Sono nulli gli accordi preventivi tra i coniugi in vista del futuro ed eventuale divorzio

Gli accordi con i quali i coniugi fissano, in sede di separazione, il regime giuridico-patrimoniale in vista di un futuro ed eventuale divorzio sono nulli per illiceità della causa, avuto riguardo alla natura assistenziale dell’assegno divorzile, previsto a tutela del coniuge più debole.

Così è tornata a pronunciarsi la Corte di Cassazione con la sentenza n. 2224/17 depositata in cancelleria il 30 gennaio 2017. Il caso. Il Giudice di primo grado aveva pronunciato il divorzio tra due coniugi prevendendo, inter alia , la corresponsione in favore della moglie di un assegno divorzile periodico e di un contributo al mantenimento dei due figli. La Corte d’appello, adita dal marito, revocava l’assegno divorzile in favore della moglie e di quello di un figlio divenuto nel frattempo economicamente indipendente e riduceva il contributo per il mantenimento dell’altro figlio ad euro 1.500,00 mensili. Le motivazioni dei Giudici di secondo grado l’assegno divorzile Con particolare riferimento alla revoca dell’assegno divorzile, la Corte d’appello motiva la propria decisione affermando che sulla base della durata del matrimonio, della capacità patrimoniale di entrambi i coniugi nonché dell’apporto personale della moglie, quest’ultima in teoria - avrebbe avuto diritto ad un assegno divorzile. Tuttavia, in pratica, per il solo fatto che il marito anni prima avesse versato alla moglie una ingente somma di denaro pari a quasi due milioni di euro , la signora avrebbe dovuto ritenersi soddisfatta per aver già ottenuto quanto le sarebbe spettato per assegno di mantenimento ed assegno divorzile . ed il mantenimento del figlio. Quanto al figlio al quale veniva ridotto il contributo al mantenimento, la Corte d’appello ridetermina l’importo alla minor somma di 1.500,00 sulla base della retribuzione media di un laureato al primo impiego. Nullità degli accordi preventivi. Il giudizio della Corte di Cassazione in ordine ai preventivi accordi divorzili in vista di un futuro ed eventuale giudizio di divorzio questa volta è netto. L’accertamento del diritto del coniuge a vedersi riconosciuto un assegno divorzile deve esser effettuato verificando la sussistenza dei parametri di cui all’art. 5 l. div. inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente tenore di vita tendenzialmente analogo a quello avuto in costanza di matrimonio. La liquidazione conseguente deve esser effettuata tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione, del contributo personale ed economico dato da ciascun coniuge alla famiglia e alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, del reddito di entrambi, nonché della durata del matrimonio. Secondo i Giudici di legittimità, pertanto, la Corte territoriale ha errato nel qualificare la dazione da parte del marito alla moglie della somma di quasi due milioni di euro a titolo di anticipazione dell’assegno di separazione e divorzio e quindi di una tantum. Gli accordi preventivi aventi ad oggetto l’assegno di divorzio sono, infatti, affetti da nullità per illiceità della causa perché stipulai in violazione del principio di cui all’art. 160 c.c. di indisponibilità dei diritti nascenti dal matrimonio. L’una tantum richiede un controllo giudiziale. A ciò si aggiunga che la stessa legge divorzile prevede un controllo di equità da parte del giudice sull’importo versato da un coniuge all’altro a titolo di una tantum a tacitazione di ogni ulteriore pretesa. Proporzionalità del contributo al mantenimento del figlio. Ma anche in relazione alla riduzione del contributo al mantenimento del figlio a 1.500,00 mensili sulla base di uno stipendio di un laureato al primo impiego, la Corte territoriale ha errato e peccato di superficialità. Così facendo, infatti, i Giudici di merito hanno disapplicato completamente ogni principio sotteso alla determinazione del contributo al mantenimento dei figli, contributo che deve rispettare il principio di proporzionalità nonché le esigenze attuali e non generiche del figlio, tenuto conto del tenore di vita dallo stesso goduto in costanza di convivenza tra i genitori, dei tempi di permanenza del figlio presso ciascuno di essi e delle risorse dei genitori stessi.

