Fondi nazionali per le politiche sociali e per le non autosufficienze: 575 milioni alle Regioni

Con un comunicato apparso il 25 gennaio 2013 sul proprio sito internet, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha dato notizia dell’avvenuta approvazione della proposta di riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali e del Fondo per le non autosufficienze da parte della Conferenza unificata.

Approvata la proposta di riparto. La Conferenza unificata, il 24 gennaio, ha approvato la proposta di riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali e del Fondo per le non autosufficienze. La notizia è apparsa la mattina del 25 gennaio sul sito internet del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. In arrivo 575 milioni di euro. In totale verranno distribuiti fra le Regioni i 575 milioni di euro destinati dalla legge di stabilità per il 2013 al sociale. È sicuramente un primo importante segnale di inversione di rotta , fa sapere il Ministero, soprattutto dopo che, dal 2008, questi fondi erano stati sistematicamente tagliati fino ad essere sostanzialmente azzerati . Viene anche fatta una precisazione in via prioritaria, e in ogni caso per non meno del 30% del suo ammontare, il Fondo per le non autosufficienze dovrà essere destinato a favorire la permanenza a domicilio delle persone con disabilità gravissime, ivi compresi i malati di Sla .