Il Postino... va giudicato sempre due volte

Un nuovo processo per decidere se la colonna sonora del film con Troisi Oscar proprio per la musica è stata copiata da una canzone di Endrigo. Accolto il ricorso del compositore argentino Bacalov. Le battute incriminate sarebbero in realtà di Wagner

Sarà un nuovo processo a stabilire se il compositore argentino Enrique Bacalov ha copiato, per la colonna musicale del film Il Postino - ultimo lavoro di Massimo Troisi, premiato con l'Oscar proprio per la musica - quattro battute della canzone Le mie notti incisa da Sergio Endrigo nel 1975 e scritta dal cantautore istriano morto lo scorso 7 settembre insieme a Riccardo Del Turco e Paolo Margheri. Lo ha stabilito la Cassazione - sentenza 24594, depositata il 23 novembre e qui leggibile tra gli allegati - accogliendo il ricorso di Bacalov che sostiene che un frammento musicale così breve non può configurare il reato di plagio - come ritenuto dalla Corte d'appello di Roma nel 2003 - e che, inoltre, quel fraseggio non sarebbe coperto dal copyright in quanto presente anche nell'opera wagneriana Lohengrin . A Bacalov - che collaborò fino agli inizi degli anni settanta con Endrigo - i tre autori del brano conteso avevano intenzione di chiedere un risarcimento danni di dieci miliardi di vecchie lire. Il verdetto di appello aveva ribaltato quello di primo grado - pronunciato nel 2001 - che aveva escluso il plagio ritenendo che l'opera prestata da Bacalov, per la pellicola diretta da Michael Radford, costituisse solo una variazione del motivo di Le mie notti e non una copiatura vera e propria. Ora la valutazione del livello di originalità del fraseggio incriminato dovrà, nuovamente, essere compiuta dalla Corte d'appello di Roma. Il procedimento di primo grado era stato caratterizzato da due consulenze una, dei maestri Ennio Morricone e Luciano Berio, che escludeva qualsiasi identità melodica tra i due brani l' altra, del critico musicale Guido Zaccagnini, si era conclusa riconoscendo il plagio. La vicenda giudiziaria cominciò nel 1996 quando Margheri e Del Turco, in una conferenza stampa a Firenze, denunciarono una presunta identità tra i due brani. A richiamare l'attenzione su questo caso era stato un aviatore brasiliano, collezionista di brani musicali, il quale, dopo aver visto il film tratto dal romanzo Il postino di Neruda del cileno Antonio Skarmeta, disse ad un suo amico giornalista che la colonna sonora gli aveva ricordato la canzone di Endrigo. Nell'annullare, per nuovo esame, il verdetto d'appello - in accoglimento dei motivi VI e VII del ricorso di Bacalov - la Suprema corte rileva che dall'esame degli atti risulta che il compositore denunciò sia il difetto di compiutezza espressiva delle battute in questione sia il difetto di novità ma la Corte d'appello non si è pronunciata in proposito .

Cassazione - Sezione prima civile - sentenza 17 ottobre-23 novembre 2005, n. 24594 Presidente Saggio - Relatore Panzani Pm Ciccolo - parzialmente conforme - ricorrente Bacalov - controricorrente Endrigo ed altri Svolgimento del processo Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e la Noah's Ark Edizioni Musicali Srl convenivano dinnanzi al Tribunale di Roma Luis Enrique Bacalov, la Cam Srl, la Cecchi Gori Tiger Cinematografica Srl, la Esterno Mediterraneo Film Srl per sentirle condannare in solido al risarcimento dei danni subiti dagli attori per avere il Bacalov riprodotto quasi fedelmente ed inserito in vari brani della colonna sonora del film Il Postino le quattro battute costituenti il motivo base della canzone Nelle mie notti , composta nel 1973 dai primi tre e cantata dall'Endrigo, dei cui diritti di utilizzazione economica la Noah's Ark Edizioni Musicali Srl si era resa cessionaria. Si costituivano i convenuti che concludevano per il rigetto della domanda, le società convenute chiedevano inoltre, per il caso di accoglimento, di essere manlevate dal Bacalov quale autore materiale dell'illecito, commesso a loro insaputa. All'esito di due ctu per la determinazione dell'originalità o meno delle musiche del film Il Postino il Tribunale con sentenza 22 gennaio 2001 rigettava la domanda.Su appello degli attori la Corte d'appello di Roma con sentenza 1 dicembre 2003 in parziale riforma della sentenza di primo grado, rigettava l'appello nei confronti di Cam Srl, Esterno Mediterraneo Srl, Fin.Ma.Vi. Cecchi Gori Group Spa - quest'ultima succeduta dalla Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica Srl, per incorporazione. Accoglieva invece l'appello nei confronti del Bacalov accertando che le prime quattro battute musicali dei brani della colonna sonora del film Il Postino costituivano plagio delle prime quattro battute dell'opera musicale Nelle mie notti e condannando l'appellato al risarcimento dei danni a favore degli appellanti in proporzione ai rispettivi diritti, da determinarsi in prosieguo di giudizio. Affermava la Corte d'appello che la colonna sonora del film Il Postino non costituiva una variazione musicale della