La tutela previdenziale dell'avvocato in Francia

di Paolo Rosa

di Paolo Rosa L'ordinamento della libera professione forense in Francia è in continua evoluzione e sicuramente ben più articolato o forse complesso rispetto a quello italiano il ruolo dei Barreaux Francesi , soprattutto in ambito europeo, suscita comunque attenzione e curiosità ed è di stimolante interesse se raffrontato alle forme di previdenza adottate in Italia. Importanti ed utili i temi dibattuti nell'ambito del recente congresso organizzato da Conseil National des Barreaux e Ordre des Avocats au Barreau de Marseille nell'ambito del quale si è convocata la Riunione Intermedia, Stage 2005 della Fédération des Barreaux d'Europe, di cui il nostro Presidente è attualmente 1 Vice Presidente in carica . L'evento, che si è tenuto a Marsiglia nei giorni 20/22 ottobre uu.ss., è stato un utile momento di riflessione e di collegiale dibattito, attraverso cui si è ovviamente ampiamente dibattuto della professione dell'avvocato, del necessario adeguamento agli scenari economici, finanziari e politici propri di ogni paese membro ci si è soffermati sull'utile raffronto in cifre della distribuzione degli avvocati nelle regioni della Francia, dell'evoluzione nel rapporto uomo/donna, dei proventi derivanti dalla professione e dell'attività lavorativa che si genera in conseguenza all'esercizio della professione, della formazione e dell'aggiornamento professionale, delle indagini statistiche relative alla evoluzione della professione, della gestione della pubblicità e della comunicazioni tra iscritti, ordini ed associazioni, etc Molteplici gli interventi, copiosa la documentazione raccolta a supporto di ogni intervento, attraverso cui si è presa coscienza e conoscenza di alcune forme di previdenza ed assistenza erogate attraverso istituti non presenti nel nostro paese. Fra queste, è sembrata interessante e dettagliata la brochure sulla previdenza sociale degli avvocati in Francia. Un documento che raccoglie tutti gli elementi necessari per una buona conoscenza delle garanzie obbligatorie e dei regimi opzionali riservati agli avvocati francesi. Una dispensa di facile consultazione che garantisce informazioni rapide e sicure per esercitare la professione forense usufruendo delle garanzie sociali più adatte alle proprie esigenze personali e professionali. L'Associazione per la Previdenza degli Avvocati Francesi cd. APBF - www.apbf.org , accanto alla posizione di primissimo piano della Cassa Nazionale dei Fori Francesi cd. CNBF - www.cnbf.fr svolge un ruolo fondamentale per la protezione sociale dell'Avvocato che esercita la professione in Francia. Nasce nel maggio del 1949, con lo scopo di riunire tutti gli iscritti dell'avvocatura francese avvocati alla Corte di Cassazione, avvocati alle Corti e Tribunali, avvocati onorari, praticanti , al fine di studiare ed attuare l'organizzazione e la gestione materiale dello studio professionale, a vantaggio dei suoi iscritti in regime di previdenza. A seguito dell'accordo siglato il 27 Settembre 1985 tra i liberi professionisti avvocati e la Pubblica Autorità, alla APBF è affidata la gestione di prestazioni complementari a quelle offerte dalla Cassa Nazionale degli Fori Francesi, progetto mirato ad assicurare un nuovo modello di protezione sociale di base finanziata con le risorse della CARPA. Successivamente al 1 gennaio 1986, questo regime si applica a tutti gli Avvocati attivi, di età inferiore ai 70 anni. Il ruolo della APBF è quello di assicurare una protezione sociale della professione, attraverso attività strettamente connesse con la gestione previdenziale assicurata dalla CNBF si tratta quindi di una gestione complementare non alternativa . Ne consegue un'operosa attività di comunicazione con gli iscritti atta a garantire * costante informazione sul regime sociale di base consono ad ogni professionista * ricerca di