Pregiudiziale amministrativa, anche senza l'annullamento del provvedimento illecito

Per gli ermellini la dipendenza significherebbe una restrizione della tutela che spetta al privato di fronte alla Pa. La competenza è del giudice amministrativo all'ordinario spettano solo le controversie risarcitorie marginali

Risarcimento del danno da attività amministrativa illegittima, la competenza è del giudice amministrativo e l'azione può essere richiesta anche senza l'annullamento del provvedimento illecito. Al giudice ordinario spettano quindi solo le controversie risarcitorie marginali, ossia quelle che riguardano i diritti cosiddetti incomprimibili o l'occupazione usurpativa. È quanto hanno stabilito le Sezioni unite della Corte di cassazione con l'ordinanza 13660/06 depositata lo scorso 13 giugno e qui leggibile nei documenti correlati . I giudici della Suprema corte hanno ritenuto che la giurisdizione del giudice amministrativo sussiste in presenza d un concreto esercizio del potere, riconoscibile in base al procedimento svolte e alle forme adottate. Ma non solo, hanno anche stabilito che spetta al Ga disporre le diverse forme di tutela che l'ordinamento appresta per le situazioni soggettive sacrificate dall'esercizio illegittimo del potere. Forme tra le quali rientra anche il risarcimento del danno. Inoltre, ha detto la Cassazione, sconfessando la decisione 4/2003 pubblicata sul quotidiano on line del 26 marzo 2003 dell'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, ammettere la necessaria dipendenza del risarcimento dal previo annullamento dell'atto illegittimo significherebbe restringere la tutela che spetta al privato di fronte alla pubblica amministrazione. Significa cioè assoggettare il suo diritto al risarcimento del danno, anziché alla regola generale della prescrizione, a una Verwirkung amministrativa, tutta italiana . Infine, mette in guardia piazza Cavour, il rifiuto della tutela risarcitoria autonoma, motivato sotto gli aspetti indicati, sarà sindacabile solo attraverso il ricorso per cassazione per motivi attinenti alla giurisdizione. Del resto, in questo caso il Ga avrà rifiutato di esercitare una giurisdizione che gli appartiene. cri.cap

Cassazione - Sezioni unite civili - ordinanza 9 febbraio-13 giugno 2006, n. 13660 Presidente Corona - Relatore Luccioli Pg Gambardella - conforme - Ricorrente Comune di Anagni