canzone Nelle mie notti con carattere di originalità. Il Tribunale aveva ritenuto che l'opera del Bacalov costituisse una variazione dell'originale motivo di quattro battute contenuto nella canzone dell'Endrigo. Tale conclusione non poteva essere condivisa perché le variazioni delle note nelle quattro battute erano minime, identico era il disegno melodico, l'armonia ed i tempi. La variazione per essere tutelabile ai sensi dell'articolo 2 legge sul diritto d'autore costituire opera originale, mentre nella specie si trattava di una pedissequa ripetizione dei temi della canone degli appellanti. Le battute non potevano essere esaminata separatamente, come avevano sostenuto i consulenti di parte appellata, esse costituivano l'intero leit motiv sia della canzone che della colonna sonora del film. Vi era quindi plagio. Ad avviso dei giudizi di appello il Tribunale aveva mal interpretato le conclusioni dei consulenti d'ufficio, affermando che essi avevano ritenuto non determinante la riproduzione quasi fedele delle quattro battute nell'economia dell'intera colonna sonora del film. Al contrario i ctu avevano ritenuto che il Bacalov avesse effettuato una vera e propria citazione , pur limitando il plagio alle quattro battute iniziali. Era poi irrilevante che la canzone dell'Endrigo fosse una canzone commerciale e che l'opera del Bacalov fosse invece una colonna sonora di film, accompagnata non da un testo orale, come nella canzone, ma eseguita da un bandoneon che le attribuiva una particolare suggestione musicale. Non erano né il fine della composizione né il suo contenitore né le modalità esecutive a rendere l'opera originale. Negli arrangiamenti jazzistici o nelle trasposizioni per orchestra di opere scritte per strumento solista vi potevano essere vere e proprie creazioni originali, ma occorreva comunque che colui che effettuava le trasposizioni citasse l'autore e l'opera originale. Poiché il Bacalov ciò non aveva fatto, sussisteva violazione dell'articolo 158 legge sul diritto d'autore. Avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione il Bacalov, formulando tredici motivi. Resistono con controricorso Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e la Noah's Ark Edizioni Musicali Srl che hanno proposto anche ricorso incidentale con cinque motivi. Cam Srl, Esterno Mediterraneo Film Srl, Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi. Spa hanno proposto controricorso al ricorso inicidentale ed adesivo al ricorso principale. Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi. Spa ha anche proposto ricorso principale con univo motivo. Il ricorrente principale ed i controricorrenti Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri, Noah's Ark Edizioni Musicali Sas hanno depositato memorie ex articolo 378 Cpc. Motivi della decisione 1. Con il primo motivo il ricorrente principale Bacalov deduce nullità della sentenza per violazione dell'articolo 102 Cpc. Osserva che la Corte d'appello ha dichiarato che le prime quattro battute musicali dei brani della colonna sonora del film Il Postino costituiscono plagio delle prime quattro battute dell'opera musicale degli attori Nelle mie notti . La pronuncia si riferirebbe dunque a tutti indistintamente i brani musicali che costituiscono la colonna sonora del film ancorché i brani n. 3 e 13 siano stati creati da F. Canaro e L. C. Amadori ed il brano n. 17 sia stato creato dal Bacalov in comunione creativa con G. Gensel. Questi autori sarebbero pertanto litisconsorzi necessari pretermessi in quanto la sentenza impugnata ha deciso anche nei loro confronti, con conseguente nullità per violazione dell'articolo 102 Cpc. Con il secondo motivo il ricorrente principale deduce violazione dell'articolo 112 Cpc. Gli attori Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri, Noah's Ark Edizioni Musicali Srl nelle loro conclusioni avanti alla Corte d'appello hanno chiesto l'accertamento dell'avvenuto plagio esclusivamente con riferimento alle opere musicali del maestro Bacalov denominate Il Postino . In bicicletta, Postino scambino, Suoni dell'Isola, Sogni del Postino, Il Postino poeta. La Corte d'appello ha invece dichiarato che tutte le opere facenti parte della colonna sonora del film costituivano plagio delle prime quattro battute della canzone Nelle mie notti . La Corte avrebbe pertanto pronunciato oltre i limiti della domanda proposta dagli attori, con conseguente violazione dell'articolo 112 Cpc e nullità per ultrapetizione. Con il terzo motivo il ricorrente principale lamenta nullità della sentenza impugnata per violazione dell'articolo 132 Cpc perché nella sentenza non sono state riportate le conclusioni delle parti ai sensi del numero 3 della norma ora citata, avendo affermato la giurisprudenza che a tale omissione segue la nullità della sentenza quando ad essa si accompagni un vizio di attività del giudice, vale a dire un vizio di motivazione su un punto decisivo della controversia. Tale vizio sussisterebbe nel caso di specie per aver la Corte di merito ritenuto i