Diffamazione: immunità giudiziaria ed esercizio del diritto di difesa due salvagente per l'avvocato che esagera

Vanno assegnati distinti ambiti di operatività alla causa di non punibilità e a quella di giustificazione

Immunità giudiziaria ed esercizio di un diritto, due norme diverse che salvano l'avvocato da una condanna per diffamazione qualora abbia pronunciato farsi offensive nel corso di una vicenda giudiziaria. È quanto emerge dalla sentenza 39934/05 della sesta sezione penale della Cassazione, depositata lo scorso 3 novembre e qui integralmente leggibile tra i documenti allegati. In particolare, i Supremi giudici hanno affermato il principio di diritto secondo il quale, in materia di diffamazione, vanno assegnati distinti ambiti di operatività alla causa di non punibilità prevista dall'articolo 598 del Codice penale cd. immunità giudiziaria e alla causa di giustificazione dell'esercizio di un diritto di cui all'articolo 51 Cp. In quanto, la prima è rivolta ad escludere la punibilità di quelle espressioni pronunciate nel corso di una vicenda giudiziaria che, pur riguardando l'oggetto della causa, siano esorbitanti rispetto alle necessità difensive mentre la causa di giustificazione di cui dell'esercizio di un diritto trova applicazione nelle sole ipotesi in cui le espressioni adoperate risultino strettamente e rigorosamente conferenti all'esercizio del diritto di difesa.

Cassazione - Sezione sesta penale up - sentenza 30 settembre-3 novembre 2005, n. 39934 Presidente Agrò - Relatore Fidelbo Pg Fraticelli - ricorrente Pg in proc. Ferrari Svolgimento del processo 1. Con la sentenza in epigrafe, la Corte di appello di Milano, in parziale riforma della pronuncia resa dal Tribunale della stessa città in data 20 giugno 2004, appellata dall'imputato, dal Pm e dalla parte civile, dichiarava Gianmario Ferrari non punibile per il reato di diffamazione ai sensi dell'articolo 598 Cp e assegnava alla persona offesa, a titolo di risarcimento dei danni, la somma di euro 25.000, con condanna dell'imputato al pagamento delle spese di giustizia. Originariamente al Ferrari, di professione avvocato, era stato contestato il delitto di calunnia per avere scritto, nella comparsa di risposta in un giudizio civile promosso nei suoi confronti dall'avv. Mirella Cicciò, che quest'ultima si era resa responsabile dei delitti previsti dagli articoli 380 patrocinio infedele e 381 altre infedeltà del patrocinatore Cp per aver assunto contemporaneamente la difesa di un condominio e di un suo condomino, in posizione di conflitto di interessi, chiedendo al giudice civile la trasmissione degli atti alla procura della Repubblica per quanto di competenza. Il giudice di primo grado aveva escluso la sussistenza della calunnia, ritenendo configurabile il reato di diffamazione, nel caso di specie non punibile, in quanto le offese erano contenute in uno scritto difensivo presentato nel corso di un processo civile, precisando che tra la comparsa di costituzione, contenente le espressioni incriminate, e l'oggetto della controversia sussisteva un evidente collegamento funzionale. Il giudice d'appello aveva aderito a tale ricostruzione, riformando parzialmente la sentenza nella parte in cui non aveva provveduto alla liquidazione del risarcimento dei danni non patrimoniali in favore della parte civile, ai sensi dell'articolo 598 comma 2 Cp. 2. Ricorrono per Cassazione il procuratore generale della Repubblica presso la Corte d'appello e l'imputato. 2.1. Il procuratore generale, - con motivi articolati, ritiene censurabile la sentenza di appello che ha escluso la sussistenza della calunnia, deducendo l'illogicità della motivazione, in quanto dagli atti emergerebbe la consapevolezza e la certezza in ordine alla sussistenza dell'elemento soggettivo in capo all'imputato inoltre, con riferimento alla qualificazione giuridica del fatto così come operata dai giudici di merito, assume che erroneamente è stata ritenuta sussistente la scriminante di cui all'articolo 598 Cp, in quanto le espressioni utilizzate dall'imputato non potevano essere ritenute pertinenti all'oggetto della controversia, che non riguardava il conflitto di interessi tra l'avv. Cicciò e i suoi assistiti. 