Il Putinismo e la sinfonia con la Chiesa ortodossa

Negli anni Novanta, la Russia era un paese democratico in cui si svolgevano libere elezioni e dove le opinioni politiche potevano essere apertamente espresse. Era però anche un paese teatro di violenti conflitti e di estrema povertà.

Sfruttando il malcontento per l'instabilità economica e politica, Vladimir Putin , un ex funzionario del KGB, è riuscito a impossessarsi delle leve dello stato russo. Nel 2008, dopo otto anni da presidente, Putin è tornato a fare il primo ministro il controllo della polizia segreta, dei media, degli oligarchi, del partito Russia Unita e delle organizzazioni giovanili che lo fiancheggiano, ne fanno l'uomo più potente in Russia dai tempi di Stalin. Lucas descrive come la cerchia di Putin stia assumendo il controllo dell'apparato industriale, taglieggiando le aziende private e riducendo al silenzio chiunque critichi la sua gestione. Più la Russia sembra diventare illiberale, più aumenta la presa sul mercato europeo del gas destabilizzando l'UE, mentre Georgia, Ucraina e altre nazioni vengono intimidite con lo scopo di essere fatte rientrare nella vecchia sfera d'influenza sovietica. Edward Lucas in La nuova Guerra fredda , Bocconi editore . Putinismo un'ideologia per il futuro della Russia? La fine dell'URSS segnò la fine del comunismo come ideologia dominante in Russia. Il Putinismo è un tentativo continuo di formare un nuovo quadro politico che potrebbe sopravvivere o meno al suo omonimo. Il Putinismo ha preso piede nella Russia di oggi. Delle varie parti che compongono questa nuova ideologia, l'Ortodossia russa, operando in simbiosi con lo Stato, contribuisce con una descrizione un mondo russo assediato da un Occidente moralmente corrotto una valutazione chiesa e stato dovrebbero essere politicamente e religiosamente preminenti nella tradizionale sfera di influenza russa e una prescrizione mantenere uno stato forte e verticale e affrontare le incursioni politiche e socio-religiose occidentali nel mondo russo . Ma la simbiosi non è perfetta esistono rischi sia per Putin che per la ROC anche se cercano di coordinare gli sforzi. Il destino del Putinismo in questo momento non è chiaro molte sfide incombono all'interno e all'esterno della Russia. Per ora, però, in Russia è stata ristabilita la sinfonia di Chiesa e Stato . Resta in dubbio se la musica che stanno orchestrando possa alla fine portare l'armonia all'interno della Russia e tra la Russia e il mondo esterno. Catholic World Report La fede nel Putinismo una simbiosi Chiesa Stato di Marco Tosatti, 02.03.2022 Con la guerra in corso tra Russia e Ucraina non credo proprio. Naturalmente ci sono anche opinioni differenti, che descrivono la Russia come un normale Paese in via di sviluppo, con tutti i problemi e le peculiarità che in genere affronta questo tipo di Paesi. La si può anche considerare come un'antitesi al liberalismo occidentale cosa che molti conservatori in Russia ritengono essere un complimento . Secondo tale visione, il putinismo è una dichiarata sfida al liberalismo e alla democrazia liberale modernizzazione militare, aggressione del vicinato post-sovietico, costruzione della rete di propaganda globale. Il putinismo viene descritto come una forma di autocrazia conservatrice e populista. È conservatore non solo perché enfatizza i cosiddetti valori tradizionali , come la famiglia, composta esclusivamente da marito, moglie e figli, la religione ecc., ma perché in generale vuole mantenere lo status quo. Non vuole alcun cambiamento, nemmeno nell'economia. Non ha bisogno di cambiamenti e riforme, perché vive della vendita delle risorse del sottosuolo . La Russia di Putin di Vladimir Pachkov, Quaderno 4121, pag. 482 488, Anno 2022, Volume I, 5 marzo 2022 in La civiltà Cattolica È intaccata però anche la leadership americana. Uno dei fattori principali è stata la fine della Guerra fredda. Scrive l'Ambasciatore Sergio Romano in Gli Stati Uniti d'America alla ricerca dei loro equilibri in Notiziario della Banca Popolare di Sondrio n. 143, dicembre 2021, pag. 5, che negli anni della Guerra fredda la NATO era considerata lo scudo del mondo libero. La sua efficacia dipendeva in buona parte dalla partecipazione degli Stati Uniti e dall'impegno che avevano assunto con i loro partner. Con la fine della Guerra fredda e del periodo in cui il pericolo di un conflitto era considerato, forse esageratamente reale, l'Organizzazione ha perduto una gran parte della sua importanza. I Paesi che erano stati satelliti dell'URSS sono entrati nella NATO per celebrare il ritorno all'occidente e sottolineare la loro uscita dal Patto di Varsavia. Ma il passaggio dal Patto sovietico al Patto atlantico ha un valore d'apparenza più che di sostanza. I partiti nazionalisti di questi Paesi, fioriti durante l'invadente presenza sovietica, vogliono essere nella NATO perché dovrebbe garantire, in caso di necessità, l'intervento degli Stati Uniti, ma sono anche contemporaneamente, nell'Unione Europea perché l'organizzazione ha sempre aiutato finanziariamente i suoi nuovi membri. L'ultima prova del declino è l'elezione del presidente Donald Trump che ha fatto, durante il suo mandato, una gretta politica sovranista, fondata sulla convinzione che il paese non avesse obblighi internazionali e potesse coltivare esclusivamente i propri interessi. Quando non è stato eletto per un secondo mandato ha dimostrato di essere pronto a metter in discussione un sistema elettorale che per un lungo periodo ha garantito l'alternanza al potere delle maggiori forze politiche del Paese. E quando i suoi ammiratori hanno dato l'assalto al Senato, dove la maggioranza è della forza politica il Partito Democratico che è il suo oppositore, Trump ha giustificato e incoraggiato un'azione che è già una forma di guerra civile. Gli Stati Uniti rimangono un paese democratico e ritroveranno i loro equilibri. Ma hanno perduto una considerevole parte della loro credibilità . La fuga precipitosa dall'Afghanistan del Presidente Biden non ha certo aumentato la credibilità. In questo quadro io credo che debba muoversi l'Europa per riavviare il dialogo tra la Russia e l' Ucraina così da garantire la sicurezza della prima e la neutralità della seconda. Per una compiuta analisi della storia della Russia da Bre nev a Putin rinvio allo studio di Micromega n. 6/2019 e al Fondo di Fabio Bartoli e Giovanni Savino del 24.02.2022.