plagio nei confronti di soggetti che non erano parti nel giudizio e relativamente ad opere che non erano oggetto della domanda attorea, come già evidenziato nei primi due motivi di ricorso. Con il quarto motivo di ricorso il Bacalov deduce violazione dell'articolo 112 Cpc nonché difetto di motivazione. La Corte di merito ha accertato il plagio delle prime quattro battute dei brani della colonna sonora del film Il Postino rispetto alle prime quattro battute della canzone Nelle mie notti , ma in realtà le battute in contestazione, come emergerebbe da una ctu e dagli spartiti ad essa allegati, non sarebbero allocate all'inizio dei brani, ma altrove. Anche sotto questo profilo la sentenza sarebbe nulla per ultrapetizione, perché non conforme alla domanda proposta dagli attori. Con il quarto motivo il ricorrente principale deduce violazione degli articoli 769 e 782 Cc nonché dell'articolo 107 Legge sul diritto d'autore ed in subordine dell'articolo 1418 Cc nonché difetto di motivazione su un punto decisivo della controversia, prospettato dalle parti o rilevabile d'ufficio. Secondo il Bacalov nessuno degli originari attori sarebbe titolare dei diritti di utilizzazione economica della canzone Nelle mie notti . La Corte d'appello avrebbe erroneamente affermato che la Noah's Ark Edizioni Musicali Srl si sarebbe resa cessionaria dagli autori Endrigo, Del Turco e Margheri dei diritti di utilizzazione dell'opera musicale. In realtà, come risulterebbe dal docomma del fascicolo del ricorrente, gli autori trasferirono i diritti di utilizzazione economica alle Edizioni Musicali Jubal Srl. Con successiva scrittura privata, docomma del fascicolo del ricorrente, la Jubal avrebbe trasferito il 50% dei diritti di utilizzazione economica alla Noah's Ark Edizioni Musicali Srl. Tale contratto sarebbe però nullo in quanto consisterebbe in una donazione non perfezionata con atto pubblico, come tale nulla per vizio di forma ex articolo 782 Cc e ciò potrebbe evincersi dal fatto che nessun corrispettivo è previsto a fronte del trasferimento a favore di Jubal. Anche qualificando il contratto come cessionevendita esso sarebbe nullo ex articolo 1418 Cc per mancanza di causa in difetto di pattuizioni in ordine al prezzo. Ne deriverebbe, secondo il ricorrente, l'inammissibilità e nullità del capo di sentenza relativo alla condanna del Bacalov per l'assunta violazione dei diritti patrimoniali spettanti a Endrigo, Del Turco e Margheri nonché alla Noah's Ark Edizioni Musicali Srl. Ad avviso del ricorrente la questione non è tardivamente proposta perché la nullità è rilevabile d'ufficio e perché essa risulta da documenti che sono già acquisiti al processo. Con il sesto motivo il Bacalov deduce violazione degli articoli 1, 2, 6, 20 Legge sul diritto d'autore nonché dell'articolo 118 disp. att. Cpc nonché difetto e contraddittorietà di motivazione in ordine all'individuazione del segmento della composizione musicale dedotto come plagiato. La Corte territoriale avrebbe omesso di accertare se le prime quattro battute della canzone Nelle mie notti abbiano il requisito della compiutezza espressiva, sì da poter essere qualificate opera dell'ingegno. Sottolinea che l'accertamento in tal senso costituisce un diritto-dovere per il giudice, che deve procedere d'ufficio, trattandosi di situazione sottratta alla disponibilità delle parti, alla qualificazione di un bene come bene giuridico e dunque come opera dell'ingegno. Sul punto si era espresso il giudice di primo grado, mentre la Corte territoriale non ha ritenuto di pronunciarsi ed in ogni caso non ha specificato l'iter logico in base al quale potrebbe essere pervenuta alla conclusione di essere di fronte ad un'opera dell'ingegno. Con il settimo motivo il ricorrente principale deduce violazione degli articoli 1, 2, 6 Legge sul diritto d'autore 2575 e 2576 Cc nonché difetto di motivazione in ordine all'individuazione del segmento musicale presuntivamente plagiato. La Corte d'appello avrebbe omesso di accertare la novità del segmento musicale di cui gli attori deducevano la violazione. Ciò nonostante che il Bacalov avesse dedotto che alcune battute erano presenti anche in opere musicali preesistenti, anche di rilevante notorietà quali il Lohengrin di Wagner. Con l'ottavo motivo il ricorrente principale deduce difetto di motivazione su un punto decisivo della controversia nonché violazione degli articoli 1, 2, 20, 158, 171 Legge sul diritto d'autore 2575, 2576 Cc. La Corte territoriale avrebbe affermato che il metodo adottato dai Ct di parte ricorrente per dimostrare la carenza del requisito della novità nelle prime quattro battute della canzone Nelle mie notti , vale a dire l'esame di ogni battuta separata dalle altre, non sarebbe stato idoneo. La Corte avrebbe tuttavia trascurato che il metodo della frammentazione costituisce l'unico strumento offerto agli analisti per valutare la novità di un brano, tanto che lo stesso metodo era stato adottato dai Ctu nelle due perizie effettuate in primo grado. Ancora la Corte ha