Droga: gli sconti di pena della nuova legge

Sanzioni più leggere anche nei processi pendenti. Il Palazzaccio chiarisce per la prima volta gli effetti della norma

Sanzioni più leggere ai tossicodipendenti anche per i processi pendenti. In questo modo la Cassazione ha chiarito per la prima volta uno degli effetti della nuova legge sulla droga n. 49/2006 . Con la sentenza 12638/06 - depositata il 10 aprile scorso e qui integralmente leggibile tra gli allegati - la prima sezione penale di piazza Cavour ha spiegato infatti che, per effetto delle recenti modifiche legislative introdotte nel Codice di procedura penale, fra gli elementi che incidono sull'applicazione della disciplina del reato continuato c'é la consumazione di più reati in relazione allo stato di tossicodipendenza. Così al drogato che ha commesso anche a distanza di molto tempo una serie di reati riconducibili alla sua condizione, può essere applicata la pena prevista per il reato più grave aumentata di un terzo e non la somma delle singole pene. E la riduzione può scattare anche per i procedimenti in corso. Soluzione che, per la Suprema corte, è apparsa obbligata in quanto l'istituto della continuazione - si legge nella sentenza in esame - è un istituto di diritto sostanziale, come tale rientrante nella disciplina dell'articolo 2 del Codice penale, per cui si applica la disposizione più favorevole al reo, costituita chiaramente da quella introdotta dalla modifica legislativa all'articolo 671 del Codice di procedura penale che è diretta ad attenuare le conseguenze penali della condotta sanzionatoria nel caso di tossicodipendenti .

