Super green pass: respinto dalla Corte Costituzionale il ricorso di cinque parlamentari per conflitto di interessi

Con ordinanza del 19 gennaio 2022, la Corte Costituzionale ha respinto il ricorso di cinque parlamentari residenti in Sicilia e in Sardegna che sostenevano che l’obbligo di super green pass, non permettesse loro di partecipare alle votazioni in Parlamento.

Nessun impedimento per i parlamentari che nei giorni scorsi avevano fatto ricorso , sostenendo che le disposizioni in vigore dal 10 gennaio 2022 obbligo di certificazione verde per l'accesso ai mezzi di trasporto fossero un ostacolo al raggiungimento della città di Roma per poter svolgere i lavori parlamentari. La Corte Costituzionale, dopo avere esaminato la vicenda, ha dichiarato inammissibile il ricorso per conflitto di interessi , in quanto nessuna garanzia di voto era stata inficiata con l'entrata in vigore del decreto. La Consulta ha ritenuto che non ci sia alcuna violazione delle prerogative costituzionali dei parlamentari siciliani e sardi, specificando che le disposizioni del decreto riguardino la collettività e non le attribuzioni dei parlamentari , il cui esercizio sarà garantito degli organi competenti delle due Camere. L'ordinanza sarà depositata nei prossimi giorni.