La legge siciliana non richiede il permesso di costruire? Sì, ma la normativa antisismica va sempre rispettata

Il T.U. sull’edilizia D.P.R. n. 380/2001 ha riconosciuto la competenza primaria in materia urbanistica alle Regioni a statuto speciale, ma la deroga alla disciplina nazionale non può essere estesa alla disciplina edilizia antisismica e delle costruzioni in cemento armato queste ultime, infatti, riguardano la sicurezza statica degli edifici e come tali appartengono alla competenza esclusiva dello Stato.

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 16182/13, depositata il 9 aprile. Il caso. Due coniugi vengono condannati per aver realizzato sul terrazzo di un loro immobile una veranda chiusa precaria rimovibile in legno senza aver dato avviso al Genio Civile, senza aver presentato i calcoli di stabilità e senza l’autorizzazione scritta richiesta in zona sismica. La questione, allora, è posta all’attenzione dei giudici di legittimità i ricorrenti contestano essenzialmente l’erronea applicazione della normativa antisismica, l’estraneità della moglie alla vicenda e la mancata valutazione di una evidente situazione di buona fede. La Regione ha competenza in materia urbanistica Gli Ermellini, anzitutto, ricostruiscono il quadro normativo in materia il fatto contestato, infatti, si è svolto in Sicilia e bisogna tener presente che il T.U. sull’edilizia D.P.R. n. 380/2001 ha riconosciuto la competenza primaria in materia urbanistica alle Regioni a statuto speciale. L’art. 20 della legge regionale siciliana n. 4/2003 prevede un particolare regime di asseveramento ove invece il legislatore nazionale richiede il permesso di costruire per alcuni interventi minori, quali la chiusura di terrazze con strutture precarie. In questi casi, pertanto, il proprietario deve soltanto presentare al Comune una relazione asseverata di un professionista abilitato, che assicuri il rispetto delle norme urbanistiche, igienico sanitarie e di sicurezza. ma la disciplina antisismica non è derogabile. Secondo un’interpretazione costituzionalmente corretta della competenza riconosciuta alla Sicilia, però, la deroga alla disciplina nazionale è limitata alla materia urbanistica e non può essere estesa alla disciplina edilizia antisismica e delle costruzioni in cemento armato queste ultime, infatti, riguardano la sicurezza statica degli edifici e come tali appartengono alla competenza esclusiva dello Stato ex art. 117, comma 2, Cost La moglie è estranea al reato? Gravi indizi fanno pensare il contrario. Neppure può essere affermata l’estraneità della moglie agli illeciti contestati consolidata giurisprudenza ha infatti affermato che la responsabilità penale per costruzione abusiva può essere affermata quando si può ragionevolmente presumere che l’agente abbia concorso, anche solo moralmente, con il committente o l’esecutore dei lavori. Nel caso in esame, i giudici di merito hanno rilevato che la donna era comproprietaria dell’edificio, ne aveva la disponibilità giuridica e di fatto e aveva sicuro interesse all’esecuzione delle opere tali elementi indiziari fanno ritenere sussistente il concorso nei reati, quanto meno sotto il profilo del rafforzamento morale del disegno criminoso del marito. I coniugi dovevano informarsi sugli adempimenti necessari. Quanto alla presunta carenza dell’elemento soggettivo, infine, la S.C. precisa che la colpa dei committenti si sostanzia nell’inosservanza di obblighi imposti dalla legge, dei quali essi erano destinatari diretti la loro colpa, in particolare, consiste nel non aver assunto le dovute informazioni in merito agli adempimenti necessari per la legittima esecuzione dei lavori. Ciò premesso, è evidente che non può essere invocata l’ignoranza inevitabile della legge penale, la quale presuppone che l’agente abbia fatto tutto il possibile per adeguarsi al dettato della norma. Per questi motivi la Cassazione, affermata la congruità della pena irrogata, rigetta i ricorsi.