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 15 luglio 2016 30 gennaio 2017, n. 2224 Presidente Di Palma Relatore Campanile Svolgimento del processo 1 - Con sentenza depositata in data 13 dicembre 2013 il Tribunale di Milano dichiarava la cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto dai signori S.G. e V.P.E.E. , ponendo a carico del primo un assegno divorzile di Euro 3.300,00, oltre al pagamento, nella misura del 75 per cento, del mutuo contratto per l’acquisto della casa coniugale di via Donizetti dichiarava altresì lo S. tenuto al mantenimento diretto del figlio A. , nato il omissis e a versare alla ex moglie, a titolo di contributo per il mantenimento del figlio C.M. , un assegno di Euro 4.100 mensili, oltre al 50 per cento delle spese sanitarie, scolastiche, sportive e formative. 1.1. La corte di appello di Milano, con la sentenza indicata in epigrafe, ha revocato l’assegno disposto in favore della V. ed ha dato atto del conseguimento dell’autosufficienza sul piano economico del figlio A. , che vive e lavora a in California ha ridotto il contributo per il mantenimento di C.M. ad Euro 1.500,00 mensili. 1.2. Quanto all’assegno in favore della V. , la Corte distrettuale ha preso le mosse dalla sentenza di separazione intervenuta fra le parti in data 18 aprile 2012, successivamente passata in giudicato, nella quale si dava atto del tenore di vita mantenuto in costanza di matrimonio, con conseguente rigetto delle istanze istruttorie avanzate dalla V. la quale, in sede di gravame aveva chiesto l’elevazione dell’assegno ad Euro 7.000,00 . 1.2.1. Richiamata la natura assistenziale dell’assegno di divorzio, nonché i principi affermati dalla Corte costituzionale nella decisione n. 11 del 2015, la corte di appello ha osservato che in considerazione dei criteri indicati dall’art. 5 della l. n. 898 del 1970, che fungono da elementi di moderazione dell’assegno spettante all’ex coniuge, tali aspetti, complessivamente considerati, conducevano ad accogliere il gravame proposto in via incidentale dallo S. e, quindi a revocare l’assegno. 1.2.2. E stato in particolare osservato che, tenuto conto della durata del matrimonio, della capacità patrimoniale dei coniugi, nonché del contributo personale della V. , alla stessa avrebbe dovuto attribuirsi un assegno pari ad Euro 2.000,00 mensili. Sennonché doveva rilevarsi che, come risultava dalla sentenza di separazione, lo S. aveva versato alla moglie nell’anno 2006 la somma di Euro 1.934.922, ragion per cui doveva ritenersi che in tal modo il predetto avesse inteso corrispondere alla stessa quanto le sarebbe spettato per assegno di mantenimento ed assegno divorzile , dovendosi considerare che il predetto importo, per la sua rilevanza, assorbiva, per almeno vent’anni, persino la richiesta di un assegno divorzile pari ad Euro 7.000,00 mensili. 1.3. Quanto al figlio C.M. , si è dato atto che lo stesso aveva abbandonato gli studi universitari e si era messo alla ricerca di un lavoro a tale carenza di indipendenza sul piano economico doveva corrispondere un contributo pari ad Euro 1.500,00 mensili, determinato sulla base della retribuzione media di un laureato al primo impiego. 1.4. Per la cassazione di tale decisione la signora V. propone ricorso, affidato a sette motivi, cui lo S. resiste con controricorso, illustrato da memoria. Motivi della decisione 2. Con il primo motivo si denuncia la violazione dell’art. 112 cod. proc. civ., per non aver la corte distrettuale, ritenendo erroneamente sussistente detto esame precluso dall’omessa impugnazione della sentenza relativa alla separazione personale dei coniugi, pronunciato in merito alla domanda di assegno divorzile. 3. Con il secondo mezzo si denuncia la violazione dell’art. 156 cod. civ. e dell’art. 5 della l. n. 865 del 1970, per aver ritenuto provato l’atto di disposizione compiuto durante il matrimonio, e, comunque, per avergli attribuito la valenza di corresponsione una tantum non solo dell’assegno di separazione, ma anche di quello divorzile. 4. La terza censura ripropone il tema della ritenuta abnormità del valore attribuito alla suddetta dazione - il cui accertamento, in presenza delle contestazioni della signora V. , non sarebbe state nemmeno effettuato - senza considerare che, al di là della diversità dell’assegno di mantenimento in favore del coniuge separato rispetto a quello divorzile, la stessa sentenza di separazione passata in giudicato in data 30 agosto 2012 aveva posto a carico del sig. S. , per il mantenimento della moglie, un assegno di 3.000,00 Euro, oltre al pagamento, nella misura del 75 per cento del mutuo relativo all’immobile di via omissis . 