idonee garanzie adattabili alla professione, che si evolve in virtù dei mutevoli scenari economici e politici del paese * attività di consulenza al professionista per la ricerca di una adeguata protezione sociale supplementare * pubblicazione di riviste specializzate riguardanti l'attività dell' avvocato dipendente , non dipendente o praticante. Le prestazioni offerte dall'APBF scaturiscono da uno specifico contratto sottoscritto con l' Assurances Générales de France AGF al quale ogni Ordine ha aderito. Condizioni particolari sono riservate agli avvocati nel primo anno di esercizio della professione o agli avvocati con più di 65 anni che si riscrivono. Nel dettaglio, si riassumono nelle pagine che seguono le caratteristiche principali del regime previdenziale assicurato agli avvocati in Francia, suddivise per argomenti. Al fine di meglio comprendere alcuni dei concetti che verranno citati, è utile chiarire preliminarmente che quando si parla di prestazioni in Francia si fa riferimento anzitutto alla pensione complementare, generata dalle contribuzioni versate e, a scelta dell'avvocato, dai contributi supplementari versati, su base volontaria, al fine di migliorare la propria pensione. L'adesione al regime supplementare è comunque irreversibile. Inoltre, la pensione complementare assimilabile nel nostro ordinamento alla pensione integrativa è calcolata in funzione di un numero di punti cumulabili nell'arco della vita lavorativa. Ogni anno il cumulo dei punti si accresce in funzione dei contributi versati al regime complementare obbligatorio, nonché degli anni di anzianità lavorativa. 1 La protezione sociale di base dell'avvocato non dipendente - CNBF e APBF 1a. IN CASO DI MORTE, il pagamento è garantito dalla CNBF - per importi che variano a secondo che trattasi di decesso a causa di malattia, incidente, incidente di circolazione - in favore dei conviventi in vita in assenza di questi ultimi, ai minori di 21 anni, o figli inabili maggiorenni in assenza anche di questi ultimi, a madre, padre, fratelli o sorelle fiscalmente a carico. E' corrisposto uno speciale sussidio ad ogni orfano di età inferiore ai 21 anni o 25 anni, nel caso di studenti , calcolato nella misura di 1/4 della pensione minima e con accredito di un 1/4 di punti della pensione complementare maturata fino al momento della morte. 1b. IN CASO DI INTERRUZIONE TEMPORANEA DAL LAVORO, è prevista una indennità pari a circa 61,00 giornalieri. 1b.1 Incapacità totale al lavoro per i casi in cui la cessazione di attività è totale, che non garantisce cioè lo svolgimento di alcun atto o profitto, senza esercizio di patrocinio, ricevimento dei clienti, svolgimento di processi o procedimenti. L'indennità è corrisposta da APBF Association de Prévoyance du Barreau Fran ais CNBF Caisse Nazionale des Barreaux Fran ais Nei primi 90 giorni di inattività avvocati fino a 70 anni A partire dal 91 giorno di inattività sempre, agli avvocati oltre i 70 anni con franchigie di decorrenza variabili a seconda della causa che ha comportato l'interruzione, e comunque per un periodo massimo di tre anni. L'incapacità temporanea totale al lavoro corrisponde all'impossibilità materiale di poter assicurare l'esercizio dell'attività professionale in virtù delle condizioni di salute in cui versa l'iscritto. Per ricevere il contributo è necessaria la trasmissione all'ANBF di specifica documentazione relativa al certificato di ricovero che precisi la data di ingresso e di dimissione dall'ospedale formale comunicazione di inizio di interruzione dell'attività lavorativa eventuale comunicazione di proroga di interruzione dell'attività lavorativa. Soltanto in casi eccezionali, le malattie o gli incidenti non comunicati entro il previsto termine di 30 giorni dalla data dell'evento, saranno considerati validi e quindi al pari delle dichiarazioni prodotte nei termini. 