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 28 febbraio 9 aprile 2013, n. 16182 Presidente Teresi Relatore Fiale Ritenuto in fatto Il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, con sentenza del 20.9.2011, ha affermato la responsabilità penale di C.V. e D.A.G. in ordine ai reati di cui - agli artt. 93, 94 e 95 d.P.R. n. 380/2001 per avere realizzato sul terrazzo di un immobile di loro proprietà una veranda chiusa precaria rimovibile in legno, delle dimensioni di mt. 7,00 x 7,77, con solaio di copertura in perlinato e tegole, senza dare avviso al Genio Civile, senza la preventiva presentazione dei calcoli dì stabilità e senza l'autorizzazione scritta richiesta in zona sismica - acc. in omissis e, riconosciute circostanze attenuanti generiche, unificati i reati nel vincolo della continuazione ex art. 81 cpv. cod. pen., ha condannato ciascuno alla pena di Euro 2.000,00 di ammenda. Avverso tale sentenza hanno proposto ricorso per cassazione il difensore degli imputati ed atto di appello gli imputati medesimi e, con tali mezzi di gravame, hanno eccepito sotto i profili della violazione di legge e del vizio di motivazione la erronea applicazione della disciplina antisismica posta dal T.U. n. 380/2001, non essendosi tenuto conto della divergente e derogatoria normativa posta dall'art. 20 della legge regionale siciliana n. 4 del 16.4.2003, che, in forza della competenza legislativa esclusiva che appartiene alla Regione Siciliana secondo il suo Statuto speciale, deroga ad ogni altra disposizione di legge, sicché per le opere aventi struttura precaria previste dalla norma stessa non sarebbero richiesti alcun progetto esecutivo e alcuna denuncia o autorizzazione preventiva, ossia non sarebbe applicabile alcuna di quelle prescrizioni sancite dalla norme contestate di cui al T.U. n. 380/2001. A norma dell'art. 20, comma 2, della legge regionale n. 4/2003 l'opera precaria deve essere soltanto preceduta da una relazione di un professionista abilitato alla progettazione, che asseveri il rispetto delle norme di sicurezza e la mancanza di pregiudizio alla statica dell'immobile e tale relazione asseverativa sostituisce ed ingloba tutte le ulteriori prescrizioni previste dalla legge nazionale per le opere da realizzarsi in zona sismica - la mancata valutazione di una evidente situazione di buona fede per errore incolpevole, a fronte di un quadro normativo equivoco, tanto che lo stesso ufficio del Genio Civile di Messina, verosimilmente a causa dell'incertezza derivante dal contrasto tra la normativa regionale e quella statale in materia, solo a distanza di cinque anni dall'entrata in vigore del d.P.R. n. 380/2001 aveva emanato la disposizione di servizio n. 235 del 26.8.2008, indirizzata ai Comuni, con cui aveva chiarito che per le strutture precarie superiori a 20 mq. era comunque necessario depositare i calcoli di stabilità - la compieta estraneità della C. alla vicenda, perché i lavori erano stati commissionati e seguiti soltanto dal D. - la incongrua determinazione della pena, priva della specificazione della misura base e dell'aumento inflitto per la continuazione. La Corte di appello di Messina - con ordinanza del 4.6.2012 - ha convertito l'atto di appello sottoscritto personalmente dagli imputati in ricorso per cassazione, ex art. 568, ultimo comma, cod. proc. pen Il difensore ha depositato memoria aggiuntiva. Considerato in diritto I ricorsi devono essere rigettati, perché infondati. 1. L'art. 14, lett. f , dello Statuto speciale della Regione Siciliana, approvato con R.D.Lgs. 15.5.1946, n. 455 prevede che il legislatore siciliano ha competenza esclusiva In materia urbanistica. Il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, approvato con il d.P.R. n. 380/2001, ha riconosciuto questa competenza primaria delle Regioni a statuto speciale e delle Province autonome di Trento e Bolzano, sempre nel rispetto e nei limiti dei rispettivi statuti art. 2, comma 2 . L'art. 20 della legge regionale siciliana n. 4 del 16.4.2003 assoggetta ad un particolare regime di asseveramento ove la legislazione nazionale prescrive invece la necessità del permesso di costruire a la chiusura di terrazze di collegamento e/o la copertura di spazi interni con strutture precarie b la realizzazione di verande, definite come chiusure o strutture precarie relative a qualunque superficie esistente su balconi, terrazze e anche tra fabbricati c la realizzazione di altre strutture, comunque denominate a titolo esemplificativo si fa riferimento a tettoie, pensiline e gazebo , che vengono assimilate alle verande, a condizione che ricadano su aree private, siano realizzate con strutture precarie e siano aperte almeno da un lato. La norma in esame dispone altresì che aa gli interventi dianzi descritti non