5. Con il quarto motivo si deduce la violazione dell’art. 345 cod. proc. civ., per aver la Corte escluso la produzione di documenti risalenti all’anno 2010, non estendendosi il divieto alle prove costituende e non essendosi formulato alcun motivato giudizio circa la loro irrilevanza. 6. Il quinto mezzo attiene al vizio di omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, concernente la disponibilità in capo all’intimato di somme rilevanti su conti bancari all’estero. 7. Con la sesta censura si denuncia la violazione dell’art. 155 cod. proc. civ., con particolare riferimento al criterio della proporzionalità, in relazione alla determinazione dell’assegno in favore del figlio C. . 8. L’ultimo motivo riguarda la revoca dell’assegno già disposto in favore del figlio A. , con statuizione in relazione alla quale si sarebbe formato il giudicato. 9. I primi tre motivi, per la loro intima correlazione, possono essere esaminati congiuntamente. Essi risultano fondati, in quanto le giustificazioni di natura giuridica poste alla base dell’esclusione dell’assegno in favore della ricorrente, interpolate da considerazioni di ordine fattuale non sussunte e non sussumibili in un valido quadro normativo di riferimento, si pongono in contrasto con i principi costantemente affermati da questa Corte in materia di assegno in favore del coniuge divorziato. 9.1. Ai sensi della L. n. 898 del 1970, art. 5, l’accertamento del diritto all’assegno divorzile deve essere effettuato verificando l’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto, mentre la liquidazione in concreto dell’assegno, ove sia riconosciuto tale diritto per non essere il coniuge richiedente in grado di mantenere con i propri mezzi detto tenore di vita, va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché del reddito di entrambi, valutandosi tutti i suddetti elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio cfr. ex plurimis, Cass., Sez. 1, 15 maggio 2013, n. 11686 12 luglio 2007, n. 15611 . Nell’ambito di questo duplice apprezzamento, occorre avere riguardo non soltanto ai redditi ed alle sostanze del richiedente, ma anche a quelli dell’obbligato, i quali assumono rilievo determinante sia ai fini dell’accertamento del livello economico-sociale del nucleo familiare, sia ai fini del necessario riscontro in ordine all’effettivo deterioramento della situazione economica del richiedente in conseguenza dello scioglimento del vincolo. Per poter determinare lo standard di vita mantenuto dalla famiglia in costanza di matrimonio, occorre infatti conoscerne con ragionevole approssimazione le condizioni economiche, dipendenti dal complesso delle risorse reddituali e patrimoniali di cui ciascuno dei coniugi poteva disporre e di quelle da entrambi effettivamente destinate al soddisfacimento dei bisogni personali e familiari, mentre per poter valutare la misura in cui il venir meno dell’unità familiare ha inciso sulla posizione del richiedente è necessario porre a confronto le rispettive potenzialità economiche, intese non solo come disponibilità attuali di beni ed introiti, ma anche come attitudini a procurarsene in grado ulteriore cfr. Cass., Sez. 1, 12 luglio 2007, n. 15610 28 febbraio 2007, n. 4764 . 9.2 - In tale contesto, in cui assume rilievo centrale la nozione di adeguatezza sulla quale crf. Cass., 4 ottobre 2010, n. 20582 , la corte territoriale ha valorizzato, in maniera pressoché esclusiva, la circostanza relativa alla dazione della somma di Euro 1.934.922,00 nell’anno 2006, attribuendole la valenza di anticipazione non solo dell’assegno di separazione, ma addirittura di quello di divorzio. Tale affermazione, oltre a rivelarsi del tutto arbitraria la qualificazione scaturisce dalla constatazione di assenza di spiegazioni alternative , avendo per altro la V. contestato la circostanza e lo stesso S. affermato che il versamento sarebbe avvenuto a fronte dell’impegno di restituire al marito la OMISSIS , contrasta con l’orientamento di questa Corte secondo cui gli accordi preventivi aventi ad oggetto l’assegno di divorzio sono affetti da nullità. È