L'assemblea degli avvocati amministrativisti a Palazzo Spada

Si è svolta ieri, 6 aprile 2017, alle ore 14.30 a Roma, l’assemblea dell’Unione nazionale avvocati amministrativisti presso Palazzo Spada, alla presenza del Presidente del Consiglio di Stato Pajno. Il messaggio lanciato nel corso dell’assemblea ha riguardato la necessità di una riforma per la giustizia amministrativa italiana.

L’assemblea dell’Unione nazionale avvocati amministrativisti si è svolta ieri, 6 aprile 2017, alle ore 14.30 presso la sede del Consiglio di Stato, alla presenza del Presidente Alessandro Pajno. Un grido di riforma per la giustizia amministrativa. I lavori dell’assemblea sono stati aperti dal Presidente di UNA Umberto Fantigrossi il quale ha illustrato il progetto di riforma che, a breve, sarà presentato dinanzi al Governo e al Parlamento. Tale progetto si fonda, sostanzialmente, su 4 principali misure l’introduzione sperimentale, solo per alcune materie, del giudice monocratico, la mediazione amministrativa per le controversie che riguardano la P.A., l’istituzione dei consigli giudiziari nell’ambito della giustizia amministrativa e, infine, la revisione delle competenze del TAR Lazio che, ad oggi, risultano essere troppo estese. Un’ammonizione per il PAT. Nel corso dell’assemblea sono emerse critiche riguardanti l’avvio del processo amministrativo telematico che, secondo molteplici voci, è regolato da procedure eccessivamente rigide che attribuiscono agli avvocati troppi oneri, tra cui quello di fornire copie cartacee di cortesia di atti e documenti, intralciando così l’obiettivo di snellezza e praticità che ci si era preposti.