osservato che le note musicali sono soltanto dodici, con la conseguenza che una singola battuta può anche inconsciamente ripetere una precedente elaborazione altrui, senza che per questo tutta l'opera possa dirsi non originale. In realtà con ciò la Corte non avrebbe adeguatamente risposto ai rilievi dei Ct del ricorrente che avevano escluso il requisito della novità dell'opera non già in relazione ad una sola battuta delle quattro considerate, ma a due battute su quattro nel caso dell'opera del compositore Jensen e a tre battute su quattro nel caso del Lohengrin di Wagner. Ancora vi sarebbe contraddittorietà perché la Corte non avrebbe spiegato perché la ripetizione inconscia di una parte dei motivi di illustri compositori del passato da parte degli attori non sarebbe illegittima, mentre lo sarebbe il medesimo procedimento posto in essere dal Bacalov. Inoltre la ripetizione inconscia di battute altrui purgherebbe l'opera del difetto di novità, consentendole di pretendere nei confronti di successive opera quella medesima tutela rifiutata ai compositori del passato. In sostanza se gli autori della canzone Nelle mie notti non hanno commesso plagio, neppure lo ha commesso il Bacalov. Con il nono motivo il ricorrente deduce difetto di motivazione con riferimento alle opere derivate nonché violazione degli articoli 1 e 2 Legge sul diritto d'autore. Il giudice di primo grado aveva sottolineato che il Bacalov aveva riproposto una piccola e non tutelata parte del tema avversario in un rapporto di derivazione analogo a quello della variazione musicale. Tale affermazione era in armonia con la giurisprudenza che ha escluso il plagio quando la variazione presenti un autonomo contributo originale. Ciò era stato ritenuto dal giudice di primo grado, cui erroneamente la Corte d'appello avrebbe attribuito la diversa opinione che il Bacalov avesse realizzato una variazione, costituente opera originale, delle prime quattro battute contenute nella canzone Nelle mie notti . Tuttavia, anche accettando l'impostazione della Corte d'appello, cioè che l'opera del Bacalov costituisce variazione delle prime quattro battute della canzone degli attori, occorre tener conto che nelle opere musicali qualificate come variazioni il tema presente nell'opera musicale variata deve sempre e necessariamente venir riproposto. Con il decimo motivo il Bacalov deduce violazione degli articoli 13, 171, 20, anche in relazione agli articoli 156 e 158 Legge sul diritto d'autore nonché difetto di motivazione. Ai sensi degli articoli 13 e 171 occorre, perché, vi sia violazione del diritto di utilizzazione dell'opera mediante duplicazione, che vi sia riproduzione fattuale di una stesura precedente. Ogni nota deve essere abbinata alle altre nella stessa sequenza. A due tessiture non omologhe nel loro complesso, in cui sia stata inserita una identica breve catena, il percettore può avere razioni estetico-emotive differenti, sì che non può esservi confusione di paternità. I due ctu hanno sottolineato che la condotta armonica dei due brani è diversa, che le quattro battute non rappresentano l'opera in se stessa, ma costituiscono una cellula base che viene riproposta ciclicamente. La Corte non avrebbe pronunciato sulla differenza tra le due stesure. Con l'undicesimo motivo il Bacalov deduce difetto di motivazione sull'inesistente identità dei due brani musicali quale presupposto dell'accertato plagio. La Corte d'appello avrebbe erroneamente affermato che la prime quattro battute della canzone Nelle mie notti sarebbero identiche a quelle contenute nel brano Il Postino ed in tutti i brani della colonna sonora. Non vi sarebbe adeguata motivazione sulla totale identicità delle battute in parola, perché la prima battuta sarebbe diversa essendo in proposito caduti in errore i ctu Baggiani e dell'Ongaro. Sarebbero diverse anche la seconda e la quarta battuta. Con il dodicesimo motivo il Bacalov lamenta difetto di motivazione nonché violazione degli articoli 70 e 158 Legge sul diritto d'autore e dell'articolo 10 della legge 399/78. La Corte d'appello osserva che il ricorrente avrebbe omesso di citare il nome degli autori delle quattro battute, come sarebbe doveroso nel caso di variazioni musicali. Tuttavia la citazione di un brano altrui ed il plagio sono fattispecie ben differenti. La citazione cui si accompagna l'omessa menzione del nome dell'autore del brano non concretizza un plagio, purché effettuata nei limiti di legge, limiti che, si sostiene, la Corte avrebbe appurato non essere stati superati. Non sussistendo plagio gli autori delle prime quattro battute della canzone Nelle mie notti avrebbero avuto soltanto diritto ad essere citati nel supporto fonografico, non certo a pretendere la tutela prevista in caso di plagio. Con il tredicesimo motivo il ricorrente principale deduce violazione dell'articolo 2043 Cc in relazione all'articolo 158 Legge sul diritto d'autore nonché difetto di motivazione in ordine all'elemento soggettivo del plagio. Poiché l'azione di danni ex articolo 158 Legge sul diritto d'autore non è che una specificazione dell'azione generale di danni prevista dall'articolo 2043 Cc ne deriverebbe che l'attore avrebbe dovuto provare la sussistenza dell'elemento psicologico dell'illecito, rappresentato dal dolo o dalla colpa dell'autore del plagio, che non sono in re ipsa. Sul punto la Corte d'appello avrebbe omesso ogni indagine senza considerare che gli attori non avevano soddisfatto l'onere probatorio che su di essi gravava. 