La Pecorella perde un altro pezzo: il Pm può evitare l'archiviazione anche se i gravi indizi non sussistono

Il processo può andare avanti nonostante la decisione di legittimità in sede cautelare

La Cassazione ritorna sulla legge Pecorella restringendo ulteriormente il suo campo d'applicazione. La seconda sezione penale di piazza Cavour, infatti, ha escluso che la violazione da parte del pubblico ministero del dovere di chiedere l'archiviazione, dopo un pronunciamento di legittimità sulla insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza emesso in sede cautelare, precluda il giudizio e quindi la possibilità che il processo prosegua validamente, rilevando che la novella dell'articolo 405 Cpp ad opera dell'articolo 3 legge 46/2006 c.d. Pecorella ha introdotto una norma processuale il cui momento applicativo è limitato alla fase delle indagini preliminari. È quanto emerge dalla sentenza 19578/06, depositata il 7 giugno scorso e qui integralmente leggibile tra gli allegati.

Cassazione - Sezione seconda penale - sentenza 21 aprile-7 giugno 2006, n. 19578 Presidente Rizzo - Relatore Pagano Fatto e diritto I difensori di Platarioti Antonio Salvatore, Sicari Giovanni, Zito Antonino, Santarelli Pasquale e Sicari Domenico ricorrono avverso la sentenza sopra indicata che ha accertato la responsabilità dei prevenuti in ordine vari delitti commessi nel contesto di una associazione a delinquere per la commercializzazione di assegni bancari di provenienza delittuosa. Il difensore di Platarioti Antonio Salvatore, condannato alla pena di anni 5 mesi 4 di reclusione ed euro 2.400 di multa, deduce violazione di legge e difetto di motivazione con riferimento al mancato accoglimento da parte del giudice di appello della pena concordata tra le parti con una minore sanzione. Con altro motivo lamenta l'omessa concessione dell'attenuante della collaborazione prevista dall'articolo 8 del Dl 152/91 convertito con legge 203/91, sostenendo la concludenza di quanto dichiarato ai fini dell'accertamento di altrui responsabilità. Nega la sussistenza di prove di colpevolezza a carico del prevenuto. Il difensore di Sicari Giovanni deduce violazione di legge per essere la declaratoria di inammissibilità dell'appello pronunciata all'esito del dibattimento e non anche preliminarmente alla trattazione nel merito del gravame. Il difensore di Zito Antonino lamenta il mancato riconoscimento del decorso del termine di prescrizione dovendo i fatti essere qualificati come concorso in ricettazione e non riciclaggio. Deduce violazione di legge per il diniego di attenuanti generiche che devono essere concesse per la lontananza nel tempo dei fatti e lo scarso apporto causale posto in essere. Il difensore di Santarelli Pasquale, dipendente bancario riconosciuto responsabile di ricettazione, eccepisce manifesta illogicità della motivazione colpevolezza per non avere il giudice di appello ritenuto attendibili le spontanee dichiarazioni di buona fede espresse dal prevenuto con riferimento alla non consapevolezza,che le operazioni bancarie poste in essere fossero irregolari. Deduce violazione del disposto di cui all'articolo 192 Cpp per essere l'affermazione di colpevolezza fondata su indizi privi di definitiva concludenza, in quanto la riferibilità all'imputato della qualifica di direttore risultante dalle intercettazioni telefoniche non è ascrivibile alla persona del Santarelli. Con altro motivo deduce l'insussistenza dell'elemento soggettivo dei reati presupposti alla ricettazione, in ordine ai quali difetta la stessa prova di sussistenza. Con motivi aggiunti redatti in data 31 marzo 2006 deduce la violazione dell'articolo 46/2006 introduttivo del comma 1bis all'articolo 405 Cpp, norma che impone al Pm il vincolo di richiedere l'archiviazione del procedimento ove la Corte di cassazione in sede cautelare si sia pronunciata negativamente in ordine alla sussistenza di gravi indizi di colpevolezza ex articolo 273 Cpp. Al riguardo rileva che in data 11 maggio 1990 questa corte ha annullato con rinvio la decisione relativa ad un provvedimento restrittivo tra l'altro per associazione a delinquere e riciclaggio delitti dai quali il prevenuto è stato successivamente prosciolto . Deduce ancora sussistere