Senza il vecchio elenco telefonico trovare un numero può costare molto caro

Due organizzazioni denunciano prezzi esosi dei nuovi numeri ampiamente pubblicizzati con forti investimenti che sostituiscono i precedenti servizi informativi via telefono sui dati degli abbonati. Restano gratis collegamento a parte quelli via web

Cercare via telefono il numero di un amico o l'indirizzo di un ristorante può costare piuttosto caro, certamente oltre le aspettative del normale utente che non si è preso la briga di informarsi sulle tariffe effettive dei vari servizi che forniscono consulenza in materia di abbonati al telefono. A denunciare un costo eccessivo l'esempio citato è quello di una chiamata di cinque minuti che può sfiorare i dieci euro poco più di nove per la precisione sono due organizzazioni a tutela dei consumatori, il Movimento difesa del cittadino e Altroconsumo, che segnalano non senza qualche preoccupazione le tariffe praticate dai vari servizi la cui numerazione comincia con 892 , vale a dire primo tra tutti quello che da mesi affolla spot televisivi i ballerini con i baffi e la tuta rossa , quello di Telecom Italia e la vecchia linea testimonial Claudio Bisio della Seat Pagine Gialle che, come dice lo spot, chiarisce anche se il ristorante più vicino ha i tavoli all'aperto oppure no. Ricchezza informativa a parte, le organizzazioni dei consumatori, segnalano agli utenti una sorta di vademecum per non sprecare soldi inutilmente, in particolare tenendo conto che a volte la medesima informazione può avere prezzi del tutto differenti. Un esempio chi chiama da un cellulare Tim il numero di Telecom Italia 892412 risparmia, su una chiamata da tre minuti, oltre 2,5 euro rispetto alla chiamata all'892892 che non appartiene ai gestori italiani ma ad una società statunitense di directory assistance presente in molti Paesi risparmio ancora maggiore, nella stessa condizione, per il cliente Vodafone che scelga di chiamare il numero di Pagine Gialle. Il maggior risparmio, tuttavia, si ha per ora usufruendo dei servizi disponibili via web che, tra l'altro, garantiscono una relativa privacy ulteriore su chi sta cercando chi o cosa. Fino a che la diffusione dell'accesso a Internet non avrà raggiunto una dimensione maggioritaria, questi servizi gratuiti che altro non sono se non la sostituzione del vecchio elenco telefonico sopravviveranno, sebbene ridimensionati rispetto al passato dalla maggior adesione degli utenti alla possibilità di non comparire in elenco, recentemente pubblicizzata con efficacia per evitare ai gestori i riflessi indesiderati dovuti agli abusi di telemarketing. È ovvio, tuttavia, che per ora i servizi via Internet - il cui costo è solo quello dell'accesso alla Rete - non sono accessibili tranne per una ridottissima quota di utenti evoluti dai normali utilizzatori di telefoni cellulari. E dunque i superpubblicizzati servizi della filiera 892 non hanno alternativa. Tuttavia, conoscendo i costi effettivamente elevati che addebitano, se ne può fare un uso più accorto e consapevole. Altroconsumo ha pubblicato anche sul proprio sito www.altroconsumo.it una tabella di riepilogo e comparazione dei costi dei vari servizi. E il Movimento difesa del cittadino www.mdc.it ha realizzato una ricerca, basata su una serie di chiamate effettuate con la finalità di reperire informazioni omogenee la durata media delle chiamate coronate da successo, ovvero dal reperimento del dato desiderato, è stata di circa tre minuti marginali, peraltro, i casi di insuccesso. Quanto alle tariffe, è il caso di ricordare che dopo le prime critiche ricevute la società che gestisce il servizio apparentemente più caro 892892 ha chiarito di essere perfettamente in regola con le tariffe fissate con apposita delibera quella sulla liberalizzazione dei cosiddetti servizi 12 dall'Autorità Garante per le Comunicazioni tariffe che prevedono un limite massimo di 1,5 euro al minuto - circa tremila lire del vecchio conio, cinquanta vecchie lire al secondo - ovviamente Iva esclusa. Se sia poco o tanto, in conclusione, lo decideranno gli utenti, anche se le organizzazioni dei consumatori chiedono chiarezza informativa e, nelle more, blocco degli spot controversi. Per ora, tuttavia, è bene che i consumatori sappiano in anticipo che trovare l'indirizzo o il numero della pizzeria più vicina può costare come la pizza, dell'Età dell'euro ovviamente. m.c.