2. Con il primo motivo del ricorso incidentale i controricorrenti Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e Noah's Ark Edizioni Musicali Srl deducono la nullità della sentenza impugnata per violazione dell'articolo 112 Cpc in orine al diritto morale ed all'accertamento della titolarità dei diritti patrimoniali. Deducono ancora violazione degli articoli 1, 4, 12 e ss legge sul diritto d'autore, 2043 e 2055 Cc nonché difetto di motivazione in ordine all'esclusione del concorso nel plagio di Cam Srl, Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi Spa ed Esterno Meditteraneo Film Srl. Osservano che essi avevano chiesto sia in primo grado che in appello che venisse accertata, a seguito del ritenuto plagio, la violazione del diritto morale d'autore spettante ad Endrigo, Del Turco, Margheri. Avevano inoltre domandato che venisse accertato il diritto della Noah's Ark Edizioni Musicali ad essere riconosciuta comproprietaria esclusiva dei diritti di utilizzazione economica delle composizioni la cui paternità è illecitamente attribuita al Maestro Bacalov ed i cui diritti di utilizzazione economica sono stati illecitamente ceduti a Cam Srl ed alla Esterno Mediterraneo Film. La sentenza impugnata avrebbe omesso di pronunciarsi in ordine alla violazione dei diritti morali degli autori Endrigo, Del Turco, Margheri nonché sulla con titolarità dei diritti di sfruttamento esclusivo dell'opera risultante dal plagio in capo a Noah's Ark Edizioni Musicali. Ancora la Corte avrebbe limitato l'accertamento della violazione dei diritti patrimoniali in capo al solo Bacalov, rigettando l'appello contro Cam Srl, Esterno Mediterraneo Film Srl, Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi Spa - già Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica, società aventi causa dal responsabile del plagio contraffazione. La Corte ha affermato che non vi era prova che questi soggetti avessero concorso nel plagio, dimenticando che ai sensi degli articoli 12 e ss legge sul diritto d'autore il concorso nella contraffazione sussisterebbe tutte le volte in cui via sia stata integrazione del materiale musicale contraffatto in un'opera filmica o registrazione dello stesso in fonogrammi. Tanto la riproduzione dell'opera altrui quanto gli atti d'intermediazione imprenditoriale tra opera ed utenza costituirebbero violazione del diritto d'autore. L'allegata buona fede di Cam Srl, Esterno Mediterraneo Film Srl, Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi. Spa - già Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica - potrebbe escludere la responsabilità per danni, ma non l'accoglimento delle domande di accertamento dell'illecito, di inibitoria, di distruzione degli esemplari dei prodotti filmici e discografici cui il concorso nella contraffazione ha portato. Era poi da escludere la buona fede delle controparti non avendo essere svolto alcuna indagine o valutazione preventiva in ordine alla liceità delle opere di cui il Bacalov si dichiarava autore ed avendo continuato nell'utilizzazione nonostante le diffide dei ricorrenti incidentali. Con il secondo motivo i ricorrenti incidentali deducono nullità della sentenza per violazione dell'articolo 112 Cpc in relazione alla spiegata domanda di inibitoria, sulla quale la Corte di merito non ha provveduto. Con il terzo, quarto e quinto motivo formulano la medesima censura con riguardo all'asserita omessa pronuncia della Corte di appello rispettivamente in ordine alle domande di distruzione dei supporti fonografici, di pubblicazione della sentenza ed alla domanda, spiegata in subordine, di indebito arricchimento. Sotto quest'ultimo profilo osservano che la Corte avrebbe dovuto pronunciare avendo escluso la responsabilità per danni delle società utilizzatrici per difetto di dolo o colpa. 3. Con il ricorso incidentale condizionato Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi Spa per l'ipotesi dell'accoglimento del ricorso incidentale proposto da Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e la Noah's Ark Edizioni Musicali Srl per quanto concerne la responsabilità per la contraffazione di essa Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi, insiste per l'accoglimento della domanda di manleva nei confronti di Esterno Mediterraneo Film Srl, di Cam Srl e del ricorrente principale Bacalov. 