2.2. Con i primi due motivi il Ferrari deduce violazione dell'articolo 606 lettera b Cpp per inosservanza e mancata applicazione degli articoli 51 Cp e 24 Costituzione e violazione della lettera e dell'articolo 606 Cpp per mancata e comunque contraddittoria motivazione del rigetto del relativo motivo di appello in sostanza, ritiene che la Corte d'appello, dopo aver correttamente qualificato il fatto come diffamazione, avrebbe dovuto applicare, anziché la causa di non punibilità ex articolo 598 Cp, la causa di giustificazione di cui all'articolo 51 Cp, trattandosi di espressioni fientranti nel rispetto della continenza formale e del corretto uso del linguaggio che, in quanto ritenute diffamatorie, avrebbero dovuto ritenersi scriminate dall'esercizio, costituzionalmente tutelato, del diritto di difesa. Con il terzo motivo deduce violazione dell'articolo 606 lettera e Cpp per mancanza e comunque contraddittorietà della motivazione in relazione all'importo liquidato a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale. Infine, con il quarto motivo l'imputato deduce violazione dell'articolo 606 lettera b Cpp per erronea applicazione dell'articolo 598 Cp, nella parte in cui è stata pronunciata condanna anche al pagamento delle spese di giudizio, sebbene il comma 2 della disposizione citata consenta soltanto l'eventuale assegnazione alla persona offesa di una somma a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale. Motivi della decisione 3. Entrambi i ricorsi sono infondati. 3.1. Procedendo all'esame dei motivi di ricorso presentati dal procuratore generale, che appaiono logicamente preliminari ai fini della decisione, deve ritenersi che correttamente la sentenza impugnata - e, prima ancora, quella di primo grado - ha qualificato il fatto contestato al Ferrari come diffamazione, escludendo la sussistenza del reato di calunnia. I giudici di merito hanno ritenuto che l'imputato non avesse la consapevolezza della innocenza della persona da lui accusata di patrocinio infedele, traendo tale convinzione anche dall'esame degli atti relativi alla controversia civile che avrebbe originato le accuse nei confronti dell'avv. Cicciò. In particolare, l'insussistenza dell'elemento psicologico del reato di calunnia viene desunta dalla posizione difensiva assunta dall'imputato nella controversia che lo vedeva opposto, in qualità di avvocato, alla collega Cicciò e che aveva ad oggetto l'accertamento circa la proprietà di un locale adibito a bagno, conteso tra il Condominio di Largo La Foppa e alcuni condomini che ne rivendicavano l'esclusiva proprietà. In questa causa civile il Ferrari difendeva alcuni condomini favorevoli al riconoscimento della proprietà del locale al condominio, contrapposti ad altri che, invece, contestavano questa tesi, assistiti dall'avv. Cicciò, che era anche il legale del condominio. Viene evidenziato dalla sentenza che proprio in relazione a questo doppio ruolo difensivo ricoperto dall'avv. Cicciò l'imputato, nel corso di un'assemblea condominiale, rivolgeva apprezzamenti e valutazioni offensive circa la correttezza professionale della collega, a seguito dei quali la stessa avv. Cicciò promuoveva un giudizio civile di risarcimento danni nei suoi confronti, giudizio nel quale il Ferrari formulava le espressioni in questione, contenute nella comparsa di risposta. Ebbene, nella valutazione dei giudici d'appello, che riprendono l'impostazione contenuta nella decisione di primo grado, è sulla base di quanto accaduto nel giudizio civile relativo alla proprietà del locale che l'imputato rivolge alla Cicciò le accuse di patrocinio infedele e lo fa nella convinzione della colpevolezza della denunciata, convinzione erronea, ma che non risulta basata su mere congetture o supposizioni, anche in considerazione del fatto che gli stessi argomenti d'accusa vengono riproposti in tutte le fasi dei diversi processi. Ai fini della valutazione della sussistenza del dolo nessun rilievo può essere attribuito alla circostanza, su cui insiste il ricorso del procuratore generale, che sia risultato del tutto pacifico il buon diritto dei patrocinati dell'avv. Cicciò e assolutamente corretto sotto ogni profilo - e fin dall'inizio della vicenda civilistica - il comportamento di quest'ultima , in quanto per il reato di calunnia è necessaria la certezza dell'innocenza dell'incolpato da parte di colui che formula l'accusa e tale certezza deve essere piena e assoluta nel momento in cui l'incolpazione ha luogo Cassazione, Sezione quinta, 8411/92, Chirico , con la conseguenza che non è ravvisabile il dolo nei casi di dubbio o di errore ragionevole Cassazione, Sezione sesta, 6990/95, Leone . In sostanza, il convincimento dell'agente circa la colpevolezza del denunciante, anche se erroneo, esclude il dolo, purché si basi su elementi seri e concreti e non su mere congetture o supposizioni Cassazione, Sezione sesta, 4083/83, Ducati . Il procedimento logico che ha portato i giudici di merito ad escludere la presenza dell'elemento soggettivo appare assolutamente corretto dal momento che è stata accertata la sussistenza o meno della consapevolezza, da parte dell'imputato, dell'innocenza del calunniato verificando ed esaminando le concrete circostanze e le modalità esecutive della condotta, che sono espressione dell'atteggiamento