«DURC estero», aggiornato lo sportello previdenziale

L’INAIL, con la nota n. 3/2014 diramata lo scorso 2 gennaio, comunica il rilascio di una nuova versione del servizio sportellounicoprevidenziale.it l’implementazione riguarda la possibilità per gli utenti con profilo azienda e intermediario di richiedere un DURC da presentare esclusivamente ad amministrazioni o privati esteri.

Dicitura diversa per i rapporti con soggetti di un altro Paese. Con la circolare n. 5/2012, a firma congiunta del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione e del Dipartimento della Funzione Pubblica, è stato specificato che laddove il privato richieda il rilascio di un certificato da consegnare ad altro soggetto privato residente all’estero o ad un’Amministrazione di uno Stato diverso dall’Italia, la dicitura prevista dall’art. 40, comma 2, d.p.r. n. 445/2000 non deve essere apposta. Per evitare che tale certificato venga poi di fatto prodotto ad una Pubblica amministrazione italiana – e sia di conseguenza nullo – deve essere apposta la dicitura ad hoc Ai sensi dell’art. 40, d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445, il presente certificato è rilasciato solo per l’estero . Le modalità operative per la richiesta. Per formulare l’istanza di DURC estero , l’utente deve selezionare Altri usi consentiti dalla legge nel menù Pratiche – Richiesta - Altra tipologia , indicare nel campo a testo libero la specifica uso e valorizzare il flag DURC Estero . Il certificato riporta la dicitura Ai sensi dell’art. 40, d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445, il presente certificato è rilasciato solo per l’estero ed è valido 120 giorni dalla data di emissione . Sul portale sono pubblicati il modulo unificato di richiesta quadro C aggiornato e le relative istruzioni per la compilazione link Info – informazioni sulla procedura . fonte www.fiscopiu.it

TP_LAV_14INAIL3_s