Libertà sulla liquidazione del danno morale, sempre tabelle e non importa quali

Il giudice può avvalersi di quelle usate per il danno biologico, senza preferenza obbligata tra romane e milanesi un'inversione di rotta, quest'ultima, rispetto ad un'altra recente pronuncia di piazza Cavour

La liquidazione del danno morale può essere fatta in piena libertà dal giudice. Infatti, può avvalersi delle tabelle usate per il danno biologico, tanto quelle romane quanto quelle milanesi. Non basta. Se conseguentemente a un incidente stradale si manifesta una malattia del danneggiato, fino a quel momento latente, l'avvenimento peserà sulla valutazione finale del ristoro. Questi sono i due principi affermati dalla Corte di cassazione con la sentenza 394/06 depositata lo scorso 12 gennaio e qui leggibile nei documenti correlati , che segna un'inversione di rotta rispetto a un'altra recente sentenza 15760/06 pubblicata sul quotidiano del 14 luglio 2006 con la quale la Suprema corte aveva manifestato la preferenza per le tabelle di Milano. Il parametro di riferimento per la liquidazione del danno non patrimoniale, hanno stabilito, sono le tabelle. Non importa in quale palazzo di giustizia si siano formate, l'importante è che tutto si commisuri a questi dati empirici. La liquidazione del danno morale - si legge nelle motivazioni -può essere legittimamente fatta dal giudice sulla base delle stesse tabelle usate per la liquidazione del danno biologico . Purché il risultato venga sempre personalizzato . A pochi mesi dalla sentenza 15760/06, passata più alla storia come la prima piccola apertura della Cassazione verso i Pacs, i giudici di legittimità hanno cambiato idea. Allora avevano sostenuto che il giudice può applicare le tabelle ma non può farlo acriticamente. Ciò perché queste sono state concepite per la stima del danno biologico che, per natura e per essenza, è la lesione dell'integrità psicofisica, mentre il danno morale è la lesione dell'integrità morale, dove il termine integrità scelto dalla Costituzione europea per descrivere il valore universale e cristiano della dignità umana, esprime la centralità dell'uomo nell'ordine costituzionale dell'Unione europea, di cui siamo stato membro e fondatore . Non solo, avevano aggiunto i giudici della terza sezione, questi principi non sono stati rispettati dalla Corte territoriale, che ha pedissequamente applicato al caso le tabelle depositate presso il proprio palazzo di giustizia senza tenere conto che le tabelle milanesi, sono quelle statisticamente maggiormente testate, per il numero elevato di casi giudiziari e delle transazioni extragiudiziarie italiane . Debora Alberici

