagine da cui emergerebbe il vizio in cui sarebbe incorso il giudice di merito, venendo quindi meno al proprio onere di allegazione - che, ogni caso, la Corte d'Appello non ha affatto ritenuto la sussistenza di una fattispecie di prova legale, ritenendo provata la convivenza more uxorio instaurata dalla sig.ra V. sulla base del prudente apprezzamento di alcuni elementi di prova emergenti nel caso concreto vedi anche contratto di locazione cointestato tra la ricorrente ed il sig. P. - che tale valutazione di fatto, in quanto di spettanza del giudice di merito, non è sindacabile in sede di legittimità se non per vizio di motivazione, secondo i parametri della sentenza delle Sezioni Unite di questa Corte n. 8053/2014 3. che con il secondo motivo è stata dedotta la violazione della L. n. 898 del 1970, art. 5, comma 6 che, in particolare, la ricorrente censura che la Corte d'Appello avrebbe dedotto l'esistenza di un progetto di vita comune tra la stessa ed il sig. P. , avente caratteristiche assimilabili a quelle di un matrimonio, da elementi poco significativi come una fotografia e ed un contratto di locazione cointestato 4. che il motivo è inammissibile che, infatti, posto che la ricorrente non ha impugnato la ratio decidendi del decreto impugnato - secondo cui il coniuge perde il diritto all'assegno divorzile in conseguenza dell'istaurazione di una stabile convivenza con altro uomo, con l'elaborazione di un progetto di vita in comune assimilabile a quello del matrimonio - le censure della sig.ra V. si appalesano come di merito, come tali non ammissibili in sede di legittimità, se non per vizio di motivazione nei termini sopra illustrati , che, non è stato, tuttavia, dedotto dalla ricorrente neppure in questo secondo motivo 5. che le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo. P.Q.M. Dichiara inammissibile il ricorso. condanna la ricorrente al pagamento delle spese delle spese di lite che liquida in Euro 2.100,00, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre spese forfettarie nella misura del 15 % ed accessori di legge Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13 , comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso per cassazione, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, ove dovuto.