1c. IN CASO DI INVALIDITA' PERMANENTE TOTALE, è prevista una rendita di circa . 15.000,00 annui. Decorrenti tre anni di lunga malattia e in caso di grave impedimento all'esercizio della professione, la CNBF corrisponde una rendita di invalidità proporzionata al numero di anni di esercizio della professione ed è integrata da parte della APBF. 1d. IN CASO DI INVALIDITA' PERMANENTE PARZIALE, è riconosciuta - per grado di invalidità corrispondente ad almeno il 33% - una rendita di invalidità di circa . 15.000,00 annui, corrisposta da APBF. Il tasso di invalidità tiene conto sia dell'incapacità funzionale fisica e/o mentale, sia dell'incapacità professionale. 1e. IN CASO DI MATERNITA', è corrisposto dalla APBF un contributo forfetario sia nel caso di maternità dell'avvocato donna esercente la professione circa . 1.460,00 , sia nel caso di parto di moglie dell'avvocato - statuto dell'avente diritto - circa . 457,00 . L'adozione di un bambino con età inferiore ai 5 anni è equiparata all'evento della nascita. Al fine di erogare il contributo all'avente diritto, l'ANBF trasmette una scheda personale da restituire firmata e sottoscritta nonché completa dei dati anagrafici del nascituro. 1f. FINANZIAMENTO APBF CNBF Contributo da parte della CARPA attraverso gli Ordini e la CNBF Contribuzione personale dell'iscritto In tutti i casi sopra evidenziati l'assistenza garantita permette di ottenere, in caso di interruzione dell'attività per ragioni di salute - intervenute sia nel corso della vita professionale che privata - il pagamento di una indennità forfetaria corrispondente a tutte le spese generali e permanenti che continuano a gravare sul professionista, nonostante la cessazione dell'attività. Un dato rilevante è costituito dai n. 94 Ordini che, grazie alla sottoscrizione delle prestazioni complementari garantite dalla APBF, hanno assicurato ai propri iscritti delle condizioni previdenziali sicuramente migliorative. 2 Assicurazione medica, maternità, spese relative alla salute del professionista. E' garantita la copertura delle spese mediche, chirurgiche, ricovero ospedaliero per tutte le prestazioni mediche ed ospedaliere nonché le patologie indicate nelle dispense fornite dalla ANBF con concessione dei rimborsi del 50 e talvolta anche del 100% degli esborsi sostenuti. E' altresì fornito l'elenco degli organismi convenzionati al quale ogni professionista potrà rivolgersi. Per quanto riguarda le prestazioni familiari, i versamenti sono riscossi per mezzo delle URSSAF www.urssaf.fr - organismi periferici 103 che hanno la funzione di riscuotere le risorse della Sicurezza Sociale al fine di finanziare le prestazioni sociali garantite a più di 5 milioni di contribuenti le prestazioni sono invece erogate tramite la Cassa degli Assegni alle Famiglie 123 referente per il proprio dipartimento Caisse d'Allocation Familiales . Alcune condizioni preferenziali, sia a livello di prestazioni che di contribuzione, sono proposte nell'ottica di adesioni collettive sottoscritte dagli Ordini in favore dei propri iscritti * Assenza di formalità mediche * Tariffe agevolate. Le diverse garanzie presentate sono le seguenti ASSICURAZIONE SPESE PER LA SALUTE ASSICURAZIONE PER INTERRUZIONE DI ATTIVITA' ASSICURAZIONE IN CASO DI MORTE ASSICURAZIONE MISSIONI Ogni ordine può sottoscrivere una o più garanzie in base alle clausole o alle opzioni scelte. 3 Contributi e prestazioni nel regime pensionistico della CNBF. C O N T R I B U T I I contributi obbligatori per la pensione di vecchiaia base + complementare sono deducibili fiscalmente nel limite del plafond fissato dall'art. 154 bis del C.G.I. . I REGIME DELLA PENSIONE DI BASE IMPORTI CONTRIBUTI IMPORTI PENSIONI 1. Contribuzione forfetaria in relazione all'attività professionale al 1 gennaio 2000 * 1 anno, circa . 303 * 2 anno, circa . 607 * 3 anno, circa . 915 * 4 e 5 anno, circa . 1.218 * a partire dal 6 anno, circa . 