COVID-19: anche gli infermieri devono vaccinarsi

Non sussiste per il ricorrente il pericolo di un danno grave e irreparabile egli, infatti, potrà agevolmente rimuovere gli effetti negativi dell’atto impugnato sottoponendosi alla vaccinazione anti COVID-19, così adempiendo a un preciso obbligo derivante dalla legge .

Il Tribunale amministrativo regionale della Calabria, con ordinanza del 13 gennaio 2022, ha affrontato la questione relativa ad una delibera del Consiglio Direttivo dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche. Quest’ultimo, infatti, aveva deciso di sospendere un collaboratore sanitario dall’Albo degli Infermieri, il quale si era volontariamente e senza un vero elemento ostativo sottratto all’ obbligo di vaccinazione anti COVID-19 . Il TAR di Catanzaro ha deliberato che nonostante la mancata vaccinazione, la questione non sia irreparabile e che l’infermiere debba sottoporsi alla vaccinazione obbligatoria come da giuramento professionale, eliminando in questo modo gli effetti negativi dell’atto impugnato.

Presidente Iannini - Estensore Tallaro Per l'annullamento previa sospensione dell'efficacia, - della delibera del Consiglio Direttivo dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche di Catanzaro del - omissis -, avente ad oggetto la -omissis--omissis- - di tutti gli atti presupposti, consequenziali o comunque connessi e per il risarcimento del danno ingiusto subito. Visti il ricorso e i relativi allegati Vista la domanda di sospensione dell'esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente Visto l' art. 55 c.p.a . Visti tutti gli atti della causa Ritenuta la propria giurisdizione e competenza Relatore nella camera di consiglio del giorno 12 gennaio 2022 il dott. Francesco Tallaro e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale Osservato che l'odierno ricorso non riguarda un atto di gestione del rapporto di lavoro intercorrente tra il ricorrente e l'Azienda Ospedaliera - omissis -, ma ha ad oggetto il provvedimento, di carattere autoritativo benché vincolato, di sospensione dall'Albo degli Infermieri, sicché, alla cognizione sommaria tipica della presente fase, appare correttamente individuata la giurisdizione di questo plesso di giustizia amministrativa Cons. Stato, Sez. III, ord. 23 dicembre 2021, n. 6796 TAR Friuli Venezia Giulia, 13 settembre 2021, n. 276 Osservato che è fuori discussione l'inosservanza, da parte del ricorrente, dell'obbligo, sancito dall' art. 4 d.l. 1 aprile 2021, n. 44 , conv. con mod.con l. 28 maggio 2021, n. 76 , di sottoporsi alla vaccinazione anti Covid-19, obbligo della cui conformità a Costituzione questo Tribunale così come la più autorevole giurisprudenza sin qui pronunciatasi cfr. Cons. Stato, Sez. III, 20 ottobre 2021, n. 7045 non dubita, essendo coerente con i migliori approdi conoscitivi cui è pervenuta la comunità scientifica e costituendo espressione del principio di solidarietà sociale Osservato che il ricorrente non ha dedotto, in questa sede giurisdizionale, la sussistenza di elementi ostativi alla sottoposizione, da parte sua, alla vaccinazione obbligatoria Osservato che, di contro, il ricorso si incentra solo sulla mancanza di un atto formale di accertamento dell'inosservanza dell'obbligo vaccinale da parte della competente Azienda Sanitaria Provinciale e sull'impossibilità, da parte dell'Ordine professionale, di surrogarsi a detta azienda nel compito di accertare un fatto la mancata sottoposizione a vaccinazione le cui conseguenze sono vincolativamente determinate dal legislatore Ritenuto, alla stregua di tali rilievi, che la domanda cautelare non possa trovare accoglimento non sussiste, infatti, per il ricorrente il pericolo di un danno grave e irreparabile egli, infatti, potrà agevolmente rimuovere gli effetti negativi dell'atto impugnato sottoponendosi alla vaccinazione anti Covid-19, così adempiendo a un preciso obbligo derivante dalla legge e, ancor prima cfr. Cons. Stato, Sez. III, decr. 1 dicembre 2021, n. 6401 , dal giuramento professionale cfr. anche Tribunale di Catanzaro, ord. 19 dicembre 2021 in procedimento n. 1637-1/2021 R.G., che parla di una sorta di condizione risolutiva potestativa il cui accadimento rientra nella disponibilità del lavoratore il quale in qualunque momento, con un comportamento volontario che, anzi, sarebbe doveroso atteso lo specifico obbligo vigente a suo carico può far cessare gli effetti della sua sospensione dal lavoro e dalla conseguente retribuzione Osservato, d'altra parte, che nel bilanciamento tra gli interessi in gioco, quello del ricorrente all'esercizio dell'attività sanitaria e alla correlativa percezione della remunerazione in violazione dell'obbligo vaccinale è destinato a soccombere a fronte delle pressanti esigenze di tutela della salute pubblica e, soprattutto della salute di chi si rivolga al personale sanitario Richiamata, in proposito, la giurisprudenza secondo cui il diritto soggettivo individuale al lavoro ed alla conseguente retribuzione è sì meritevole di protezione, ma solo fino all'estremo limite in cui la sua tutela non sia suscettibile di arrecare un pregiudizio all'interesse generale nella specie, la salute pubblica , di fronte al quale è destinato inesorabilmente a soccombere, sicché, ove il singolo intenda consapevolmente tenere comportamenti potenzialmente dannosi per la collettività, violando una disposizione di legge che quell'interesse miri specificamente a proteggere, deve sopportarne le inevitabili conseguenze Tribunale di Catanzaro, ord. 19 dicembre 2021 in procedimento n. 1637-1/2021 R.G, Ritenuto, quanto alle spese, che non vi sia luogo a provvedere, stante la mancata costituzione dell'amministrazione intimata P.Q.M. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria Sezione Seconda rigetta l'istanza di tutela cautelare. Nulla sulle spese. La presente ordinanza sarà eseguita dall'amministrazione ed è depositata presso la Segreteria del Tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti. Ritenuto che sussistano i presupposti di cui di cui all 'articolo 52, commi 1 e 2, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 19 6, e all 'articolo 9, paragrafi 1 e 4, del Regolament o UE 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 e all'articolo 2-septies del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 19 6, come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 10 1, manda alla Segreteria di procedere, in qualsiasi ipotesi di diffusione del presente provvedimento, all'oscuramento delle generalità nonché di qualsiasi dato idoneo a rivelare lo stato di salute delle parti o di persone comunque ivi citate.