stato infatti affermato che gli accordi con i quali i coniugi fissano, in sede di separazione, il regime giuridico - patrimoniale in vista di un futuro ed eventuale divorzio sono invalidi per illiceità della causa, perché stipulati in violazione del principio fondamentale di radicale indisponibilità dei diritti in materia matrimoniale, espresso dall’art. 160 cod. civ Pertanto, di tali accordi non può tenersi conto non solo quando limitino o addirittura escludono il diritto del coniuge economicamente più debole al conseguimento di quanto è necessario per soddisfare le esigenze della vita, ma anche quando soddisfino pienamente dette esigenze, per il rilievo che una preventiva pattuizione - specie se allettante e condizionata alla non opposizione al divorzio potrebbe determinare il consenso alla dichiarazione degli effetti civili del matrimonio Cass., 18 febbraio 2000, n. 1810 . È stato altresì precisato che gli accordi dei coniugi diretti a fissare, in sede di separazione, i reciproci rapporti economici in relazione al futuro ed eventuale divorzio con riferimento all’assegno divorzile sono nulli per illiceità della causa, avuto riguardo alla natura assistenziale di detto assegno, previsto a tutela del coniuge più debole, che rende indisponibile il diritto a richiederlo. Ne consegue che la disposizione dell’art. 5, ottavo comma, della legge n. 898 del 1970 nel testo di cui alla legge n. 74 del 1987 - a norma del quale, su accordo delle parti, la corresponsione dell’assegno divorzile può avvenire in un’unica soluzione, ove ritenuta equa dal tribunale, senza che si possa, in tal caso, proporre alcuna successiva domanda a contenuto economico -, non è applicabile al di fuori del giudizio di divorzio, e gli accordi di separazione, dovendo essere interpretati secundum ius , non possono implicare rinuncia all’assegno di divorzio Cass., 10 marzo 2006, n. 5302 v. anche Cass., 9 ottobre 2003, n. 15064 Cass., 11 giugno 1981, n. 3777 . Non può omettersi di sottolineare come la pronuncia in esame abbia anche trascurato l’esigenza che l’accordo sulla corresponsione una tantum , anche ove validamente conseguito esulano dal presente esame le recenti aperture sugli accordi in vista del divorzio, anche in relazione alle nuove forme processuali, come quella c.d. congiunta , attraverso le quali la relativa domanda può essere proposta , richiede pur sempre una verifica di natura giudiziale Cass., 8 marzo 2012, n. 3635 Cass., 7 novembre 1995, n. 9416 Cass., 6 dicembre 1991, n. 13128 . 9.3. Pertanto la suddetta attribuzione, ove ritenuta adeguatamente dimostrata, da un lato, dovrebbe costituire un indice delle elevate disponibilità e delle correlate condizioni di vita delle parti in costanza di matrimonio, dall’altro, ove si accerti che tale somma sia ancora rimasta nella disponibilità della ricorrente, potrebbe concorrere all’accertamento delle disponibilità patrimoniali della stessa, da valutarsi nel contesto delle altre consistenze e delle eventuali fonti reddituali la circostanza che si tratti di casalinga priva di redditi da lavoro dipendente per aver rinunciato a laurearsi e per essersi principalmente dedita alla famiglia appare sostanzialmente negletta da parte della Corte di appello, che, per altro, sotto tale profilo sembra essersi limitata a una valutazione ex post, come se si trattasse di un’obbligazione di risultato non sembra che l’azione di coordinamento del personale domestico sia stata particolarmente efficiente, a giudicare dai risultati scolastici dei figli , rapportate, come sopra evidenziato, alla complessiva capacità economica dell’onerato. 9.4. Mette conto di precisare, anche con riferimento agli aspetti di natura probatoria e alla denunzia della violazione dell’art. 2909 cod. civ., posta in rilievo nella terza censura, che al di là delle abnormi valutazioni sulle sue conseguenze, la dazione in esame è stata desunta dalla decisione con la quale era stata pronunciata la separazione personale dei coniugi ai sensi dell’art. 116 cod. proc. civ., in relazione al quale deve ritenersi operante il principio secondo cui le prove raccolte in altro giudizio fra le stesse o altre parti costituiscono fonti potenzialmente esclusive del convincimento giudiziale Cass., 14 maggio 2013, n. 11555 Cass., 6 febbraio 2009, n. 2904 Cass., 11 giugno 2007, n. 13619 . 