Pignoramenti più veloci, arriva la legge

Approvata a tempo di record la riforma del processo civile che interessa gli imprenditori commerciali

È legge la riforma del processo civile per esecuzioni mobiliari più veloci. Ieri la commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante, ha approvato definitivamente il provvedimento che prevede una riforma di tutto il sistema delle procedure esecutive nelle quali sia parte un imprenditore commerciale per il testo vedi tra gli arretrati del 25 gennaio 2006 . Secondo il testo, l'ufficiale giudiziario, procederà ad una ricognizione estimativa dei beni dell'imprenditore entro tempi brevi, coadiuvato qui la novità da un professionista qualificato in materia giuridiche economiche abilitato alle vendite immobiliari e dei beni mobili. Modificato l'articolo 619 Cpc seguendo i dettati del giusto processo per stabilire la diversità tra giudice dell'esecuzione e giudice che istruisce o decide il giudizio di merito, stabilendo anche i casi di incompatibilità nei giudizi monocratici. Viene data inoltre più stabilità all'ordinanza di sospensione che blocca il pignoramento. La nuova normativa vuole quindi da un lato responsabilizzare il debitore, che deve indicare i beni che possono essere pignorati, dall'altro responsabilizzare e valorizzare anche l'ufficiale giudiziario che da esecutore burocratico passa ad un ruolo più attivo, assistito anche da esperti.