1.976 * avvocati con 65 anni compiuti al 1 .01.2000, circa . 915. 2. Contribuzione dell'1,4% calcolata sui redditi professionali 1998 con plafond a . 114.000, per Avvocati non dipendenti, o sulla remunerazione lorda 2000 con plafond a . .114.000, per Avvocati dipendenti. 2a. Contribuzione forfetaria * per gli avvocati iscritti nel 2000, circa . 63 * per gli avvocati iscritti nel 1999, circa . 1.263. 3. una parte del reddito 1998 B.N.C. e/o remunerazione netta con plafond a circa . 199.000 di circa . 334, equivalente al 1 diritto di patrocinio di circa . 9 per il calcolo della contribuzione equivalente ai diritto di patrocinio dell'anno 2000. A 65 anni di età e dopo 40 anni di esercizio e chiusura di attività * 40 anni di esercizio pensione intera circa . 13.000 * 45 anni di esercizio + circa . 1.085 circa . 14.000 * 50 anni di esercizio + circa . 2.170 circa . 15.159 * 55 anni di esercizio + circa . 3.256 circa . 16.244 * 60 anni di esercizio + circa . 3.256 circa . 16.244 II REGIME DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE CALCOLO DEI CONTRIBUTI CALCOLO DEI PUNTI * 1 tranche > da 1 a . 28.659 x 2,43% * 2 tranche > da 28.660 a . 115.000 x 4,86% * 1 tranche > . 696 contributo massimo 1 rata / 0,81 / 37,35 costo di acquisto di un punto = 151 punti * 2 tranche > . 4.178 contributo massimo 2 rata / 0,81 / 37,35 costo di acquisto di un punto = 906 punti, ferma restando la possibilità di poter effettuare contribuzione supplementari secondo modalità opzionali suddivise per classi. * AVVOCATI IN ATTIVITÀ Il reddito complessivo di riferimento è costituito dall'insieme dei compensi professionali percepiti a titolo di attività non dipendente, non agricola reddito imponibile per l'imposta sul compenso . La contribuzione annuale è riferita ai compensi professionali dell'anno corrispondente e prescinde dal numero dei familiari a carico. La contribuzione annuale di base è calcolata nel periodo che va dal 1 aprile di ogni anno al 31 marzo dell'anno successivo a decorrere dal 1 ottobre 1996, si basa sui redditi professionali dell'anno corrispondente. I contributi vengono quindi pagati in due rate SCADENZA 1 APRILE SCADENZA 1 OTTOBRE Acconto semestrale calcolato sui redditi professionali netti riferiti all'anno precedente all'anno trascorso. Ad es. 01/04/2000 si paga la rata semestrale sulla base dei redditi del 1998 . Importo complessivo riferito all'anno di contribuzione detratto l'acconto versato il 1 aprile + la regolarizzazione definitiva dell'anno precedente Ad es. 01/10/2000 si paga la contribuzione annuale 2000 calcolata sui redditi 1999 - l'acconto del 1 aprile + la regolarizzazione definitiva dell'anno 1999 calcolata sui proventi effettivi del 1999 . Ne consegue che il 1 ottobre dell'anno successivo nel caso in esempio 01/10/2001 verrà regolarizzata la contribuzione annuale del 2000 I rata + II rata sulla base degli effettivi redditi del 2000. Un contributo minimo forfetario è concesso a favore di * Avvocati che avviano la professione il 30% dei contributi versati da tutti gli iscritti è gestito dallo Stato * Persone in déficit * Iscritti attivi i cui proventi derivati dall'attività di non dipendente non siano sufficienti a garantire il minimo vitale . * AVVOCATI PENSIONATI La contribuzione annuale è predeterminata ogni trimestre dalla CNBF sul montante della pensione minima erogata ed è calcolata sul totale dei sussidi e delle pensioni di base cd. minime, in Italia non tassate e riferite all'anno in corso. I pensionati che continuano ad esercitare la professione non come lavoratori dipendenti pagano una contribuzione sui proventi professionali calcolata con gli stessi tassi applicati agli iscritti attivi e una contribuzione predeterminata sulla pensione di base . P R E S T A Z I O N I I REGIME DELLA PENSIONE DI BASE Requisiti 1 65 anni di età possibilità di liquidazione a partire dal 60 anno, in caso di