Voluntary-bis, pronte le specifiche tecniche

L’Agenzia delle Entrate pubblica un provvedimento con le specifiche tecniche per la trasmissione delle istanze per aderire alla nuova procedura di collaborazione volontaria.

Il provvedimento è il n. 25749 del 3 febbraio 2017 ad opera dell’Agenzia d’Entrate. Le specifiche tecniche e le istruzioni. Le Entrate mettono a punto le istruzioni e le specifiche tecniche per consentire l’invio delle istanze della collaborazione volontaria 2.0. Nella giornata di venerdì scorso, 3 febbraio, l’Agenzia ha pubblicato un provvedimento a firma del direttore Rossella Orlandi che contiene le specifiche tecniche per trasmettere i modelli. Cosa cambia? Va detto che il modello è stato revisionato per motivi pratici, per rendere più efficace la trasmissione tramite procedure informatiche. Sono state riviste le istruzioni per consentire una più semplice gestione delle imposte sostitutive, dell’IVIE e dell’IVAFE, oltre alle relative sanzioni. Anche le istruzioni relative alla compilazione del campo in cui vanno indicati i valori delle attività detenute in Stati o territori a regime fiscale privilegiato sono state aggiornate. L’invio di richieste di accesso alla procedura. La trasmissione potrà avvenire a partire dal 7 febbraio 2017 in sostanza, i professionisti abilitati compresi nell’elenco contenuto nel d.P.R. n. 322/1998 e successivi decreti attuativi, oltre agli avvocati e agli iscritti nel registro dei revisori contabili potranno inviare all’Agenzia le richieste di accesso alla procedura. E coloro i quali hanno già inviato il vecchio modello approvato il 30 gennaio 2015? A seguito dell’apertura del canale telematico specificano le Entrate dovranno provvedere a trasmettere il nuovo modello pubblicato sul sito delle Entrate. In questo caso, nel modello dovrà essere barrata la casella Istanza trasmessa in precedenza . Fonte www.fiscopiu.it

TP_FISCO_17provvAdE25749_s TP_FISCO_17provvAdE25749_specifichetecniche_s