Tribunali di Roma: la carta igienica bisogna portarla da casa, ma il Ministero ha già assegnato i fondi

La crisi c’è, e si fa sentire anche nei Tribunali. In special modo nel Tribunale di Roma, dove, da qualche giorno, sulle porte dei bagni è affisso un cartello che recita In attesa di stanziamenti ministeriali per il 2013 si pregano i fruitori dei servizi igienici di munirsi delle proprie forniture perché mancherà l’approvvigionamento . Secondo il Ministero della Giustizia, invece, i fondi sono stati già accreditati da un mese.

Un tribunale senza carta igienica. Non è la prima volta che si registrano tali emergenze. Infatti, già in passato, si sono registrate carenze di materiale di cancelleria, come carta, toner per stampanti e fotocopiatrici e, ancora, carburante per le auto di servizio. Stavolta, però, a scarseggiare, anzi a mancare del tutto, sono le forniture dei servizi igienici. I fondi per la carta igienica nei bagni degli Uffici giudiziari di Roma sono stati già assegnati da un mese. Ma sulla questione non si è fatta attendere la risposta del Ministero della Giustizia che, con un comunicato apparso sul sito istituzionale il 6 marzo 2013, ha fatto sapere di aver già provveduto, da circa un mese, all'assegnazione dei fondi per le spese relative all’acquisto di materiale igienico-sanitario. E, più precisamente, conclude il Ministero, si tratta di 80.904,43 euro che lo scorso 6 febbraio sono stati accreditati alla Corte di Appello di Roma, competente a provvedere all'utilizzo dei fondi per le esigenze di tutto il distretto .