inabilità a proseguire l'esercizio della professione Pensione intera 2 40 anni di esercizio di libera professione con cessazione d'esercizio di attività 3 aver esercitato la professione per almeno 15 anni Pensione proporzionale 4 esercizio della professione per un periodo inferiore ai 15 anni Sussidio di vecchiaia Caratteristica della pensione La pensione è reversibile per il 50% della pensione percepita dal de cuius , a favore del coniuge convivente che non abbia contratto nuove nozze allorché il matrimonio sia durato 5 anni, oppure senza limite di durata nel caso sia stato concepito almeno un figlio. In caso di divorzio la pensione è calcolata prorata agli anni di matrimonio. Finanziamento E' dovuta una contribuzione forfetaria in funzione dell'anzianità professionale e una contribuzione calcolata sui redditi professionali. Una contribuzione forfetaria è altresì richiesta per gli avvocati che si riscrivono. II REGIME COMPLEMENTARE a Regime complementare obbligatorio La pensione complementare si forma con la somma dei punti acquisiti in tre diversi modi 1. per mezzo di contributi pagati sui redditi professionali 2. per riscatto riservato esclusivamente agli Avvocati che hanno esercitato per più di 16 anni anteriormente al 1979 e pagato nello scaglione superiore ai redditi 3. per ripristino gratuito della carriera facoltà automatica in funzione dell'anzianità e del montante dei redditi. Riguarda esclusivamente i periodi di attività anteriori al 1979. b Regime supplementare in base alle opzioni disponibili. Caratteristica della pensione Anche la pensione complementare è reversibile ma per il 60% della pensione percepita dal de cuius , a favore del coniuge convivente con almeno 50 anni di età e allorché il matrimonio sia durato 5 anni. Questa doppia condizione si sopprime nel caso in cui sia stato concepito almeno un figlio durante il matrimonio. Come per la pensione minima , in caso di divorzio, la pensione è calcolata prorata agli anni di matrimonio. Finanziamento I contributi sono fissati in percentuale ai redditi professionali netti imponibili, dichiarati nel corso dell'anno civile precedente. III REGIME DI CAPITALIZZAZIONE AVOCAPI Tale regime permette di migliorare la propria pensione nel prolungamento della pensione complementare a ripartizione, attraverso cui garantire il miglior tasso di rendimento auspicabile. Attraverso AVOCAPI la CNBF assicura una scelta razionale per trasformare il capitale accumulato risparmio ad integrazione di una pensione assai vantaggiosa. Tutto ciò in virtù di tre elementi 1. capitalizzazione vitalizia ==> la contribuzione è convertita ogni anno in punti di pensione tenendo conto di una tavola di mortalità in vigore al momento del versamento del contributo. 2. spese di gestione ridotte al minimo ==> unico prelievo del 2,50% sui contributi annui 3. trasparenza e sicurezza per la Cassa * garanzia minima annuale di valorizzazione dei punti acquisiti * consolidamento del capitale ed investimento della liquidità incassata attraverso la migliore forma di investimento. ASPETTI FISCALI Tutti i contributi versati alla CNBF sono interamente deducibili fiscalmente. E' altresì possibile il riscatto dei punti. Tutto questo nel limite del plafond fissato dalla Legge Madelin . REGIMI OPZIONALI DELL'APBF A FAVORE DELL'AVVOCATO NON DIPENDENTE La Previdenza individuale si inserisce sia in relazione ai Regimi di base, sia in relazione alla Previdenza Collettiva sottoscritta da ciascun Ordine. In generale, i regimi opzionali garantiti dalla APBF riguardano -1 - Spese Generali Permanenti Convenzione sottoscritta con l'AGF Copertura delle spese generali per il mantenimento dello studio in caso di interruzione dal lavoro per malattia o incidente Le garanzie sono concesse fino al 31 dicembre dell'anno in cui vengono i compiuti i 70 anni di età dell'iscritto. - 2 - La Malattia Complementare Convenzione