psichico, risalendo da esse alla sfera intellettiva e volitiva dell'agente. Il risultato di questa operazione interpretativa non appare censurabile in questa sede, perché logica e coerente appare la metodologia adottata nella ricostruzione operata. Il controllo di legittimità, infatti, è volto ad accertare che a base della pronuncia di merito esista un concreto apprezzamento delle risultanze processuali e che la motivazione non sia puramente assertiva o palesemente affetta da vizi logici, restando escluse da tale controllo le deduzioni che riguardano l'interpretazione e la specifica consistenza degli elementi di prova, la scelta di quelli ritenuti determinanti e le incongruenze logiche che non siano manifeste, macroscopiche o assolutamente incompatibili con le conclusioni adottate. Pertanto, non possono trovare ingresso in sede di legittimità motivi di ricorso fondati su una diversa ricostruzione o prospettazione dei fatti, anche se plausibile e logicamente sostenibile, che è quanto propone il procuratore generale con il primo motivo del ricorso. Nella specie, i giudici di merito hanno coordinato logicamente gli atti sottoposti al loro esame, ritenendo in base ad un giudizio che risponde ai criteri di correttezza, completezza e logicità, che non sussistesse il dolo nel delitto di calunnia contestato all'imputato. 3.2. In subordine, nel ricorso del procuratore generale si contesta, nella prospettiva accolta dalla sentenza impugnata, l'applicabilità della scriminante di cui all'articolo 598 Cp, sostenendo che le espressioni offensive inserite nella comparsa di risposta non fossero pertinenti all'oggetto della causa e nemmeno funzionali alla difesa dell'avv. Ferrari. Anche su questo punto la sentenza non merita censure. La pertinenza delle espressioni utilizzate rispetto all'oggetto della causa è stata affermata in base all'esame dell'atto di citazione, da cui risulta che la richiesta di risarcimento danni ex articolo 2043 c.c. origina proprio dalle offese rivolte all'avv. Cicciò, in tre distinte occasioni, in cui il Ferrari insinuò l'esistenza di collusione tra la collega, il condominio di Largo La Foppa e un condomino. Ne deriva che correttamente i giudici di merito hanno ritenuto direttamente connesse all'oggetto della causa le frasi usate dall'imputato, . riconoscendone l'inferenza argomentativa nella controversia dinanzi all'autorità giudiziaria. Infatti, secondo la giurisprudenza di questa Corte è sufficiente anche un collegamento logico-causale fra l'espressione usata e il tema del procedimento perché la scriminante abbia effetto, senza che sia indispensabile un collegamento obbligato Cassazione, Sezione quinta, 6495/05, Bonazzi 40452/04, Ummarino . 3.3. Con i primi due motivi di ricorso l'imputato censura la sentenza impugnata per aver applicato la scriminante prevista dall'articolo 598 Cp, anziché la causa di giustificazione di cui all'articolo 51 Cp, in relazione all'esercizio del diritto di difesa tutelato dall'articolo 24 Costituzione, lamentando anche l'omessa motivazione sulla questione già sollevata con l'atto di appello. Su quest'ultimo profilo deve osservarsi che non è censurabile, in sede di legittimità, la sentenza di merito che non abbia dato alcuna risposta ad una specifica deduzione prospettata con il gravarne, qualora la stessa risulti disattesa dalla motivazione globalmente considerata Cassazione, Sezione seconda, 29434/04, Candiano . Nella specie, anche a voler sostenere che la sentenza d'appello non abbia sviluppato la specifica ed esplicita confutazione della tesi prospettata dalla difesa, tuttavia dalla lettura complessiva della motivazione risulta una implicita reiezione della deduzione difensiva. Di conseguenza deve escludersi la sussistenza del vizio di motivazione dedotto. 3.4. Per quanto riguarda, invece, la dedotta violazione di legge per la mancata applicazione dell'articolo 51 Cp, si rileva che i giudici di merito correttamente hanno fatto applicazione dell'articolo 598 Cp. Invero, sulla natura giuridica della c.d. immunità giudiziale non si registra una unammità di posizioni parte della dottrina ritiene trattarsi di una vera e propria causa di giustificazione con ambito applicativo più vasto rispetto a quella prevista in via generale dall'articolo 51 Cp altri la riconducono tra i casi di immunità secondo alcuni sarebbe una causa di esclusione della sola antigiuridicità penale mentre un diverso indirizzo la considera una causa di non punibilità, in quanto viene esclusa solo l'applicazione della pena, ma non l'antigiuridicità del fatto. Secondo una non recente pronuncia sebbene l'articolo 598 Cp costituisca applicazione estensiva del principio generale di cui al citato articolo 51 Cp, esso prende in considerazione, ai fini di