10. il quarto motivo è fondato. Deve in proposito richiamarsi la giurisprudenza di questa Corte secondo cui, nel giudizio di divorzio in appello - che si svolge secondo il rito camerale, l’acquisizione dei mezzi di prova, e segnatamente dei documenti, è ammissibile sino all’udienza di discussione in Camera di consiglio, sempre che sulla produzione si possa considerare instaurato un pieno e completo contraddittorio, che costituisce esigenza irrinunciabile anche nei procedimenti camerali Cass., 8 giugno 2016, n. 11784 Cass., 20 marzo 2014, n. 6562 Cass., 13 aprile 2012, n. 5876 Cass. 27 maggio 2005, n. 11319 . Il giudizio di irrilevanza, poi, risulta espresso in termini talmente assertivi non se ne vede la rilevanza da non poter costituire una ragione autonoma della statuizione. 11. Fondata risulta anche la successiva censura. La corte distrettuale, focalizzando la propria attenzione esclusivamente sulla disponibilità patrimoniale che la V. avrebbe conseguito nell’anno 2006, ha completamente omesso di valutare le condizioni economiche dell’onerato per altro rilevantissime, per come indicate nel ricorso si tratterebbe di un importante imprenditore nel campo della produzione cinematografica, che nell’anno 2010 avrebbe conseguito un reddito di Euro 347.730,00 e quindi, senza per altro esprimere un giudizio sulla completezza delle risultanze già acquisite, non solo ha negletto le circostanze già documentate, ma ha immotivatamente disatteso le istanze di natura istruttoria inerenti alle cospicue disponibilità dello S. , emergenti per altro nella citata sentenza di separazione, che la ricorrente, in ossequio al principio di autosufficienza del ricorso, ha riportato in parte qua, e che, pur costituendo detta pronuncia il dato fondante della decisione impugnata, sotto tale profilo sembra sfuggita alla considerazione della corte di appello. 12. Fondato è anche il sesto motivo. La rideterminazione dell’assegno per il concorso del contributo per il mantenimento del figlio C.M. è stata effettuata, da un lato, dando atto che il predetto non ha acquisito l’indipendenza economica, dall’altro giudicando adeguata la somma di Euro 1.500,00 mensili, in quanto corrispondente, e forse anche superiore, alla retribuzione di un laureato al primo impiego . 12.1. Va premesso che il rilievo del controricorrente fondato sul riferimento, nel ricorso, all’art. 155, comma 4, cod. civ., in quanto sostituito dal successivo art. 337-ter, non appare condivisibile, in quanto l’erronea indicazione della norma processuale violata nella rubrica del motivo non ne determina ex se l’inammissibilità, se la Corte possa agevolmente procedere alla corretta qualificazione giuridica del vizio denunciato sulla base delle argomentazioni giuridiche ed in fatto svolte dal ricorrente a fondamento della censura, in quanto la configurazione formale della rubrica del motivo non ha contenuto vincolante, ma è solo l’esposizione delle ragioni di diritto della impugnazione che chiarisce e qualifica, sotto il profilo giuridico, il contenuto della censura Cass., 3 agosto 2012, n. 14026 Cass., 29 agosto 2013, n. 19882 . 12.2. Il riferimento al reddito medio di un giovane laureato comporta la totale disapplicazione del principio di proporzionalità e dei criteri normativi stabiliti per la determinazione dell’assegno, con particolare riferimento alle esigenze attuali del figlio, al tenore di vita dallo stesso goduto in costanza di convivenza con i genitori, ai tempi di permanenza e alle risorse dei genitori stessi. 13. Sussiste, infine, il vizio di extra-petizione denunciato con l’ultimo motivo a fronte della rinuncia della madre tendente al pagamento indiretto dell’assegno per il mantenimento del figlio A. , la revoca dell’assegno tout court , che il padre avrebbe dovuto versare direttamente allo stesso, non richiesta da alcuna delle parti, è priva di qualsiasi giustificazione. 14. L’impugnata decisione, pertanto, deve essere cassata, con rinvio alla Corte di appello di Milano che, in diversa composizione, applicherà i principi sopra richiamati, provvedendo altresì, al regolamento delle spese processuali relative al presente giudizio di legittimità. P.Q.M. La Corte accoglie per quanto di ragione il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Corte di appello di Milano, in diversa composizione. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalità e gli altri dati significativi.