4. Deve essere preliminarmente disposta la riunione dei ricorsi ai sensi dell'articolo 335 Cpcomma . I primi tre motivi del ricorso principale possono essere esaminati congiuntamente. Essi non sono fondati. Va premesso che il ricorrente principale osserva che la sentenza impugnata nell'accogliere per quanto di ragione l'appello di Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e Noah's Ark Edizioni Musicali Srl nei confronti della sentenza di primo grado ha accertato che le prime quattro battute musicali dei brani della colonna sonora del film Il Postino costituiscono plagio delle prime quattro battute dell'opera musicale degli attori Nelle mie notti . Poiché alcuni dei brani della colonna sonora del film Il Postino non sono del Bacalov o sono riferibili anche ad altri autori, che non sono parti nel giudizio, la sentenza impugnata avrebbe pronunciato anche nei confronti di soggetti che non sono stati evocati in giudizio, con violazione della disciplina del contraddittorio ed in particolare dell'articolo 102 Cpc primo motivo . Poiché inoltre gli attori nelle loro conclusioni avevano chiesto l'accertamento del plagio soltanto con riferimento ad alcuni brani della colonna sonora del film Il Postino , indicandoli specificamente, la Corte d'appello avrebbe pronunciato oltre i limiti della domanda, incorrendo nella censura di ultrapetizione per contrasto con l'articolo 112 Cpc. Ancora, poiché le conclusioni delle parti non sono state riportate nell'epigrafe della sentenza impugnata, in violazione dell'articolo 132 n. 3 Cpc, e poiché, come s'è detto, la sentenza avrebbe pronunciato nei confronti di soggetti non convenuti in giudizio e su opere musicali relativamente alle quali non era stata proposta alcuna domanda, ne deriverebbe vizio di motivazione su un punto decisivo della controversia, vale a dire sull'identificazione delle parti del giudizio e dell'oggetto della domanda. In proposito va osservato che è principio pacifico nella giurisprudenza di questa Corte che l'individuazione del giudicato, sia esso giudicato esterno od interno come nel caso di specie, va effettuata con riferimento non soltanto al dispositivo della sentenza, ma anche alla motivazione di quest'ultima cfr. ex multis Sezione Lavoro 3245/03, rv 560829 Sezione lavoro, 14986/01, rv 550607 . In questo procedimento non può escludersi la correttezza di un'indagine diretta ad attribuire una rilevanza integratrice alle stesse domande delle parti, nell'assenza di altri elementi idonei ad escludere un'obiettiva incertezza sul contenuto della pronuncia Sezione lavoro, 6751/96, rv 498775 6559/95, rv 492789 . Tanto premesso, va osservato che nel caso di specie non può condividersi l'affermazione del ricorrente principale secondo il quale nell'epigrafe della sentenza impugnata sarebbe stato omessa, in violazione del disposto dell'articolo 132 comma 3 Cpc, l'indicazione delle conclusioni delle parti. Invero a pag. 2 della sentenza si legge che all'udienza del 16 maggio 2003 i procuratori delle parti concludevano come da verbale . È, dunque evidente che la Corte d'appello ha preso in esame le conclusioni assunte dalle parti, quali riportate nel verbale della citata udienza, e dunque il contenuto delle domande proposte da Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e Noah's Ark Edizioni Musicali Srl, pur omettendo di riportarle letteralmente. Nella motivazione della sentenza impugnata la Corte di merito ha genericamente trattato della colonna sonora del film Il Postino , senza mostrare di aver distinto i singoli brani che ne facevano parte, affrontando il problema del plagio rispetto alle prime quattro battute della canzone Nelle mie notti . La Corte peraltro ha fatto abbondantemente riferimento alle conclusioni assunte dai ctu ed all'analisi che costoro avevano compiuto dei vari brani musicali in contestazione. Sulla base di quest'ultima circostanza e del contenuto delle conclusioni assunte dagli appellanti principali Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e Noah's Ark Edizioni Musicali Srl , riportate nel controricorso, oltre che nel già ricordato verbale di udienza del 16 maggio 2003, conclusioni in cui erano espressamente citati i singoli brani della colonna sonora del film Il Postino che si assumeva che costituissero plagio della canzone Nelle mie notti , deve escludersi che la sentenza impugnata abbia pronunciato oltre i limiti della domanda proposta dagli attori e dunque su brani della colonna sonora del film Il Postino non considerati nelle conclusioni formulate in appello e tantomeno che abbia pronunciato nei confronti di soggetti diversi dal Bacalov, autori di taluni di tali brani musicali. 