Lo spoil system non vale per gli scienziati

Ecco perché va annullata la revoca del direttore scientifico del Regina Elena che non ha niente a che fare con l'attuazione dell'indirizzo politico

Spoil system, non si applica ai direttori scientifici degli Irccs. Questa la motivazione con cui la quinta sezione del Consiglio di Stato ordinanza 4554/06 depositata lo scorso 12 settembre e qui leggibile nei documenti correlati ha riammesso in servizio temporaneamente, in attesa del giudizio di merito, l'oncologo Francesco Cognetti direttore scientifico del Regina Elena. Ma andiamo con ordine. La vicenda. All'indomani della sua elezione, il ministro della Salute Livia Turco aveva sospeso i direttori scientifici degli Irccs Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico di Lazio e Lombardia, nominati da Silvio Berlusconi pochi mesi prima delle elezioni. In sostanza, la Turco aveva revocato dall'incarico di direttore scientifico del Regina Elena, l'oncologo Francesco Cognetti sostituendolo con Paola Muti, epidemiologa di fama internazionale, cinquantenne originaria dell'isola del Giglio appena rientrata dagli Usa. L'ordinanza 4554/06. Palazzo Spada con l'ordinanza 4554 ha sospeso cautelarmente la revoca Cagnetti che aveva impugnato la decisione del Tar Lazio che lo scorso 13 luglio aveva risposto negativamente alle sue osservazioni. Insieme al ministero della Salute, alla Regione Lazio e ai Fisoterapici ospitalieri di Roma, proprietari del Regina Elena e del San Gallicano, anche Paola Muti si era costituita contro l'oncologo. Tuttavia, hanno chiarito i giudici di piazza Capo di Ferro, lo spoil system non si applica al direttore scientifico degli Irccs, del resto, tale figura è preposta alla promozione e al coordinamento dell'attività scientifica e non all'attuazione dell'indirizzo politico . Per cui si tratta piuttosto di merit system. Legittimità della revoca o meno non ci resta che attendere il verdetto dei giudici capitolini. cri.cap

Consiglio di Stato - Sezione quinta - ordinanza 12 settembre 2006, n. 4554 Presidente Santoro - Estensore Russo Ricorrente Cognetti Considerato che, contrariamente a quanto sostenuto nell'ordinanza impugnata e come fondatamente rilevato dall'appellante, l'istituto dello spoyl system di cui all'articolo 6 della legge 145/02, non appare applicabile alla fattispecie in esame che riguarda il direttore scientifico di un istituto di ricovero e cura di carattere scientifico e, cioè, la figura soggettiva preposta alla promozione e al coordinamento dell'attività scientifica e non all'attuazione dell'indirizzo politico - amministrativo, e come tale retta dal cosiddetto merit system considerato che l'articolo 7 comma 2 della legge regionale Lazio 2/2006, riguarda, contrariamente a quanto sostenuto dall'ordinanza impugnata, la diversa fattispecie della cessazione dell'incarico di direttore scientifico a seguito dell'insediamento del consiglio di indirizzo successivo a quello in carica all'atto del conferimento considerato, comunque che l'atto di revoca discrezionale, di alta amministrazione e non politico impugnato in primo grado non appare sorretto da una adeguata motivazione e non è stato preceduto dal necessario avviso di avvio del procedimento considerato che, in virtù del nesso di presupposizione necessaria, l'annullamento e/o la sospensione dell'atto presupposto revoca del precedente incarico riverbera i suoi effetti sull'atto consequenziale nomina del nuovo direttore scientifico PQM Accoglie l'appello ricorso 6600/06 e, per l'effetto, in riforma dell'ordinanza impugnata, accoglie l'istanza cautelare in primo grado.