Inaugurazione dell’anno giudiziario presso il TAR Lazio

Si è tenuta la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario presso il TAR Lazio. Il Presidente Savo Amodio ha sottolineato che il 2021 si è caratterizzato come un anno di ripresa e di resilienza , nel quale l’attività giurisdizionale, pur risentendo dell’emergenza sanitaria, ha fatto registrare anche elementi positivi di carattere ordinamentale ed organizzativo .

Nel discorso tenuto in occasione della cerimonia, il Presidente del TAR Lazio Savo Amodio ha voluto ricordare i passaggi dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, che ha comportato significative ricadute sull'operatività del Tribunale durante l'intero 2021 . Dopo aver espresso considerazioni positive sulle udienze celebrate da remoto, il Presidente si è detto entusiasta per il ritorno della celebrazione delle udienze in presenza a partire dal 1 agosto, ritorno che è stato apprezzato da tutti, anzitutto perché considerato un primo e significativo recupero della normalità in secondo luogo, in quanto esso garantisce una maggiore efficacia del contraddittorio processuale e una più proficua collegialità decisionale, quali effetti naturali del confronto immediato fra i vari attori della Giustizia amministrativa, senza il filtro rappresentato dall'utilizzo degli strumenti telematici . Il Presidente ha espresso soddisfazione anche per l'istituzione, presso ciascuna delle sedici Sezioni di cui si compone il Tribunale, di altrettanti Uffici per il processo , ai quali sono preposti i rispettivi presidenti, con compiti di direzione e di organizzazione. Il discorso, infatti, è così proseguito tenuto conto che l'Ufficio per il processo è chiamato a svolgere ulteriori e rilevanti compiti, tra i quali la predisposizione di udienze tematiche e l'assistenza ai magistrati nella fase preparatoria dei provvedimenti giurisdizionali, risultano evidenti le ricadute positive che possono derivare da un'efficace operatività di detti uffici . Il Presidente, infine, ha illustrato le principali modifiche apportate al codice del processo amministrativo , che rispondono all'esigenza di accelerare la definizione dei processi, utilizzando tre distinti canali il raccordo fra il giudice e l'Ufficio per il processo, il potenziamento dei poteri decisori del presidente, e la riduzione, in misura molto significativa, della possibilità per le parti di ottenere il rinvio o la cancellazione dal ruolo dei ricorsi fissati ad udienza.

Relazione anno giudiziario 2 marzo 2022