6. Pure infondato è il quarto motivo del ricorso principale. Osserva il ricorrente che la Corte d'appello ha dichiarato che le prime quattro battute della colonna sonora del film Il Postino costituiscono plagio delle prime quattro battute dell'opera musicale degli attori Nelle mie notti . Gli attori però non avrebbero mai chiesto che venisse accertato il plagio delle prime quattro battute dei brani della colonna sonora del film per la semplice ragione che le battute in contestazione sarebbero allocate non all'inizio dei brani, ma altrove. Di qui il denunciato vizio di ultrapetizione e difetto di motivazione. In realtà non sussiste difetto di corrispondenza tra chiesto e pronunciato. Si è già detto che le statuizioni della Corte territoriale vanno lette con riferimento alle conclusioni degli attori, come formulate nel verbale dell'udienza del 16 maggio 2003 avanti al giudice d'appello e riportate nel controricorso. Orbene in tali conclusioni gli attori non hanno fatto alcun riferimento alle prime quattro battute dei brani costituenti la colonna sonora del film Il Postino . Nelle conclusioni si fa riferimento più genericamente alle composizioni musicali intitolate Il Postino ed alle relative variazioni tematiche costituenti altri brani della colonna sonora e si chiede accertarsi che tali opere costituiscono plagio o contraffazione dell'opera musicale intitolata Nelle mie notti . Non vi è poi neppure difetto di motivazione. La Corte d'appello ha ampiamente trattato il problema del plagio, effettivamente riferito ad un nucleo di quattro battute della canzone Nelle mie notti che trovano corrispondenza, secondo la valutazione espressa dal giudice d'appello, in altrettante battute dei brani della colonna sonora del film Il Postino . Nella motivazione sono state ampiamente riportate le conclusioni cui sono pervenuti i ctu nominati nel giudizio di primo grado, anche se è stata omessa la precisazione che le prime quattro battute sono da riferirsi non ai brani della colonna sonora in quanto tali, ma alla frase melodica di cui è stata lamentata l'usurpazione. Tale omissione, peraltro, non ha inciso sulla ricostruzione del fatto cui sono pervenuti i giudici di appello, proprio perché in realtà essi si sono conformati alle risultanze della ctu, come risulta chiaramente dalla motivazione, pur nell'ambito di una certa qual semplificazione del discorso, frutto evidente della difficoltà per un profano di accostarsi al linguaggio tecnico adottato dai consulenti d'ufficio. Di qui anche la conclusione che la Corte d'appello non abbia pronunciato su domanda non proposta dagli appellati. 7. Il quinto motivo di ricorso è inammissibile. Il ricorrente principale afferma che la Noah's Ark Edizioni Musicali Srl non sarebbe legittimata ad agire per la violazione del diritto di autore relativamente alla canzone Nelle mie notti , nella qualità di cessionaria dei diritti di utilizzazione economica dell'opera da parte di Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri, perché tali diritti erano stati in realtà trasferiti alle Edizioni Musicali Jubal Srl che non è parte del giudizio. Il contratto con cui quest'ultima società ha poi trasferito i diritti in parola nella misura del 50% alla Noah's Ark Edizioni Musicali Srl sarebbe nullo per difetto di forma, trattandosi di scrittura privata di donazione, così dovendo qualificarsi il negozio in quanto nell'atto, prodotto in giudizio, non figura corrispettivo per il trasferimento. La questione, osserva il ricorrente principale, è nuova, ma la nullità può essere rilevata d'ufficio e si tratta di questione di diritto che non abbisogna di altri documenti diversi da quelli già acquistati al processo. Questa Corte ha da tempo sottolineato la differenza tra questioni attinenti alla legittimazione ed alla titolarità effettiva del rapporto controverso. La legittimazione o titolarità dell'azione costituisce una condizione dell'azione che si concretizza, dal lato attivo, nel diritto potestativo d'ottenere dal giudice una decisione di merito e si risolve nel potere di promuovere il giudizio, inteso ad una sentenza dichiarativa o costitutiva o di condanna, sul rapporto giuridico sostanziale dedotto ad oggetto di controversia, indipendentemente dalla sussistenza o meno dell'effettiva titolarità attiva del rapporto steso in capo all'attore, dacché si determina in base alla sola affermazione di questi della sua titolarità della posizione soggettiva attiva dedotta. Pertanto per verificare la sussistenza, si deve aver riguardo solo a quanto prospettato nella domanda, a prescindere dalla veridicità o meno di ciò che viene affermato. Allo stesso modo, dal lato passivo, la legittimazione si determina con l'indicazione nel convenuto, da parte dell'attore, del soggetto che, secondo le norme regolatrici del rapporto dedotto in giudizio, è destinato a subire gli effetti per il conseguimento dei quali l'azione è stata proposta, e ciò indipendentemente dall'effettiva titolarità del rapporto dal lato passivo in capo al convenuto medesimo. Il difetto di legittimazione, attiva e passiva, è rilevabile anche d'ufficio, in quanto attinente alla regolare costituzione del contraddittorio, per cui resta del tutto ininfluente che la questione sia stata o meno sollevata dalla controparte, o da una sola tra più controparti, ed in quali termini. La questione relativa alla legittimazione, pertanto, si distingue nettamente dall'accertamento in concreto che l'attore e il convenuto siano, dal lato attivo e passivo, effettivamente titolari del rapporto fatto valere in giudizio tale ultima questione, infatti, concerne