Sequestro probatorio dei conti correnti: l’imprenditore si “difende” con lo scudo fiscale

Il contribuente ha espatriato ricavi in nero e poi ha avviato la pratica di adesione allo scudo fiscale? Il sequestro probatorio sui conti correnti è illegittimo.

A sostenerlo è la Terza sezione Penale della Corte di Cassazione con la sentenza n. 14089/13, depositata il 26 marzo scorso. Il caso. 7 milioni di euro, questa la somma che un imprenditore ha trasferito all’estero con il fine di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto. Inevitabile, a parere dei giudici di merito, il sequestro probatorio sui suoi conti correnti. Come è inevitabile, secondo l’imprenditore che aveva prodotto dinanzi al Riesame la documentazione idonea a provare l’adesione allo scudo fiscale art. 13 bis d.l. n. 78/2009 , il ricorso per la cassazione dell’ordinanza del Tribunale del riesame. C’è pertinenzialità fra quanto sequestrato ed il reato ipotizzato. Da un lato, gli Ermellini non hanno ritenuto censurabile il provvedimento impugnato nella parte in cui viene ribadita la pertinenzialità fra quanto sequestrato ed il reato ipotizzato anche perché si legge in sentenza è da considerarsi palmare il fatto che la documentazione attinente a depositi bancari dell’indagato sia strettamente connessa e necessaria alla prova del reato in contestazione commesso mediante occultamento, tramite giroconti bancari da conti esteri su conti esteri, di proventi percepiti in nero . Si rischia di vanificare gli effetti liberatori propri dello scudo fiscale. Tuttavia, la Cassazione ha annullato l’ordinanza con rinvio, in quanto la motivazione dei giudici di merito risulta essere alquanto generica ed elusiva nella parte in cui sfiora appena il tema del rientro dei capitali illecitamente esportati tramite la normativa denominata scudo fiscale . Tutto da rifare insomma, e la questione ritorna in Tribunale dove l’assunto difensivo sarà comunque da dimostrare.

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 13 dicembre 2012 26 marzo 2013, n. 14089 Presidente Fiale Relatore Mulliri Ritenuto in fatto 1. Vicenda processuale e provvedimento impugnato - Nei confronti dell'odierno ricorrente si procede per violazione dell'art. 4 d.lgs 74/00, per avere, al fine di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto, indicato nelle dichiarazioni annuali dell'anno 2007, relative a dette imposte, elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo ed avere dato disposizioni per il trasferimento all'estero di 7.000.000 Euro che rappresentavano parte dei corrispettivo della cessione dell'immobiliare Zeus S.r.l. alla Global Trading S.r.l. di due unità immobiliari . Il P.M., nell'ambito delle indagini per tale ipotesi di reato, ha disposto un sequestro probatorio che ha portato all'apprensione di vario materiale documentale e cartaceo. Il decreto, impugnato dinanzi al Tribunale per il Riesame, è stato confermato con l'ordinanza oggetto del presente ricorso. 2. Motivi dei ricorso - Nel gravame appena citato si deduce 1 violazione di legge e vizio di motivazione per assenza del vincolo pertinenziale tra quanto sequestrato ed il reato contestato. Contrariamente a quanto più volte asserito dalla S.C., il sequestro probatorio deve tendere alla acquisizione delle prove perché è mezzo di ricerca della prova e non della notizia di reato come, invece, si può dire essere avvenuto nella specie. A fronte di questa ed altre censure, il Tribunale ha ignorato o fornito repliche insoddisfacenti specie per quel che concerne l'assenza di chiarezza in ordine ai beni sequestrati che sono stati descritti in modo sommario impedendo la possibilità di valutare l'eventuale esuberanza del sequestro per assenza di collegamento tra i beni appresi e le finalità del provvedimento. A titolo esemplificativo, si fa notare che sono stati sequestrati anche carnet di assegni non utilizzati. Altra censura che il ricorrente muove al provvedimento del Tribunale riguarda la erroneità della risposta fornita da quest'ultimo a proposito della operatività del ed scudo fiscale . Il ricorrente sostiene di aver prodotto dinanzi al Tribunale per il Riesame documentazione ali. 1 ai ricorso ai Tribunale per il Riesame idonea a provare di aver dato corso alla procedura prevista dall'art. 13 bis D.L. 1.7.09 n. 78 l 3.8.09 n. 102 si che avrebbe dovuto darsi luogo ad una declaratoria di improcedibilità dell'azione penale ex art. 4 d.lgs. 74/00. Al contrario, il Tribunale ha disatteso tale notazione osservando che, ai sensi dell'art. 13 bis, solo il reale pagamento dell'imposta determina l'effetto estintivo invocato. Con l'atto di ricorso - e con la memoria depositata successivamente - si ribadisce che le dichiarazioni riservate rilasciate dagli intermediari nelle quali si indica l'ammontare della somma rimpatriata sono l'unico documento idoneo a dimostrare l'operazione perché, secondo le disposizioni impartite dalla legge, il versamento sarebbe dovuto avvenire tramite intermediari abilitati istituti bancari, società fiduciarie, ecc. . Negare ciò, equivale a vanificare anche gli effetti premiali che discendono dalla regolarizzazione oltre a rappresentare una errata applicazione della norma. Il ricorrente conclude invocando l'annullamento della ordinanza impugnata. Considerato in diritto 3. Motivi della decisione Il ricorso è fondato nei limiti e termini di seguito precisati. Il provvedimento impugnato, infatti, non è censurabile nella parte in cui ribadisce la pertinenzialità fra quanto sequestrato ed il reato ipotizzato sul rilievo che è da considerare palmare il fatto che documentazione attinente a depositi bancari dell'indagato sia strettamente connessa e necessaria alla prova del reato in contestazione commesso mediante occultamento, tramite giroconti bancari da conti esteri su conti esteri, di proventi percepiti in nero . La motivazione fornita dal Tribunale per il Riesame risulta, invece, alquanto generica ed elusiva delle puntuali obiezioni difensive - nonché delle plurime allegazioni documentali portate alla sua attenzione - nella parte in cui sfiora appena il tema del rientro dei capitali illecitamente esportati tramite la normativa denominata scudo fiscale . Ed invero, la semplice considerazione secondo cui solo l'effettivo pagamento dell'imposta determina l'effetto invocato risulta evasiva a fronte delle obiezioni qui sollevate circa le modalità probatorie previste per il rientro dei capitali e, soprattutto, a fronte del rilievo che così interpretando la L. 102/09, si rischia di vanificarne gli effetti liberatori che le sono propri. Ovviamente, l’assunto difensivo è tutto da dimostrare ma la disamina passa attraverso un apprezzamento della documentazione prodotta dal ricorrente al Tribunale per il Riesame che, risolvendosi in un accertamento di fatto, non può essere svolto in questa sede. Certo è che, allo stato il provvedimento impugnato presta il fianco alla critica di motivazione apparente e, come tale, integrante una violazione di legge qui censurabile ed emendabile con la declaratoria di annullamento del provvedimento impugnato, con rinvio al Tribunale di Ancona perché provveda a nuovo esame alla luce dei rilievi sopra sollevati. P.Q.M. Visti gli artt. 615 e ss. c.p.p Annulla l’ordinanza impugnata con rinvio al Tribunale di Ancona.