Le deroghe al Prg non possono stravolgerne i principi ispiratori

Ed è difficile considerare una pista per kart fuoristrada come un normale impianto sportivo a vantaggio della comunità, peraltro non previsto dalle destinazioni di zona

Le normative in materia di concessioni edilizie in deroga devono essere interpretate restrittivamente, ovvero non possono travolgere le esigenze di ordine urbanistico a suo tempo recepite nel Piano regolatore generale Prg inoltre non possono costituire oggetto di deroga le destinazioni di zona che attengono all'impostazione stessa del Piano regolatore costituendone le norme direttrici. A ricordarlo con la sentenza qui leggibile come documento correlato è la seconda sezione del Tribunale amministrativo regionale per l'Emilia Romagna che ha accolto il ricorso contro la concessione in deroga rilasciata dal Comune di Prignano sulla Secchia per la realizzazione di una pista di kart fuoristrada in zona a destinazione agricola nonché la concessione edilizia in sanatoria, concernente la realizzazione di opere prodromiche o complementari alla pista stessa. Anche la più elastica normativa regionale legge n. 31/2002 , invocata dal Comune resistente, va interpretata in senso restrittivo - a detta dei giudici amministrativi - e deve ritenersi che, ai sensi di tale disposizione legislativa regionale, la deroga sia consentita solo nel novero delle diversificate destinazioni d'uso, ammesse dal Prg all'interno delle singole destinazioni di zona urbanistiche previste dalla legge residenziale, agricola, industriale, commerciale e direzionale , così osservandosi il corretto rapporto tra destinazioni d'uso dei singoli beni e destinazioni di zona . Inoltre, nel caso di specie, il Collegio non ha ravvisato alcuna ragione eccezionale in grado di giustificare la deroga, ragione che certo sarebbe dovuta comparire nella motivazione del provvedimento. Il Consiglio comunale si era infatti limitato, riferendosi alla domanda concessoria, ad osservare che si trattava di struttura idonea a favorire la promozione di attività sportivo-ricreative e pertanto di un'opera di interesse qualificato dalla sua rispondenza ai fini perseguiti dall'Amministrazione Pubblica , laddove invece - annotano i giudici - era richiesta una specifica giustificazione in ordine all'effettiva finalità pubblicistica non già di un consueto impianto sportivo, bensì di una così particolare struttura ricreativo-sportiva . Infine, ricorda il Tar, l'ammissibilità di siffatte ipotesi miste di concessioni in deroga ed a sanatoria è categoricamente esclusa dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato. m.c.m. ?? ?? ?? ?? 2

Tar Emilia Romagna - Sezione seconda - sentenza 16 marzo-21 giugno 2006, n. 875 Presidente Papiano - Relatore Calderoni Ricorrente Fiandri Fatto e diritto I. Con l'atto introduttivo del giudizio, la ricorrente - confinante con il terreno sito in Prignano e di proprietà dei controinteressati Sigg. Fontanazzi Vittorio e Bardelli Domenica - impugna il nulla osta, deliberato dal Consiglio comunale di Prignano sulla Secchia, al rilascio di concessione edilizia in deroga per realizzazione su detto terreno di pista per kart fuoristrada nonché la concessione edilizia in sanatoria, concernente la realizzazione di opere prodromiche sbancamento o complementari recinzione, cavi elettrici per illuminazione, installazione di box alla pista stessa. La ricorrente impugna, altresì, ed in via tuzioristica, l'eventuale concessione in deroga rilasciata, che asserisce di non conoscere. Queste le censure dedotte illegittimità/inesistenza della concessione edilizia in sanatoria per omessa indicazione del comportamento abusivo eccesso di potere per violazione dei principi di trasparenza e giusto procedimento, genericità, incongruità, perplessità, travisamento, contraddittorietà e difetto del presupposto illegittimità della concessione edilizia in sanatoria per violazione dell'articolo 13 legge 47/1985 eccesso di potere per carenza di motivazione, ambiguità, perplessità, prospettandosi l'assenza della c d doppia conformità alle norme urbanistiche, in relazione all'insediamento dell'attività commerciale de qua pista di kart in zona agricola illegittimità della