sono considerati aumento di superficie utile o di volume né modifica della sagoma della costruzione bb sono da considerare strutture precarie tutte quelle realizzate in modo tale da essere suscettibili di facile rimozione . Prima di realizzare questi interventi minori, il proprietario deve soltanto presentare al Comune una relazione asseverata di un professionista abilitato, che assicuri il rispetto delle norme vigenti sotto il profilo urbanistico, igienico-sanitario e di sicurezza. Le disposizioni regionali anzidette, procedendo alla identificazione in via di eccezione di determinate opere precarie non soggette a permesso di costruire, privilegiano il criterio strutturale la circostanza che le parti di cui la costruzione si compone siano facilmente rimovibili a discapito di quello funzionale l'uso realmente precario e temporaneo cui la costruzione è destinata . Tali disposizioni, pertanto, non possono essere applicate al di fuori dei casi espressamente previsti [vedi Cass., Sez. III 26.4.2007, Camarda 15.6.2006, Moltlsanti]. Secondo una interpretazione costituzionalmente corretta della competenza primaria riconosciuta alla Regione Siciliana, inoltre, la deroga alla disciplina nazionale deve essere limitata alla materia dell'urbanistica e non può essere estesa alle materie della disciplina edilizia antisismica e delle costruzioni in conglomerato cementizio armato. Infatti, la norma - di rango costituzionale - che in via di eccezione riconosce la competenza primaria della Regione Siciliana fa riferimento soltanto alla materia urbanistica , che attiene all'assetto e al governo del territorio, mentre la legislazione antisismica e quella sulle costruzioni in cemento armato si riferisce a materie diverse, che attengono alla sicurezza statica degli edifici e - come tali - appartengono alla competenza esclusiva dello Stato ai sensi dell'art. 117, comma 2, della Costituzione. Questa differenza di interessi tutelati si riflette anche nella differenza, almeno parziale, delle autorità competenti, essendo l'urbanistica riservata tradizionalmente all'autorità comunale e le altre materie predette assegnate invece agli uffici del Genio Civile ed attualmente agli uffici tecnici regionali vedi Cass., Sez. III, 9.7.2008, n. 38405, Di Benedetto . Alla stregua di tali principi, appare evidente l'infondatezza del primo motivo dei ricorsi, giacché l'intervento edilizio in oggetto poteva considerarsi, secondo la normativa della Regione Siciliana, sottratto al permesso di costruire previsto a tutela degli interessi urbanistici, ma continuava ad essere soggetto ai controlli preventivi previsti a tutela della sicurezza delle costruzioni. 2. Per completezza espositiva - tenuto conto delle peculiarità costruttive del manufatto oggetto della vicenda in esame - appare opportuno evidenziare che le disposizioni di cui agli artt. 93 e 94 del d.P.R. n. 380/2001 si applicano a tutte le costruzioni la cui sicurezza possa interessare la pubblica incolumità, a nulla rilevando la natura dei materiali usati e delle strutture realizzate, stante l'esigenza di massimo rigore nelle zone dichiarate sismiche, che rende necessari i controlli e le cautele prescritte anche quando si impiegano elementi strutturali meno solidi e duraturi rispetto alla muratura ed al cemento armato vedi Cass., Sez. III 17.2.2012, n. 6591 25.1.2011, n. 15412 3.9.2007, n. 33767 24.10.2001, n. 38142 . 3. In ordine alla eccepita estraneità di C.V. agli illeciti contestati, deve rilevarsi che, a norma dell'art. 93 del T.U. n. 380/2001 chiunque intenda procedere a costruzioni, riparazioni e sopraelevazioni , in zona sismica, deve farne denuncia all'organo competente con comunicazione alla quale deve essere allegato il progetto firmato da un tecnico autorizzato e dal direttore dei lavori. Le relative opere edilizie, poi, a norma del successivo art. 94, non possono essere iniziate senza preventiva autorizzazione. L'art. 95 del T.U. n. 380/2001, infine, commina la sanzione penale della sola ammenda, da infliggersi a chiunque violi le prescrizioni già contenute nella legge antisismica ed ora nel CAPO IV del citato T.U. Procedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche e nei decreti interministeriali di attuazione. Secondo la giurisprudenza di questa Corte Suprema, la responsabilità penale per 4 costruzione abusiva può essere affermata quando sussistano elementi in base ai quali possa ragionevolmente presumersi che l'agente abbia in qualche modo concorso, anche solo moralmente, con il committente o l'esecutore dei lavori abusivi. Occorre considerare, in sostanza, la situazione concreta in cui si è svolta l'attività incriminata, tenendo conto non soltanto della piena disponibilità, giuridica e di fatto, della superficie edificata e dell'interesse