il merito della causa e deve formare oggetto di specifica censura in sede di impugnazione, non potendo essere sollevata per la prima volta in cassazione. Tale questione non è, pertanto, rilevabile d'ufficio ma dev'essere sollevata dalla parte interessata che è anche onerata dalla relativa prova ex articolo 2697 Cc Sezione lavoro, 5912/04, rv 571507 Sezione seconda, 16492/02 12091/03 Sezione terza, 15177/02, rv 558068 . Nel caso in esame è evidente che il ricorrente contesta per la prima volta in sede di legittimità che la Noah's Ark Edizioni Musicali sia l'effettivo titolare dei diritti di utilizzazione economica della canzone Nelle mie notti ed eccepisce per la prima volta la nullità del contratto in virtù del quale Noah's è divenuta cessionaria dei diritti in parola. Si tratta di questioni di fatto sollevate per la prima volta in sede di legittimità, con la conseguenza che la censura va ritenuta inammissibile. 8. Il sesto ed il settimo motivo del ricorso principale possono essere trattati congiuntamente. Con essi il ricorrente afferma che la sentenza impugnata non avrebbe valutato se le quattro battute della canzone Nelle mie notti fossero dotate del requisito della compiutezza espressiva, sì da poter essere oggetto di tutela quale opera ai sensi della legge 633/41, e se inoltre esse fossero dotate del requisito della novità. I controricorrenti Sergio Endrigo, Riccardo Del Turco, Paolo Margheri e Noah's Ark Edizioni Musicali Srl hanno eccepito l'inammissibilità di questi motivi del ricorso osservando che la sentenza di primo grado aveva respinto, contrariamente a quanto sostenuto dal ricorrente in appello, la tesi del difetto di originalità e novità della canzone Nelle mie notti . L'eccezione avrebbe pertanto dovuto essere riproposta, non operando l'effetto devolutivo proprio dell'appello per le questioni che la parte sostiene che il giudice di primo grado abbia deciso in senso a sé favorevole. Al contrario l'appellante Bacalov si sarebbe limitato a sostenere che la sentenza di primo grado aveva escluso la novità e l'originalità dell'opera degli appellati, senza riproporre la relativa questione. Ribadendo che già il Tribunale aveva accertato che la frase melodica mancava dei requisiti di appropriabilità, il Bacalov avrebbe tenuto un atteggiamento di acquiescenza sulla questione preliminare, che non potrebbe essere riproposta in sede di legittimità. In proposito è sufficiente osservare che dall'esame degli atti del giudizio di appello, ed in particolare della comparsa di costituzione in appello del Bacalov, il cui esame è consentito in questa sede essendo stato denunciato un vizio di procedendo, risulta che l'appellato denunciò sia il difetto di compiutezza espressiva delle battute incriminate della canzone di Sergio Endrigo cfr. pp. 7-13 sia il difetto di novità pp. 13-17 . L'eccezione è stata dunque riproposta in appello, dal che discendeva l'onere della Corte territoriale di pronunciare sul punto e la piena ammissibilità dei due motivi di ricorso con cui la sentenza impugnata è censurata per non avere pronunciato in proposito. Invero il carattere creativo e la novità dell'opera sono elementi costitutivi del diritto d'autore sull'opera dell'ingegno, con la conseguenza che, prima ancora di verificare se l'opera del Bacalov potesse costituire plagio dell'opera di Sergio Endrigo, la Corte di merito avrebbe dovuto verificare se quest'ultima aveva i requisiti per beneficiare della protezione richiesta sia sotto il profilo della compiutezza espressiva, della sua attitudine ad essere considerata autonomo apporto creativo, opera tutelata insomma ai sensi della legge sul diritto d'autore, sia sotto il profilo della novità. La motivazione della sentenza impugnata non affronta in nessuna parte la questione del carattere creativo delle quattro battute oggetto di controversia della canzone Nelle mie notti e neppure della novità dell'opera, trattando invece diffusamente la diversa questione del carattere creativo e della novità dell'opera del Bacalov. A seguito dell'accoglimento del sesto e settimo motivo restano assorbiti gli altri motivi del ricorso principale ed il ricorso incidentale, nonché il ricorso incidentale condizionato. Con riferimento a quest'ultimo va sottolineato che per effetto dell'accoglimento del ricorso principale, la Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi. Spa potrà riproporre la domanda di manleva nei confronti del Bacalov in sede di giudizio di rinvio. La sentenza impugnata va cassata in relazione ai motivi accolti con rinvio ad altra sezione della Corte d'appello di Roma, che pronuncerà anche sulle spese del giudizio di cassazione. PQM La Corte rigetta i primi cinque motivi del ricorso principale accoglie il sesto ed il settimo motivo e dichiara assorbiti gli altri motivi del ricorso principale ed il ricorso incidentale cassa la sentenza impugnata, in relazione ai motivi accolti, con rinvio ad altra sezione della Corte d'appello di Roma, anche per le spese del giudizio di cassazione.