concessione edilizia in sanatoria per violazione dell'articolo 17 NTA del PRG eccesso di potere per carenza di motivazione, con riferimento al medesimo insediamento commerciale in detta zona illegittimità della concessione edilizia in sanatoria per violazione dell'articolo 4 legge 10/1977 e 13 legge regionale 31/2002 eccesso di potere per carenza di motivazione, essendo il titolo stato rilasciato ad una società comodataria illegittimità della concessione edilizia in sanatoria per violazione dell'articolo 107 D.Lgs 267/00 e della legge 241/90 incompetenza del Sindaco al rilascio del titolo stesso illegittimità della deliberazione C.C. n 23 del 10 ottobre 2002 per violazione dell'articolo 54 legge regionale 47/1978, dell'articolo 41quater legge 1150/42 e dell'articolo 3 legge 1357/55, nell'assunto che l'istituto della concessione in deroga non potrebbe spingersi fino alla modificazione delle destinazioni di zona eccesso di potere per difetto di motivazione violazione degli articoli 3 e 7 legge 241/90, per apoditticità dell'affermazione di coincidenza delle finalità pubbliche e private e per mancata comunicazione, alla ricorrente/confinante, dell'avvio del procedimento illegittimità derivata della concessione edilizia in sanatoria dall'illegittimità della deliberazione C.C. n. 23/2002 illegittimità derivata della concessione edilizia in deroga dall'illegittimità della deliberazione C.C. n. 23/2002. II. Con rituale atto di motivi aggiunti depositato il 21 ottobre 2003, parte ricorrente ha, altresì, impugnato il permesso di costruire effettivamente rilasciato in deroga ed il relativo atto di conformità edilizia ed agibilità, deducendo le ulteriori e rispettive censure di illegittimità derivata della concessione edilizia in deroga dall'illegittimità della deliberazione C.C. n. 23/2002 illegittimità propria del permesso di costruire e della concessione in sanatoria per violazione degli articoli 4, 9, 10 legge regionale 9/1999, per mancata attivazione della procedura di screening illegittimità del permesso di costruire per violazione dell'articolo 18 NTA del PRG ed eccesso di potere sotto diversi profili, stante la diversità di oggetto tra deliberazione di deroga pista da Kart e permesso di costruire servizi commerciali illegittimità del permesso di costruire per violazione dell'articolo 8 legge regionale 33/2002 mancato rispetto delle prescrizioni contenute nel parere preventivo n. 1793/2002 . III. Si è costituita in giudizio l'Amministrazione comunale intimata, eccependo preliminarmente l'irricevibilità per tardività dell'impugnativa della deliberazione C.C. n. 23 del 10 ottobre 2002 e la conseguente inammissibilità delle ulteriori censure svolte in ricorso, di cui contesta, comunque, la fondatezza nel merito. IV. Con ordinanza 819/03, questa Sezione accoglieva la domanda cautelare di parte ricorrente, considerato che, ad una prima sommaria delibazione, il ricorso appare fondato con particolare riguardo alle censure relative all'esercizio del potere di rilasciare concessioni in deroga alla destinazione di zona fissata dal P.R.G. per l'area su cui è collocato l'intervento in controversia . Indi, all'odierna pubblica udienza, la causa è passata in decisione, previo deposito di memoria conclusiva da parte ricorrente. V.1. Ciò premesso, il Collegio deve convenire - tenuto conto anche dell'avviso già espresso in sede cautelare - con l'impostazione metodologica e contenutistica che caratterizza la menzionata memoria conclusiva di parte ricorrente. V.2. Innanzitutto, va disattesa l'eccezione comunale di tardività dell'impugnativa della deliberazione consiliare n. 23/2002, in quanto la giurisprudenza amministrativa sin da Consiglio Stato, Sezione quinta, 433/84 è ferma nel senso che, quanto al particolare istituto di cui qui si controverte, l'atto terminale del procedimento è costituito dalla concessione edilizia in deroga, mentre la previa deliberazione del consiglio comunale prevista dall'articolo 41quater legge urbanistica si configura come atto interno del procedimento, non immediatamente lesivo, impugnabile - assieme agli atti di uguale natura confluiti nel procedimento stesso - solo congiuntamente all'atto finale, una volta emanato