Riduzione del periodo di prognosi: ecco i chiarimenti dell’INPS

L'INPS il 2 maggio 2017 ha pubblicato la circolare n. 79 che chiarisce gli obblighi a carico di lavoratori e datori di lavoro in caso di riduzione del periodo di prognosi riportato nel certificato attestante la temporanea incapacità lavorativa per malattia.

Gli obblighi di lavoratori e datori di lavoro. È stata pubblicata ieri, 2 maggio 2017, la circolare INPS n. 79 che contiene indicazioni e chiarimenti sulla riduzione del periodo di prognosi riportato nel certificato attestante la temporanea incapacità lavorativa per malattia. I lavoratori e i datori di lavoro sono, infatti, tenuti ad osservare gli obblighi sulla trasmissione telematica delle certificazioni di malattia, in modo tale che l’Istituto possa disporre in tempo reale di informazioni aggiornate e veritiere sullo stato di temporanea incapacità al lavoro dei soggetti interessati. L’INPS, avendo rilevato violazioni ed inadempienze, ha ritenuto necessario fornire indicazioni circa gli obblighi di lavoratori e datori di lavoro in caso di rettifica del certificato di malattia per guarigione anticipata. La rettifica della data di fine prognosi rappresenta un adempimento obbligatorio del lavoratore, sia nei confronti del datore di lavoro, sia nei confronti dell’INPS. Ulteriori chiarimenti sono forniti, inoltre, sulle sanzioni applicabili in caso di violazione dell’obbligo. Fonte www.lavoropiu.info

TP_LAV_17circInps79_s