una maggiore tutela della libertà dì difesa, fatti diffamatori che altrimenti costituirebbero reato, allargando l'ambito della causa di non punibilità generale, che è più ristretta Cassazione, Sezione seconda, 995/66, Fransoni in un'altra decisione si afferma che la causa di liceità penale eccezionale, in cui si concreta la causa di non punibilità di cui all'articolo 598 Cp, farebbe venire meno l'esistenza del reato, imponendo l'adozione della formula perché il fatto non costituisce reato . Sembra tuttavia prevalere, in tempi più recenti, la tesi di ricondurre l'immunità giudiziaria alle cause di non punibilità in senso stretto. Si tratta di un orientamento che deve essere condiviso, tenendo conto che la disposizione in questione prevede che il giudice possa ordinare la soppressione o la cancellazione delle scritture offensive e assegnare alla persona offesa una somma a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale, disciplina che sembrerebbe diretta ad escludere la sola applicazione della pena, ma non anche la antigiuridicità penale del fatto. Nell'ambito di questa ricostruzione agli articoli 51 e 598 Cp vanno assegnati spazi applicativi distinti, in quanto la natura scriminante del primo esclude qualsiasi conseguenza pregiudizievole per l'agente, mentre la causa di non punibilità in cui si concreta l'articolo 598 Cp prevede la permanenza di conseguenze da reato diverse dalla pena. Ne consegue che le offese cui si riferisce l'articolo 598 Cp nel momento in cui integrano gli estremi dell'illecito penalmente rilevante, cui non segue alcuna pena, ma quelle altre conseguenze esaminate, sono da considerare sicuramente fuori dalla sfera di attuazione dell'esercizio di una facoltà legittima collegata all'esercizio del diritto di difesa. La ragione dell'immunità giudiziaria sta proprio nell'escludere la punibilità di quelle espressioni pronunciate nel corso di una vicenda giudiziaria che, pur riguardando l'oggetto della causa , siano esorbitanti rispetto alle necessità difensive, restino cioè estranee all'ambito dell'esercizio della difesa. Diversamente, nel caso in cui le espressioni adoperate risultino strettamente conferenti all'esercizio del diritto di difesa allora troverà applicazione la causa di giustificazione di cui all'articolo 51 Cp. Volendo utilizzare una formula sintetica e semplificatoria, può dirsi che l'articolo 51 Cp ha ad oggetto la diretta esplicazione del diritto di difesa, mentre l'articolo 598 Cp riguarda le modalità e i limiti di esplicazione del medesimo diritto. In questo senso è corretta l'affermazione secondo cui l'ambito di azione dell'articolo 598 Cp è più vasto, ricomprendendo manifestazioni che altrimenti rimarrebbero fuori dall'esercizio del diritto di difesa ex articolo 51 Cp. Sulla base di quanto precede deve ribadirsi che correttamente la sentenza impugnata ha ritenuto applicabile l'immunità giudiziaria le frasi utilizzate dall'imputato nella comparsa di risposta non possono certo considerarsi manifestazione diretta del diritto di difesa, trattandosi di espressioni che, seppure attinenti all'oggetto del procedimento, devono essere qualificate come gravi intemperanze verbali scaturite dalla situazione di contrasto tra le parti e tra i difensori, sicuramente lesive dell'altrui onorabilìtà e che in quanto tali non avrebbero mai potuto essere giustificate a norma dell'articolo 51 Cp. 3.5. Infondato è anche il terzo motivo di ricorso, dal momento che il giudice d'appello ha quantificato la somma liquidata a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale, richiamando e recependo la richiesta formulata dalla parte civile, che ha ritenuto congrua rispetto al danno provocato dal reato. In ogni caso, si osserva che la valutazione equitativa del danno non patrimoniale è rimessa al prudente apprezzamento del giudice e non è sindacabile in sede di legittimità, purché risulti soddisfatta l'esigenza di ragionevole correlazione tra gravità effettiva del danno e ammontare dell'indennizzo, cosa che nella specie è avvenuta, tenendo conto che è stata assegnata la somma di euro 25.000 in relazione ad espressioni gravemente offensive della reputazione di una prof6sionista. 3.6. Del tutto infondato è, infine, il quarto motivo. Infatti, la condanna al pagamento delle spese processuali trova la sua giustificazione nel principio generale della soccombenza, che si applica anche nel caso di assegnazione di una somma a titolo di risarcimento del danno ex articolo 598 comma 2 Cp. PQM Rigetta il ricorso del procuratore generale. Rigetta il ricorso di Gianmario Ferrari, che condanna al pagamento delle spese processuali e a rifondere quelle sostenute dalla parte civile, che liquida in euro 1.3000,00, di cui curo 1.000,00 per onorari, oltre Iva e Cpa.