così Tar Milano, Sezione seconda, 728/98 la medesima deliberazione riveste, viceversa, carattere di immediata lesività solo nel caso - che qui non ricorre - di determinazione negativa del consiglio comunale sulla deroga, poiché tale determinazione negativa preclude al sindaco il prosieguo del particolare procedimento di concessione edilizia in questione cfr. CdS, Sezione quinta, 302/93 . L'impugnativa, oltreché ammissibile, è fondata. V.3. Invero, come ancora correttamente rilevato dalla citata memoria conclusiva, le norme in materia di concessioni edilizie in deroga devono essere interpretate restrittivamente, e cioè nel senso che le deroghe al p.r.g. non possono travolgere le esigenze di ordine urbanistico a suo tempo recepite nel piano e che diversamente da quanto opinato nelle premesse della deliberazione consiliare n. 23/2002, sulla scorta del richiamo a risalenti pronunce giurisprudenziali non possono costituire oggetto di deroga le destinazioni di zona che attengono all'impostazione stessa del piano regolatore generale e ne costituiscono le norme direttrici cfr. da ultimo Tar Lombardia, Milano, Sezione seconda, 6486/04 , cosicché rientrano tra le prescrizioni derogabili solo le norme di dettaglio, che non involgono i criteri di impostazione e le linee direttrici dello strumento urbanistico Consiglio di Stato, Sezione quinta, 1841/99 Sezione quarta, 1057/97 . Di tale interpretazione restrittiva va, dunque, reso passibile anche l'articolo 15, comma 2 legge regionale 31/2002, su cui fa leva la difesa comunale nel proprio controricorso e che così testualmente dispone la deroga, nel rispetto delle norme igieniche, sanitarie e di sicurezza e dei limiti inderogabili stabiliti dalle disposizioni statali e regionali, può riguardare esclusivamente le destinazioni d'uso ammissibili, la densità edilizia, l'altezza e la distanza tra i fabbricati e dai confini, stabilite dalle norme di attuazione del POC e del PUA ovvero previste dal PRG e dai relativi strumenti attuativi . Deve, cioè, ritenersi che, ai sensi di tale disposizione legislativa regionale, la deroga sia consentita solo nel novero delle diversificate destinazioni d'uso, ammesse dal PRG all'interno delle singole destinazioni di zona urbanistiche previste dalla legge residenziale, agricola, industriale, commerciale e direzionale , così osservandosi il corretto rapporto tra destinazioni d'uso dei singoli beni e destinazioni di zona, individuato dal Giudice amministrativo di primo Tar Bari, Sezione seconda, 2017/03 e secondo grado CdS, Sezione quarta, 805/99 . Ma, nel caso in esame, è proprio la deliberazione consiliare espressasi in senso favorevole alla deroga a dare atto - nel medesimo passaggio motivazionale sopra citato - che si verte in un'ipotesi di contrasto con la destinazione di zona di P.R.G Risultano, pertanto, meritevoli di accoglimento le specifiche censure svolte sul punto dal sesto motivo di ricorso e, peraltro, già espressamente apprezzate dalla Sezione in sede cautelare. V.4. Parimenti suscettibili di condivisione sono i rilievi mossi con il successivo settimo motivo. Costituisce, infatti, principio pacifico in giurisprudenza che l'adozione di un provvedimento concessorio in deroga presuppone una congrua valutazione comparativa tra le eccezionali ragioni che potrebbero giustificare la deroga e la situazione di diritto e di fatto sulla quale il provvedimento verrebbe ad incidere e che di tale valutazione deve adeguatamente darsi atto nella motivazione del provvedimento Consiglio Stato, Sezione quinta, 132/97, richiamata anche da parte ricorrente principio recentemente ribadito dallo stesso Consiglio di Stato Sezione quinta, 4759/04 , con riferimento al rilascio di una concessione in deroga al regime delle distanze come disciplinato dal p.r.g. Orbene, nel caso di specie tale congrua motivazione difetta palesemente, essendosi il Consiglio Comunale limitato ad osservare che la domanda di concessione edilizia ha per oggetto la realizzazione di una pista di Kart fuoristrada, struttura idonea a favorire la promozione di attività sportivo-ricreative e pertanto di un'opera di interesse qualificato dalla sua rispondenza ai fini perseguiti dall'Amministrazione Pubblica , laddove, era, viceversa richiesta una specifica giustificazione in ordine all'effettiva finalità pubblicistica non già di un consueto impianto sportivo, bensì di una così particolare struttura ricreativo-sportiva. V.5. Dalla fondatezza del sesto e settimo motivo di ricorso discende, pertanto, l'illegittimità, sotto entrambi i corrispondenti profili, dell'impugnata deliberazione consiliare di nulla-osta alla deroga nonché - in via direttamente derivata e come esattamente dedotto con il primo motivo aggiunto - del consequenziale permesso di costruire n. 3216, rilasciato dal Comune il 24 luglio 2003. V.6. La medesima illegittimità della predetta deliberazione consiliare riveste, altresì, analoga efficacia invalidante a valle nei confronti della concessione edilizia in sanatoria, rilasciata dal Sindaco il 29 maggio 2003. Il nesso tra i due atti è, infatti, pacifico per entrambe le parti la ricorrente deduce con un apposito motivo del ricorso introduttivo l'ottavo l'illegittimità derivata della concessione in sanatoria dall'illegittimità della deliberazione consiliare n. 23/2002, che lasciando immutata la destinazione agricola della zona, esclude radicalmente insediamenti del tipo in questione e cioè attività e servizi di carattere commerciale, nell'ottica di un più ampio complessivo insediamento sportivo ancora, al capo 2 delle conclusioni dell'atto di motivi aggiunti, nonché a pag. 9 della citata memoria finale, ella torna a far discendere dalla deliberazione consiliare de qua l'illegittimità derivata, tanto del permesso di costruire, quanto della concessione in sanatoria a sua volta, il Comune argomenta espressamente pag. 10 controricorso che in presenza di una peculiare situazione, quale quella connessa alla disposta deroga delle norme di zona, l'amministrazione ha deciso di sanare le opere realizzate prima del rilascio del permesso di costruire, nella consapevolezza che dette opere potevano comunque essere realizzate . Non essendo, pertanto, controverso in causa il carattere di presupposto quantomeno logico rivestito dalla deliberazione di nulla-osta anche rispetto al rilascio della concessione in sanatoria delle opere prodromiche e complementari a quelle oggetto della deroga , può concludersi per la caducazione anche di detta concessione in sanatoria, per effetto dell'accertata illegittimità della deliberazione medesima. A tacere, peraltro, della circostanza che la giurisprudenza del Consiglio di Stato esclude categoricamente l'ammissibilità di siffatte ipotesi miste di concessioni in deroga ed a sanatoria Sezione quinta, 5622/04 . V.7. In via ulteriormente derivata risulta, poi, all'evidenza inficiato l'atto 26 agosto 2003 impugnato con i motivi aggiunti , con cui è stata certificata la conformità urbanistica e l'agibilità dei servizi accessori alla pista. VI. Riepilogando, va disposto in accoglimento del sesto e settimo motivo del ricorso introduttivo l'annullamento dell'impugnata deliberazione consiliare n. 23 del 2003 e - in via di illegittimità derivata e con conseguente assorbimento delle residue censure dedotte nell'atto introduttivo del giudizio ed in quello di motivi aggiunti - vanno, altresì, annullati - la concessione edilizia in sanatoria 29 maggio 2003, n. 7643 - il permesso di costruire in deroga 24 luglio 2003, n. 3216 - l'atto 26.8.2003 n. 4432/R. Secondo il principio della soccombenza, le spese vanno poste a carico della parte resistente, che va, pertanto, condannata a rifonderle nella misura di euro 5.000,00 euro cinquemila/00 , al netto delle ritenute di legge, in favore della ricorrente. Possono, invece, ritenersi indenni da spese i controinteressati non costituti. PQM Il Tar per l'Emilia-Romagna, Sezione seconda, accoglie il ricorso in premessa nei sensi di cui in motivazione e, per l'effetto, annulla i provvedimenti impugnati ed in epigrafe nonché al capo VI della motivazione indicati. Condanna il Comune di Prignano sulla Secchia a rifondere alla parte ricorrente le spese di lite e le liquida in euro 5.000,00 euro cinquemila/00 , al netto delle ritenute di legge. Per le spese, nulla grava sui controinteressati. Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'Autorità amministrativa. ?? ?? ?? ?? 4