Cassazione - Sezione terza civile - sentenza 4 dicembre 2006-11 gennaio 2007, n. 394 Presidente Di Nanni - Relatore Massera Pm Uccella - parzialmente conforme - Ricorrente Narducci Svolgimento del processo Con sentenza in data 18 ottobre-19 dicembre 2001 il Tribunale di Roma condannava Enrico Grevo e la Bavaria Assicurazioni Spa ora Milano Assicurazioni Spa a pagare in solido ad Emanuela Narducci la somma di lire 162.387.700, a titolo di risarcimento danni da incidente stradale. Con sentenza in data 8 marzo-20 aprile 2004 la Ca di Roma rigettava le contrapposte impugnazioni. La Corte territoriale osservava per quanto interessa l'accertamento del Ctu in ordine alla entità delle lesioni conseguenti al sinistro appare corretto e il danno morale è stato liquidato adeguatamente l'abbandono dell'attività lavorativa e il trasferimento in Toscana non sono ricollegabili alle lesioni patite nel sinistro. Avverso la suddetta sentenza la Narducci ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi, ulteriormente illustrati con successiva memoria. La Milano Assicurazioni ha proposto ricorso incidentale articolato in tre censure. Motivi della decisione I due ricorsi vanno riuniti ai sensi dell'articolo 335 Cpc. Con il primo motivo la ricorrente principale denuncia vizio di motivazione con riferimento alla liquidazione del danno biologico comprensivo di quello esistenziale, assumendo che non è stata valutata l'incidenza dell'evento lesivo sull'accelerazione della sclerosi, che prima del sinistro si trovava ancora allo stadio latente. Inoltre lamenta che sono state applicate pedissequamente le tabelle del Tribunale di Roma senza alcun riferimento alle peculiarità del caso concreto. Il motivo si articolata, dunque, in due censure la prima delle quali risulta infondata poiché la Corte territoriale ha esplicitamente preso in esame il tema della accelerazione dei tempi della malattia raccordandosi a quanto ritenuto in proposito dal Ctu dal testo della sentenza risulta che, proprio in considerazione della predetta accelerazione, la valutazione del danno è stata elevata dal 18% al 28% . Come si evince dalle argomentazioni poste a sostegno della censura, in realtà la Narducci contesta soprattutto le valutazioni espresse dal Ctu, ma tale doglianza non può trovare ingresso in questa sede poiché si verte in tema di apprezzamento di merito che la sentenza impugnata, riferendosi ovviamente alla consulenza tecnica, ha motivato in termini sufficienti e razionali, tra l'altro sottolineando che dalle indagini del Ctu è emerso che la sclerosi multipla si era già manifestata in epoca antecedente al trauma di almeno un anno. parimenti infondata è la seconda censura, poiché essa pecca di assoluta genericità. Anche recentemente questa Corte ha ribadito Cassazione 11039/06 che unica possibile forma di liquidazione - per ogni danno che sia privo, come il danno biologico e il danno morale, delle caratteristiche della patrimonialità - è quella equitativa, sicchè la ragione del ricorso a tale criterio è insita nella natura stessa di tale danno e nella funzione del risarcimento realizzato mediante la dazione di una somma di denaro, che non è reintegratice di una diminuzione patrimoniale, ma compensativa di un pregiudizio non economico, con la conseguenza che non si può fare carico al giudice di non avere indicato le ragioni per le quali il danno non può essere provato nel suo preciso ammontare - costituente, in linea generale, la condizione per il ricorso alla valutazione equitativa articolo 1226 Cc - giacchè intanto una precisa quantificazione pecuniaria è possibile, in quanto esistano dei parametri normativi fissi di commutazione, in difetto dei quali il danno non patrimoniale non può mai essere provato nel suo preciso ammontare, fermo restando, tuttavia, il dovere del giudice di dare conto delle circostante di fatto da lui considerate nel compimento della valutazione equitativa e del percorso logico che lo ha condotto a quel determinato risultato. In particolare, la liquidazione del danno biologico può essere effettuata dal giudice, con ricorso al metodo equitativo, anche attraverso l'applicazione di criteri predeterminati e standardizzati, quali le cosiddette tabelle elaborate da alcuni uffici giudiziari , ancorché non rientrino nelle nozioni di fatto di comune esperienza, né risultano recepite in norme di diritto, come tali appartenenti alla scienza ufficiale del giudice. La liquidazione equitativa del danno morale, poi, può essere legittimamente effettuata dal giudice sulla base delle stesse tabelle utilizzate per la liquidazione del danno biologico, portando, in questo caso, alla quantificazione del danno morale - in misura pari ad una frazione di quando dovuto dal danneggiante e a titolo di danno biologico - purché il risultato, in tal modo raggiunto, venga poi personalizzato tenendo conto della particolarità del caso concreto e della reale entità del danno, con la conseguenza che non può giungersi a liquidazioni puramente simboliche o irrisorie. Ribadita, dunque, la legittimità del ricorso alla liquidazione equitativa gabellare, osserva la Corte che la sentenza impugnata ha tenuto conto della peculiarità della fattispecie e che, per contro, la ricorrente non ha addotto argomentazioni specifiche per dimostrare eventuali errori o omissioni, né ha spiegato quali altri elementi sarebbe stato necessario valorizzare, dal momento che la Corte territoriale ha considerato l'entità delle lesioni conseguenza diretta del trauma, l'effetto accelerativo spiegato sulla malattia che si era già manifestata, la non incompatibilità di essa con l'attività lavorativa espletata, la natura delle lesioni, la durata della malattia, l'entità dei postumi. Con il secondo motivo la ricorrente lamenta vizio di motivazione anche con riferimento al danno da inabilità lavorativa generica e specifica e al danno morale. Detto motivo, anche con riferimento al quale valgono le osservazioni precedenti, si raccorda alla prima delle censure contenute nel motivo precedente e risultata, al pari di essa, infondata, poiché la Corte territoriale ha, sia pure sinteticamente, motivato in ordina ad entrambe le questioni. La ricorrente contesta ancora una volta le indicazioni del Ctu e le conseguenti valutazioni del giudice di appello, svolgendo considerazioni che implicano necessariamente apprezzamenti di fatto non consentiti in questa sede, considerato che la motivazione della sentenza impugnata non presenta, in proposito, omissioni rilevanti, né fratture logiche evidenti. Pertanto il ricorso principale va rigettato. Con il primo motivo del ricorso incidentale la Milano Assicurazioni denuncia vizio di motivazione con riferimento alla liquidazione del danno sotto il profilo che la Ca non avrebbe tenuto conto dei precedenti eventi morbosi e traumatici evidenziati anche dal Ctu. La censura è manifestamente infondata in quanto la sentenza impugnata ha fatto proprie le valutazioni del Ctu che, proprio per quanto riferito dalla stessa ricorrente incidentale, aveva considerato gli eventi pregressi. In realtà anche la Milano, come già la Narducci, contesta gli accertamenti e le valutazioni del Ctu, quindi anche la sua doglianza è infondata per le medesime ragioni illustrate superiormente. Con il secondo motivo la Milano lamenta violazione di legge e vizio di motivazione in tema di condanna alle spese dei due gradi di giudizio. Il Tribunale prima e la Ca dopo hanno applicato il principio della soccombenza sostanziale, restando nei limiti del potere discrezionale che la normativa attribuisce nella materia al giudice. D'altra parte la censura è espressa in termini assolutamente generici, tali da determinare l'inammissibilità. Con il terzo motivo la Milano chiede la restituzione delle somme erogate nel caso di accoglimento del ricorso incidentale. Trattasi di motivo che presuppone l'accoglimento dei primi due e che, pertanto, resta travolto dalla infondatezza di essi. Anche il ricorso incidentale va, dunque, rigettato. Si ritiene sussistano giusti motivi per compensare interamente le spese del giudizio di cassazione. PQM Riunisce i ricorsi e li rigetta. Spese compensate.