specifico ad effettuare la nuova costruzione principio del cui prodest bensì pure dei rapporti di parentela o di affinità tra l'esecutore dell'opera abusiva ed il proprietario dell'eventuale presenza in loco durante l'effettuazione dei lavori dello svolgimento di attività di materiale vigilanza sull'esecuzione dei lavori della richiesta di provvedimenti abilitativi anche in sanatoria del regime patrimoniale fra coniugi o comproprietari e, in definitiva, di tutte quelle situazioni e quei comportamenti, positivi o negativi, da cui possano trarsi elementi integrativi della colpa e prove circa la compartecipazione, anche morale, all'esecuzione delle opere, tenendo presente pure la destinazione finale della stessa [vedi Cass., Sez. III 27.9.2000, n. 10284, Cutaia 3.5.2001, n. 17752, Zorzi 10.8.2001, n. 31130, Gagliardi 18.4.2003, n. 18756, Capasso 2.3.2004, n. 9536, Mancuso 28.5.2004, n. 24319, Rizzuto 12.1.2005, n. 216, Fucciolo 15.7.2005, n. 26121, Rosato 2.9.2005, n. 32856, Farzone]. Grava sull'interessato, inoltre, l'onere di allegare circostanze utili a convalidare la tesi che, nella specie, si tratti di opere realizzate da terzi a sua insaputa e senza la sua volontà vedi Cass., Sez. feriale, 16.9.2003, n. 35537, Vitale . Alla stregua di tali principi, nella fattispecie in esame, il giudice del merito - con motivazione adeguata ed immune da vizi logico-giuridici - ha ricondotto anche all'imputata C. l'attività di edificazione in oggetto sui rilievi che essa era comproprietaria dell'edificio sul cui terrazzo è stata realizzata la nuova struttura ne aveva la disponibilità giuridica e di fatto aveva sicuro interesse all'esecuzione delle opere. Trattasi di elementi indiziar univoci e gravi - non smentiti da elementi di segno diverso - sulla base dei quali correttamente è stato ritenuto il concorso nei reati quanto meno sotto il profilo del rafforzamento morale del disegno criminoso del marito. 4. Con riferimento alle doglianze riferite alla pretesa carenza dell'elemento soggettivo delle contravvenzioni va rilevato che la colpa dei committenti si sostanzia, nella specie, nella inosservanza di obblighi imposti dalla legge dei quali essi erano destinatari diretti, attraverso comportamenti negligenti ed Imprudenti concretatisi nell'avere omesso di acquisire - assumendo le dovute informazioni presso le autorità amministrative competenti - doverosa cognizione di tutti gli adempimenti necessari per la legittima esecuzione dei lavori edilizi che avevano deciso di realizzare. Ai fini della configurabilità dell'ignoranza inevitabile e quindi scusabile della legge penale ex art. 5 cod. pen., a seguito della sentenza n. 364/1988 della Corte Costituzionale , la scriminante della buona fede può trovare applicazione - invece - solo nell'ipotesi in cui l'agente abbia fatto tutto il possibile per adeguarsi al dettato della norma e questa sia stata violata per cause indipendenti dalla volontà dell'agente medesimo, al quale, quindi, non può essere mosso alcun rimprovero, neppure di semplice leggerezza. 5. La pena, infine, è stata determinata con corretto riferimento ai criteri direttivi di cui all'art. 133 cod. pen. e va ribadita, al riguardo, la giurisprudenza di questa Corte Suprema secondo la quale, in tema di applicazione della pena nel reato continuato, la distinta applicazione dei singoli aumenti di pena per i diversi reati satelliti, sebbene non sia vietata ed anzi sia utile perché rende meglio evidenti le ragioni che concorrono a formare l'aumento complessivo e rende più speditamente applicabili vari istituti penali, quali eventuali cause estintive dei reati o delle pene, tuttavia non è prevista né richiesta dalla legge sicché l'indicazione, in materia unitaria e complessiva, dell'aumento di pena per i reati satellite non provoca nullità od irregolarità di alcun genere vedi Cass., Sez. III 7.12.2004, n. 47420, Cutarelli 30.11.1998, n. 12540, Riccio . Questa Corte ha altresì affermato che la possibilità, per il giudice di merito, di calcolare gli aumenti di pena, per i reati ritenuti in continuazione di quello più grave, anziché in modo unitario, in quantità correlative a ciascuno di tal reati entro il limite massimo complessivamente previsto dalla legge, costituisce una semplice facoltà e non un obbligo, dato che la legge, coerentemente alla teoria del cumulo giuridico cui essa si ispira, si riferisce ad un aumento unitario, quale che sia il numero dei reati ritenuti in continuazione e senza pregiudicare l'autonoma loro individualità a tutti gli altri effetti Cass., Sez. VI, 16.1.1991, n. 403, Marin . 6. Al rigetto dei ricorsi segue la condanna di ciascun ricorrente al pagamento delle spese processuali. P.Q.M. rigetta i ricorsi e condanna ciascun ricorrente al pagamento delle spese processuali.