Telefonate flash e mute a una donna: tranquillità turbata

Nessun contatto verbale, ma solo silenzi lunghi un secondo. Eppure è legittimo comunque parlare di molestia telefonica, soprattutto tenendo presente tempistica e frequenza degli episodi, ben 12 in appena una settimana.

Nessun contatto verbale, ma solo brevissime telefonate mute. Eppure, anche così si può parlare, a tutti gli effetti, di molestie. Decisiva la frequenza degli episodi, tutti concentrati in appena 7 giorni Cassazione, sentenza n. 20200/2013, Prima Sezione Penale, depositata oggi . Secondo per secondo Nessun dubbio sulla condotta tenuta da un uomo, che ha preso di mira’, tramite telefono, una donna quest’ultima, difatti, ha dovuto subire’ ben 12 telefonate, oltre ad alcuni messaggi, sul proprio telefonino, e tutto nel breve arco temporale di una settimana. E nessun dubbio manifestano i giudici sulla condanna nei confronti dell’uomo per avere arrecato molestie e disturbo alla donna turbandone la tranquillità e la serenità, mediante l’invio di messaggi e telefonate mute . Ma è davvero da valutare in maniera così grave l’azione compiuta dall’uomo? A porre la domanda espressa nel ricorso per cassazione è proprio l’autore delle telefonate incriminate’, ricordando che si era trattato di 12 telefonate mute, della durata di un secondo ciascuno , e aggiungendo che egli aveva cessato di effettuare contatti telefonici una volta ricevuto un messaggio di protesta, sul proprio cellulare, da parte della donna. Secondo l’uomo, in sostanza, quei contatti telefonici , così brevi e, per giunta, senza parole, non possono essere apprezzati come telefonate moleste Tempistica. Tale prospettiva, però, non viene assolutamente condivisa dai giudici della Cassazione, i quali respingono l’idea che i contatti telefonici di un solo secondo non sarebbero vere telefonate . Dimostrativo è il fatto che la donna abbia scelto di inviare un messaggio di protesta al telefonino dell’uomo ella, sottolineano i giudici, è stata costretta a subire l’arrogante invadenza e la continua ed inopportuna intromissione dell’uomo nella sua sfera personale . Peraltro, viene ancora aggiunto, non si può trascurare, per poter pesare’ la natura molesta dei contatti telefonici, l’elemento costituito dall’ elevato numero delle telefonate, ben 12 in un arco temporale di 7 giorni . Legittima, quindi, la contestazione del reato di molestia, e da confermare la condanna nei confronti dell’uomo.

Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza 7 marzo 10 maggio 2013, n. 20200 Presidente Bardovagni Relatore Capozzi Ritenuto in fatto. 1. Con sentenza dei 28 maggio 2012 il Tribunale di Avellino ha condannato D.P.M., con attenuanti generiche, alla pena dl giustizia per il reato di cui all'art. 660 cod. pen. avere arrecato molestie e disturbo a V.A. turbandone la tranquillità e la serenità, mediante rinvio di messaggi e telefonate mute all'utenza mobile in suo uso . 2. Il Tribunale ha fondato la penale responsabilità dell’imputato sulle deposizioni rese in dibattimento dalla parte offesa V.A. e dal maresciallo dei carabinieri G.F., che ha riferito su come si fosse accertato che le telefonate mute e gli sms ricevuti dalla p.o. fossero partiti dall'utenza in uso all'imputato. 3. Avverso detta sentenza propone personalmente ricorso per cassazione D.P.M., deducendo violazione di legge e motivazione carente ed illogica, in quanto non era stato preso in considerazione la circostanza che, nella specie, si era trattato di 12 telefonate mute, della durata di 1 secondo ciascuno, effettuate nell'arco di tre giorni e l'sms inviato dalla parte offesa, con il quale esso ricorrente era stato invitato a desistere da tali contatti telefonici, aveva avuto luogo dopo l'ultimo contatto, dopo il quale egli aveva cessato di effettuare altri contatti telefonici S era pertanto trattato di contatti telefonici che non potevano essere apprezzati come telefonate moleste. Considerato in diritto 1. E’ infondato il ricorso proposto dal ricorrente, concernente la sussistenza della natura molesta delle telefonate ascrittegli,. Secondo il ricorrente non si sarebbe trattato di vere e proprie telefonate, ma di 12 contatti telefonici della durata di 1 secondo ciascuno, protrattisi in un arco di tempo compreso fra il 12 ed il 18 settembre 2007, che sarebbero cessati da parte sua dopo aver ricevuto un sms di protesta dalla p.o., inviatogli dopo il dodicesimo contatto. 2. Va al contrario rilevato che la natura molesta di tali contatti telefonici pur sempre colle gabile ai loro elevato numero, essendosi trattato, per ammissione dello stesso ricorrente, di ben 12 contatti telefonici spalmati in un arco di tempo dì sette giorni cfr. Cass. Sez. 1 n. 7044 del 13/2/1998, Vittorio, Rv. 210723 . Inoltre, secondo la sentenza impugnata, l’sms di protesta è stato inviato al ricorrente dalla p.o. subito dopo il primo contatto telefonico e non al termine del dodicesimo il che costituisce ulteriore aumenti per qualificare come molesti i contatti telefonici subiti dalla p.o., essendo stata quest'ultima pur sempre costretta a subire l'arrogante invadenza e la continua ed inopportuna intromissione dei ricorrente nella sua sfera personale. 3. Da quanto sopra consegue il rigetto del ricorso in esame, con condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali. P.Q.M. Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.