Sanzioni per mancato pagamento rata e crediti P.A., pronti i codici tributo

L’Agenzia delle Entrate, con le risoluzioni n. 24/E e 25/E del 4 marzo 2014, ha istituito i codici tributo per il versamento da parte della P.A., rispettivamente, delle somme corrispondenti ai crediti utilizzati in compensazione, e delle sanzioni ed interessi dovuti per la regolarizzazione in caso di mancato pagamento di una rata, nelle ipotesi di rateazione del debito tributario.

In caso di importi rateizzati a seguito di definizione dell’accertamento, dell’accertamento con adesione, della conciliazione giudiziale e della mediazione, l’art. 8, comma 3 bis d.lgs. n. 218/1997, e l’art. 48, comma 3 bis d.lgs. n. 546/1992, prevedono la decadenza dal beneficio della rateazione in caso di mancato pagamento anche di una sola delle rate diverse dalla prima entro il termine di pagamento della rata successiva . Mancato pagamento di una rata. Con la risoluzione n. 25/E del 4 marzo 2014 l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, tramite modello F24, delle sanzioni e degli interessi dovuti per la regolarizzazione in caso di mancato pagamento di una rata nell’ipotesi di cui sopra, ai sensi dell'art. 13, d.lgs. n. 472/1997. I codici tributo istituiti sono riportati nella tabella pubblicata sul sito dell’Agenzia. Crediti della Pubblica Amministrazione. L’Agenzia ha anche istituito, con la risoluzione n. 24/E del 4 marzo 2014, i codici tributo per consentire alle pubbliche amministrazioni, mediante il modello F24 Enti pubblici”, di restituire all’erario le somme corrispondenti ai crediti utilizzati in compensazione. Ricordiamo infatti che, secondo quanto previsto dal d.l. n. 35/2013 - convertito nella Legge n. 64/2013 - che ha introdotto l’art. 28 quinquies , d.P.R. n. 602/1973, i crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati al 31 dicembre 2012 nei confronti di Pubbliche Amministrazioni, possono essere compensati, su specifica richiesta del creditore, per il pagamento delle somme dovute in base agli istituti definitori della pretesa tributaria e deflativi del contenzioso tributario, con le modalità di cui all’art. 17, d.lgs. n. 241/1997. fonte www.fiscopiu.it

TP_FISCO_14AgEntrRis24_E_s TP_FISCO_14AgEntrRis25_E_s