il vizio di motivazione con riferimento ad una disparità di trattamento con altri funzionari, non avendo provveduto ad aprire conti correnti in favore dei coimputati nonché con riferimento alla gradazione della pena ed alla concessione di attenuanti generiche per omessa considerazione dello stato di persona incensurata che ha consegnato spontaneamente tutti i titoli in suo possesso. Eccepisce il decorso del termine di prescrizione. Il difensore di Sicari Domenico, il cui appello è stato dichiarato inammissibile per essere l'atto di impugnazione redatto da difensore la cui nomina non risulta in atti, deduce l'erroneità di tale decisione, essendo l'avv. Antonino Napoli stato nominato il 20 marzo 2003 con atto depositato presso il Tribunale di Palmi il 9 maggio 2003, come da copia conforme fascicolata a foglio 216 ed allegata all'originale del ricorso. Il ricorso proposto nell'interesse di Platarioti Antonio Salvatore è inammissibile in quanto la pena proposta concordemente dalle parti può essere disattesa dal giudice di appello, dopo la delibazione della fattispecie ex articolo 129 Cpp, per la sola ragione della non congruità, con la conseguenza che nessuna motivazione diversa da tale valutazione finale deve essere espressa nell'ordinanza di rigetto della richiesta di pena concordata. Il ricorso relativo alla attenuante di cui all'articolo 8 del Dl 152/91 è manifestamente infondato dal momento che i reati accertati non attendono a delitti commessi per agevolare associazione mafiose ovvero posti in essere avvalendosi delle condizioni di cui all'articolo 416bis Cp, come richiesto dalla norma invocata in ricorso. Il terzo motivo è infine genericamente proposto in quanto la deduzione di assenza di elementi probatori di colpevolezza è prospettata apoditticamente a fronte della ammissione degli addebiti e delle risultanze delle intercettazioni evidenzianti la posizione apicale organizzativa tenuta dal prevenuto all'interno della struttura criminosa. Anche il ricorso proposto in favore di Sicari Giovanni è manifestamente infondato dovendosi confermare la giurisprudenza che statuisce che la circostanza che l'inammissibilità dell'appello possa essere dichiarata con ordinanza prima del dibattimento non esclude che, una volta fissata l'udienza per il giudizio, il giudice la dichiari con sentenza, all'esito di un esame preliminare dell'ammissibilità dell'impugnazione, senza entrare nel merito dell'appello Cassazione 11027/98 dep. 22.10.98, rv. 211608 . Il ricorso proposto nell'interesse di Zito Antonino, colpito da chiamata di correo corroborata dal contenuto delle intercettazioni telefoniche, è inammissibile essendo del tutto corretta la qualificazione dei fatti riconosciuti al prevenuto che ha posto in essere una condotta continuata e diretta alla sostituzione di titoli di provenienza delittuosa. Tanto esclude che alla data della decisione di appello siano decorsi i termini di prescrizione, considerata anche la sospensione dei termini di prescrizione per questo prevenuto, termini debitamente e specificatamente indicati a pagina 13 della decisione di appello, in ordine ai quali il ricorrente non avanza doglianze, limitandosi a generiche negazioni. Il ricorso relativo al diniego delle attenuanti generiche ed alla determinazione della sanzione è manifestamente infondato, in quanto la concessione di queste circostanze e la quantificazione della pena rispondono a criteri discrezionali, il cui esercizio deve essere motivato nei soli limiti idonei a far emergere in misura sufficiente il pensiero del giudice circa l'adeguamento della pena concreta alla gravità effettiva del reato ed alla personalità del prevenuto. Cassazione 6992/92, ud. 30.1.92, rv. 190645 . Trattasi di giudizio di fatto sottratto al controllo di legittimità, giudizio conseguente alla valutazione della concreta fattispecie che nel caso in esame il giudice di appello ha compiutamente e logicamente effettuato avendo riferimento alla entità dei fatti ed al coinvolgimento del prevenuto in una intensa attività criminosa solo gli assegni INPS sono in numero di 228 . Il ricorso proposto in favore di Santarelli Pasquale è parimenti inammissibile. Ai sensi del disposto di cui all'articolo 606 comma lettera e