Arrivano le telecamere autovelox anche per il controllo delle zone di carico-scarico

Chi parcheggerà abusivamente negli stalli riservati al movimento della merce d'ora in poi potrà essere sanzionato dai vigili elettronici in dotazione ai comuni. E per organizzare gare ciclistiche, podistiche e altri eventi che interferiscono con la regolazione del traffico i privati dovranno mettere mano al portafoglio finanziando i servizi di vigilanza.

Sono queste le due novità più evidenti in materia di circolazione stradale introdotte con la fiducia alla camera il 31 maggio nella legge di conversione del dl 50/2017. Le modifiche al codice stradale sono numerose. Per esempio tra i veicoli adibiti alla locazione senza conducente arrivano anche gli autobus e i filobus destinati al trasporto di linea di persone. E risulterà possibile circolare con la semplice fotocopia autenticata anche del libretto di circolazione dei rimorchi e semirimorchi pesanti. Con la riforma dell'art. 158 cds invece viene meglio chiarito il divieto di sosta nelle aree riservate al carico e allo scarico delle merci. In queste piazzole potranno essere installati dispositivi elettronici omologati di controllo della sosta, con possibilità di spedire le multe direttamente al domicilio del trasgressore. Alcune modifiche riguardano il settore dell'autotrasporto e del distacco dei lavoratori in Italia. In particolare verrà resa più trasparente la filiera di questa pratica e di quella dei trasporti eccezionali. Novità anche per le province e le città metropolitane che per due anni avranno la possibilità di spendere i proventi delle multe in modalità semplificata. Molto interessante infine la possibilità di finanziare l'attività della polizia locale attingendo ai contributi che i privati dovranno versare per assicurare lo svolgimento di manifestazioni. A decorrere dal 2017, specifica infatti la novella le spese del personale di polizia locale, relative a prestazioni pagate da terzi per l'espletamento di servizi di cui all'articolo 168 del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in materia di sicurezza e di polizia stradale necessari allo svolgimento di attività e iniziative di carattere privato che incidono sulla sicurezza e la fluidità della circolazione nel territorio dell'ente, sono poste interamente a carico del soggetto privato organizzatore o promotore dell'evento e le ore di servizio aggiuntivo effettuate dal personale di polizia locale in occasione dei medesimi eventi non sono considerate ai fini del calcolo degli straordinari del personale stesso. In sede di contrattazione integrativa sono disciplinate le modalità di utilizzo di tali risorse al fine di remunerare i relativi servizi in coerenza con le disposizioni normative e contrattuali vigenti. Fermo restando il rispetto degli obiettivi di finanza pubblica e della vigente normativa in materia di contenimento dalla spesa complessiva di personale, i comuni, in deroga a quanto disposto dall'articolo 9, comma 28, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, possono procedere ad assunzioni di personale con contratto di lavoro a tempo determinato a carattere stagionale, nel rispetto delle procedure di natura concorsuale ad evidenza pubblica, a condizione che i relativi oneri siano integralmente a carico di risorse, già incassate nel bilancio dei comuni, derivanti da contratti di sponsorizzazione ed accordi di collaborazione con soggetti privati e che le assunzioni siano finalizzate esclusivamente alla fornitura di servizi aggiuntivi rispetto a quelli ordinari, di servizi pubblici non essenziali o di prestazioni verso terzi paganti, non connessi a garanzia di diritti fondamentali .