Gestione separata: nuove aliquote contributive

Nell'ambito della Gestione separata, con la circolare n. 122 del 28 luglio 2017, INPS ha presentato l'introduzione delle nuove aliquote contributive, con particolare riferimento ai percettori di indennità Dis-Coll.

La l. n. 81/17, recante Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi di lavoro subordinato , pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 13 giugno 2017, n. 135, ha introdotto importanti modifiche riguardanti le aliquote contributive dovute dall’anno 2017 per alcune tipologie di iscritti alla Gestione separata. Dis-Coll. In particolare, l’art. 7 Stabilizzazione ed estensione dell'indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa Dis-Coll dispone che All'art. 15 del D.Lgs 4 marzo 2015, n. 22, è aggiunto, infine, il seguente comma, il 15-bis, per cui, a decorrere dal 1 luglio 2017, la Dis-Coll è riconosciuta ai soggetti di cui al comma 1 nonché agli assegnisti e ai dottorandi di ricerca con borsa di studio in relazione agli eventi di disoccupazione verificatisi a decorrere dalla stessa data . Aliquota contributiva. Ne consegue che, a decorrere dal 1 luglio 2017, per i collaboratori, gli assegnisti e i dottorandi di ricerca con borsa di studio, i titolari degli uffici di amministrazione, i sindaci e revisori, iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, non pensionati e privi di partita IVA, è dovuta un'aliquota contributiva aggiuntiva pari allo 0,51 per cento. La Circolare dell'INPS in esame, n. 122 del 28 luglio 2017, presenta le nuove aliquote contributive introdotte, fornendo indicazioni riguardo ai relativi adempimenti procedurali e versamenti, indicandone poi soggetti interessati ed esclusi, concludendo con le istruzioni contabili e l'allegazione della variazione al piano dei conti. Fonte www.lavoropiu.info

TP_LAV_17INPS122_s