Cpp, la mancanza e la manifesta illogicità della motivazione devono risultare dal testo del provvedimento impugnato, sicché dedurre tale vizio in sede di legittimità comporta dimostrare che il provvedimento è manifestamente carente dì motivazione o di logica e non già opporre alla logica valutazione degli atti operata dal giudice di merito una diversa ricostruzione, magari altrettanto logica, degli atti processuali Cassazione Su 19.6.96, De Francesco . Esula infatti dai poteri della Corte di cassazione quello di una diversa lettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, la cui valutazione è riservato in via esclusiva al giudice di merito senza che possa integrare vizio di legittimità la mera prospettazione di una diversa valutazione delle risultanze processuali ritenute dal ricorrente più adeguate Cassazione Su, 6402/97, ud. 30.4.97, rv. 207944, Dessimone . Non è quindi consentito un diverso apprezzamento di un fatto o di un dato probatorio valutato non con manifesta illogicità da parte del giudice di merito, il quale ha non illogicamente considerato sia i rapporti con il Piccioni sia li numero e la qualità degli assegni trattati dal prevenuto. Queste circostanze costituiscono un dato oggettivo che esclude una qualche valenza alle dichiarazioni di innocenza solo esposte senza sottoporsi ad esame e senza spiegare perché era in possesso ed accettò un cosi elevato numero di assegni circolari non trasferibili, negoziati da persona non intestataria dei titoli. La condotta quindi è stata debitamente ritenuta come espressione di consapevole provenienza illegittima dei titoli i reati presupposti sono stati provati dalle dichiarazioni degli ufficiali di P.G. , mentre l'azione penale è stata esercitata anche contro altri funzionari bancari Macri Pasquale in separato procedimento, senza considerare la diversità di posizione processuale di ciascun prevenuto. Il ricorso per vìoìazìone della nuova norma di cui al comma 1 bis all'articolo 405 Cpp risulta manifestamente infondato trattandosi di norma processuale che trova applicazione al momento della istruzione preliminare e che comunque non preclude il giudizio ove il magistrato istruttore non ritenga di dovere disporre archiviazione. Anche il motivo di ricorso relativo alle attenuanti generiche ed alla pena è manifestamente infondato, dovendosi richiamare quanto sopra esposto con riferimento alla posizione di Zito Antonino, avendo il giudice di appello compiutamente e logicamente effettuato il proprio giudizio di merito considerando gli accertati collegamenti del prevenuto per analoghi diversi fatti con elementi appartenenti alla criminalità organizzata della Locride. L'inammissibilità del ricorso per cassazione conseguente alla manifesta infondatezza dei motivi non consente il formarsi di un valido rapporto di impugnazione e preclude la possibilità di rilevare e dichiarare le cause di non punibilità a norma dell'articolo 129 Cpp e nella specie l'eventuale decorso del termine di prescrizione Cassazione Su, 32/2000, ud. 22.11.00, rv. 217266 . Il ricorso avanzato nell'interesse di Sicari Domenico è invece fondato alla luce della documentazione correttamente richiamata. La decisione deve essere annullata senza rinvio con trasmissione degli atti ad altra sezione della Corte di Appello di Reggio Calabria per il giudizio. Le impugnazioni di Platarioti Antonio Salvatore, Sicari Giovanni, Zito Antonino e Santarelli Pasquale sono pertanto inammissibili a norma dell'articolo 606 comma 3 Cpp alla relativa declaratoria consegue, per il disposto dell'articolo 616 Cpp la condanna dei ricorrenti al pagamento in solido delle spese processuali, nonché ciascuno al versamento in favore della Cassa delle Ammende di una somma che, ritenuti e valutati i profili di colpa emergenti dal ricorso, si determina equitativamente in Euro 600. PQM Annulla la sentenza impugnata nei confronti di Sicari Domenico con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Reggio Calabria. Dichiara inammissibili ì ricorsi di Platarioti Antonio Salvatore, Sicari Giovanni, Zito Antonino e Santarelli Pasquale che condanna in solido al pagamento delle spese processuali e ciascuno di essi al versamento della somma, di Euro 600 alla Cassa delle Ammende.