Cassazione - Sezione prima penale - sentenza 28 marzo-10 aprile 2006, n. 12638 Presidente Silvestri - Relatore Corradini Ricorrente Marino Osserva Con ordinanza in data 12 luglio 2005 il giudice monocratico del Tribunale di Asti, quale giudice dell'esecuzione, investito dalla richiesta di Marino Carmine Gianluca di applicazione della disciplina del reato continuato in sede esecutiva, ai sensi dell'articolo 671 Cpp, in relazione a sei sentenze di condanna per reati contro il patrimonio commessi fra il 1999 e il 2003, in ordine ai quali il condannato aveva dedotto l'avere agito in esecuzione di un medesimo disegno criminoso consistente nella necessità di reperimento di denaro per il suo stato di tossicodipendente, ha riconosciuto la continuazione limitatamente alle sentenze di condanna del Gup di Asti del 9 novembre 2001 e del Tribunale di Alba del 18 marzo 2002 ed alle sentenze del Gup di Asti del 7 maggio 2002 e della Corte di appello di Torino del 18 febbraio 2004, trattandosi, in tali casi, di reati commessi a brevissima distanza temporale e con modalità esecutive analoghe ed omogenee, respingendo invece l'istanza per le altre sentenze di condanna. Ha ritenuto infatti trattarsi di tali casi di attività delinquenziale protrattasi per lungo lasso di tempo, con significativi intervalli intercorsi fra la commissione dei vari reati e con il compimento di fattispecie di natura diversa commesse con modalità differenti, escludendo in particolare che si potesse individuare la unitarietà del disegno criminoso nello stato di tossicodipendenza dal condannato. Ha proposto ricorso per cassazione la difesa del Marino lamentando violazione di legge poiché la attività delinquenziale appariva sostanzialmente ininterrotta mentre la unitarietà del disegno criminoso doveva essere individuata nella necessità da parte del condannato di reperire il denaro quale mezzo per soddisfare i suoi bisogni di tossicodipendente. Il Pg presso questa Corte ha concluso per la inammissibilità del ricorso rilevando che la serie di reati commessi dal condannato appariva il frutto di una scelta di vita delinquenziale piuttosto che il frutto di un unitario disegno criminoso. Il provvedimento impugnato, laddove ha escluso che lo stato di tossicodipendenza del condannato potesse avere rilievo ai fini della individuazione della unitarietà del disegno criminoso, in relazione alla applicazione dell'istituto del reato continuato invocato dal ricorrente in sede esecutiva, era in effetti del tutto in linea con una giurisprudenza da tempo consolidata di questa Corte per cui la unitarietà del disegno criminoso, richiesta dall'articolo 81, comma 2 Cp, poteva essere ravvisata soltanto quando la decisione di commettere i vari reati fosse stata presa dall'agente in un momento precedente la consumazione del primo e fosse estesa a tutti gli altri, già programmati nelle loro linee generali, non potendo quindi rientrare nella previsione della norma in questione tutti quei fatti costituenti reato posti rispetto al primo in un rapporto di occasionalità, ovvero costituenti, con il primo, espressione di una abitualità o addirittura di un costume di vita, come è proprio dei tossicodipendenti i quali ricorrono abitualmente alle commissioni di reati per procurarsi i mezzi occorrenti per soddisfare i loro bisogni quotidiani di sostanze stupefacenti. Si deve peraltro rilevare che è ora sopravvenuta la modificazione dell'articolo 671, comma 1 Cpp, per effetto dell'articolo 4vicies della legge 49/2006, che ha convertito in legge con modificazioni il Dl 272/05, aggiungendo, infine, il seguente periodo Fra gli elementi che incidono sull'applicazione della disciplina del reato continuato vi è la consumazione di più reati in relazione allo stato di tossicodipendenza . Tale disposizione, a norma dell'articolo 1, comma 2, della legge di conversione citata, è entrata in vigore il giorno successivo alla pubblicazione della legge nella Gu e cioè il 28 febbraio 2006, per cui si pone il problema che sia o meno applicabile al presente procedimento. Questo Collegio ritiene in primo luogo che lo ius superveniens, in quanto relativo allo specifico punto della decisione impugnato dal ricorrente, sia applicabile anche d'ufficio e che sia inoltre immediatamente applicabile non solo ai procedimenti successivi alla entrata in vigore della legge citata, ma anche ai procedimenti in corso, quale quello in esame, qualora le censure portate all'esame della Corte di legittimità attengano specificamente alla incidenza dello stato di tossicodipendenza sulla disciplina del reato continuato. L'istituto della continuazione infatti un istituto di diritto sostanziale, come tale rientrante nella disciplina dell'articolo 2 del Cp, per cui si applica la disposizione più favorevole al reo, costituita chiaramente da quella introdotta dalla modifica legislativa dell'articolo 671 Cpp che è diretta ad attenuare le conseguenze penali della condotta sanzionatoria nel caso di tossicodipendenti, sotto tale particolare aspetto ed anche con riguardo ad alcune misura alternative alla detenzione specificamente previste in relazione a programmi diretti a consentire il recupero di tossicodipendenti anche condannati a pene medio-alte. È vero che nel caso in esame si tratta di disciplina della continuazione applicata in sede esecutiva e cioè quando le condanne sono ormai definitive, però è stato lo stesso legislatore a fare venire meno il mito della intangibilità del giudicato attraverso la previsione dell'articolo 671 Cp in analogia a quanto previsto per il caso di abolitio criminis, posto che, una volta ammesso che la pena può essere rideterminata in sede esecutiva per effetto della continuazione, non può negarsi natura sostanziale all'istituto che lo autorizza anche al di fuori del giudizio di cognizione. Ciò posto, poiché la disposizione sopravvenuta prevede che fra gli elementi che incidono sulla applicazione del reato continuato vi è la consumazione di più reato in relazione allo stato di tossicodipendenza , è evidente che di tale stato deve ora tenersi conto nella valutazione della sussistenza o meno della unitarietà del disegno criminoso. Occorre rilevare in proposito che il legislatore non ha previsto che lo stato di tossicodipendenza sia di per sé elemento decisivo ai fini della valutazione della unitarietà del disegno criminoso, bensì soltanto che tale stato deve essere valutato fra gli elementi che incidono sulla applicazione della suddetta disciplina, per cui il fatto che la ordinanza impugnata abbia rifiutato - correttamente, in base alla interpretazione consolidata della normativa vigente al momento in cui è stato adottato il provvedimento - di prendere in esame tale circostanza impone l'annullamento del provvedimento impugnato, a n orma dell'articolo 623 Cpp, con rinvio allo stesso giudice il quale dovrà riesaminare la istanza del condannato alla luce dello ius superveniens, con libertà di giudizio in ordina alla incidenza dello stato di tossicodipendenza sull'accertamento della unitarietà del disegno criminoso nell'ambito del complesso di tutti gli altri elementi che ha già esaminato e che la giurisprudenza ha individuato come sintomatici della sussistenza della continuazione. PQM Annulla l'ordinanza impugnata e rinvia per nuovo esame al Tribunale di Asti.