JURIsanté sottoscritta con Mutua Sanità Nazionale Garantisce le prestazioni del Regime obbligatorio assicurazione Malattia-Maternità dei Lavoratori non Dipendenti TNS Regime Generale dei Lavoratori Dipendenti SS , con rimborso totale delle spese mediche detratto il ticket . In base alle garanzie di cui si intende beneficiare, sarà possibile scegliere tra le diverse formule opzionali proposte interventi chirurgici, grandi eventi, etc . Successivamente all'accettazione del dossier, sono coperte tutte le spese sostenute, a decorrere da tre mesi dalla data di adesione. La sottoscrizione è riservata agli iscritti di età inferiore ai 70 anni. - 3 - Incapacità Temporanea al Lavoro Convenzione sottoscritta con l'AGF Sussidi per incapacità temporanea o definitiva al lavoro variabili in funzione dell'età dell'iscritto e del periodo di interruzione dell'attività lavorativa . Le garanzie sono concesse fino al 31 dicembre dell'anno in cui vengono i compiuti i 70 anni di età dell'iscritto incapacità al lavoro 60 anni rendita di invalidità . - 4 - Decesso e Invalidità Assoluta e Definitiva, in seguito a Malattia o incidente Convenzione sottoscritta con l'AGF In caso di morte, garantisce il pagamento di un capitale ai beneficiari aventi diritto . In caso di invalidità assoluta e definitiva, assicura un capitale all'iscritto medesimo, in ragione della perdita totale ed irreversibile della propria autonomia privata e professionale. Le garanzie sono concesse fino al 31 dicembre dell'anno in cui vengono i compiuti i 75 anni di età dell'iscritto garanzia di base 70 anni garanzia complementare incidente . - 5 - La Tutela dei Figli e dei Coniugi Convenzione sottoscritta con l'AGF In caso di morte dell'iscritto, erogazione di una rendita per l'educazione in favore dei figli fino a 25 anni di età se studenti e rendita per il coniuge in favore del coniuge convivente . In entrambi i casi, la contribuzione richiesta all'iscritto è pagata semestralmente per importi che variano in base all'età dell'avvocato e la rendita che si intende garantire al verificarsi dell'evento. Le garanzie sono concesse fino al 31 dicembre dell'anno in cui vengono i compiuti i 65 anni di età dell'iscritto. - 6 - L'incidente Convenzione sottoscritta con ACE Europe Assicurazione che garantisce il versamento del capitale, o rendita di rimborso in caso di morte, per invalidità permanente totale o parziale e incapacità temporanea a seguito di infortunio fisico. La copertura è garantita ovunque, 24 hrs su 24, nell'ambito della sfera professionale e personale dell'iscritto. Il versamento del contributo è annuale e variabile in base alle garanzie sottoscritte. Le garanzie sono concesse fino al 31 dicembre dell'anno in cui vengono i compiuti i 75 anni di età dell'iscritto. - 7 - La Protezione degli Associati il Recesso delle Parti Convenzione sottoscritta con l'AGF L'esercizio della libera professione forense gestita nella forma di Studio Associato, può creare alcuni problemi nel caso di morte prematura di uno degli associati. L'interesse comune di quest'ultimi è - poter conservare l'insieme dei clienti seguiti dal socio deceduto garantendo così gli interessi degli eredi - evitare l'obbligo di ricerca di un nuovo associato - disporre dei mezzi finanziari necessari per il riscatto delle parti del defunto. Il contratto è sottoscritto da ciascun associato, con personale responsabilità e a vantaggio degli altri associati. La contribuzione richiesta all'iscritto è pagata semestralmente per importi che variano in base al capitale assicurato e all'età di ciascun associato. Le garanzie sono concesse fino al 31 dicembre dell'anno in cui vengono i compiuti i 70 anni di età dell'iscritto. Non ho partecipato ai lavori di Marseille ma ho letto il dossier messomi a disposizione dal Presidente De Tilla con la traduzione e assemblaggio di CRISTIANA LIBERATORE alla quale va il mio grazie. 1