Gli effetti della rinuncia alla cessione del credito IVA a garanzia del contratto di finanziamento

L'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 39/E del 28 marzo, fornisce una consulenza giuridica relativa all’art. 43-bis del d.P.R. n. 602/1973, in tema di cessione del credito a scopo di garanzia per contratti di finanziamento.

L’Agenzia delle Entrate ieri ha pubblicato la risoluzione 39/E al fine di fornire una consulenza giuridica riguardo alla cessione del credito IVA a scopo di garanzia e alla relativa rinuncia da parte del cessionario a seguito della risoluzione del contratto di finanziamento. Il caso. Il titolare del credito IVA trasferisce tale credito alla cessionaria per garantire l’adempimento di un contratto di finanziamento stipulato con quest’ultima, configurando quindi come un contratto di cessione del credito a scopo di garanzia, in cui la cessione del credito si collega a un contratto di finanziamento. Al momento della risoluzione del contratto di finanziamento, la rinuncia alla cessione del credito da parte della cessionaria non è da ritenersi una seconda cessione del credito, bensì una comunicazione all’Amministrazione finanziaria dell’intervenuta risoluzione del contratto di cessione del credito, a seguito dell’adempimento del debito garantito. In altre parole, non si realizza un’ulteriore cessione del credito, ma soltanto la perdita di efficacia dell’originaria cessione, con conseguente ritrasferimento della titolarità del credito al cedente originario. Dunque, in questo caso non vi è il pericolo di incorrere nel divieto previsto dall’art. 43- bis , comma 1, del d.P.R. n. 602/1973, secondo il quale il cessionario non può cedere il credito oggetto della cessione . Rinuncia alla cessione del credito La rinuncia alla cessione del credito deve risultare da atto pubblico e scrittura privata autenticata e deve essere comunicata all’Amministrazione finanziaria e al concessionario mediante notifica art. 69 del r.d. 18 novembre del 1923, n. 2440, richiamato dall'art. 43- bis , comma 1, D.P.R. n. 602/1973 . Fonte fiscopiu.it

TP_FISCO_17ris39_E_s