Finta vendita online, il compratore ci rimette 150 euro: danno non irrisorio

Confermata la condanna per il venditore truffaldino, che ha proposto un tablet a un prezzo interessante e poi, una volta incassata la cifra pattuita, non ha spedito il bene al compratore. Respinta la richiesta della difesa, cioè ottenere il riconoscimento del danno di lieve entità. Per i Giudici 150 euro non sono una cifra irrisoria, soprattutto considerando il costo della vita.

Centocinquanta euro non possono essere catalogati come cifra irrisoria , soprattutto considerando l’attuale e gravoso costo della vita. Ciò comporta una condanna severa per il truffatore che ha messo a segno un colpo da 150 euro, per l’appunto, con una finta vendita online Cassazione, sentenza n. 32460/20, depositata oggi . Ricostruita facilmente la vicenda. Sotto processo l’imputato che ha proposto, falsamente, la vendita di un tablet su un sito internet ad un prezzo estremamente favorevole e ha così indotto in errore un compratore che, confidando nella effettiva disponibilità del bene, ha inviato mediante bonifico bancario la somma pattuita, senza tuttavia ricevere alcunché, non essendogli mai stato consegnato nulla . Per i Giudici di merito il quadro probatorio è chiarissimo e il finto venditore va condannato per il reato di truffa . Il difensore dell’imputato sotto processo non contesta l’esistenza della condotta illegale, ma ritiene illogico non riconoscere, come fatto in appello, l’attenuante prevista per il danno di lieve entità . A questo proposito, il legale contesta la valutazione compiuta dai Giudici di secondo grado, valutazione secondo cui la somma di 150 euro, di cui la persona offesa era stata depauperata, non può essere considerata irrisoria . Dalla Cassazione ribattono richiamando il carattere sostanzialmente irrilevante che deve connotare il pregiudizio patrimoniale cagionato alla vittima perché sia possibile ritenere la attenuante invocata . In sostanza, la concessione della circostanza attenuante del danno di speciale tenuità presuppone necessariamente che il pregiudizio cagionato sia lievissimo , ossia di valore economico pressoché irrilevante , e ai fini dell’accertamento della tenuità del danno è necessario considerare, oltre al valore in sé della cosa sottratta, anche il valore complessivo del pregiudizio arrecato con l’azione criminosa, valutando i danni ulteriori che la persona offesa abbia subito in conseguenza della sottrazione della res . In questa vicenda, aggiungono i Giudici del Palazzaccio, è impossibile parlare di danno lieve , poiché, come osservato in Appello, ci si trova di fronte a una somma, pari a 150 euro, che non appare in sé oggettivamente irrisoria, tenuto conto del costo medio della vita .

Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza 30 settembre 18 novembre 2020, n. 32460 Presidente Cammino Relatore Di Pisa Ritenuto in fatto 1. La Corte di Appello di Ancona, con sentenza del 6 Dicembre 2018, ha confermato la sentenza con cui il Tribunale di Ascoli Piceno, in data 27 Gennaio 2017, aveva riconosciuto MO. Gi. responsabile del delitto di truffa in quanto avrebbe proposto, falsamente, la vendita di un tablet sul sito internet www.subito.it ad un prezzo estremamente favorevole inducendo così in errore Angelo Calogero Modica che, confidando nella effettiva disponibilità del bene, aveva inviato la somma pattuita mediante bonifico bancario senza tuttavia ricevere alcunché, non essendo mai stato consegnato nulla, condannando alla pena ritenuta di giustizia, disapplicata la pur contestata recidiva e riconosciute le circostanze attenuanti generiche. 2. Ricorre per cassazione il difensore di fiducia del MO. lamentando con un unico motivo, articolato in più censure, erronea applicazione della legge penale quanto al mancato riconoscimento della attenuante di cui all'art. 62 n. 4 cod. pen Deduce che la corte di appello aveva ritenuto di disattendere il motivo di gravame articolato in ordine alla attenuante comune di cui all'art. 62 n. 4 cod. pen. sul rilievo secondo cui la somma di Euro 150,00 di cui la persona offesa era stata depauperata non può essere considerata irrisoria, limitandosi in tal modo a condividere la soluzione cui era pervenuto il tribunale senza rispondere alle censure che erano state sollevate con l'atto di impugnazione. Richiama la giurisprudenza della S.C. in merito ai criteri di valutazione del fatto illecito nella sua globalità, operazione da cui la corte territoriale si era sottratta dando luogo perciò ad un vizio di motivazione suscettibile di essere denunziato in questa sede aggiunge che la stessa Corte di Appello di Ancona, in altre due occasioni assolutamente analoghe, aveva deciso in senso contrario. Considerato in diritto 1. Il ricorso è infondato. 2. Il difensore dell' imputato censura la sentenza impugnata per avere i giudici di appello disatteso la richiesta difensiva di riconoscimento della attenuante di cui all'art. 62 n. 4 cod. pen. sottolineando come, a tal fine, rilevano, oltre al pregiudizio di natura spiccatamente economica, anche tutti gli altri effetti pregiudizievoli cagionati alla vittima del reato e che vanno considerati nel loro complesso. 2.1. Il motivo non coglie nel segno. Osserva questo collegio che la Corte di Appello, nel disattendere la censura difensiva, ha richiamato condivisibilmente la giurisprudenza della Suprema Corte in ordine al carattere sostanzialmente irrilevante che deve connotare il pregiudizio patrimoniale cagionato alla vittima perché sia possibile ritenere la attenuante invocata e che, nel caso di specie, non può ritenersi tale. E' stato, infatti, sostenuto che la concessione della circostanza attenuante del danno di speciale tenuità presuppone necessariamente che il pregiudizio cagionato sia lievissimo, ossia di valore economico pressoché irrilevante ai fini dell'accertamento della tenuità del danno è, inoltre, necessario considerare, oltre al valore in sé della cosa sottratta, anche il valore complessivo del pregiudizio arrecato con l'azione criminosa, valutando i danni ulteriori che la persona offesa abbia subito in conseguenza della sottrazione della res . In applicazione del principio la S.C. ha confermato la decisione del giudice di appello, il quale aveva escluso l'applicabilità della circostanza attenuante al furto di una cinepresa compiuto da un agente di polizia all'interno del proprio Commissariato, derivando da esso grave pregiudizio al rapporto fiduciario di servizio . Sez. 4, n. 8530 del 13/02/2015 - dep. 25/02/2015, Chiefari, Rv. 26245001 . Muovendo da tali principi la sentenza impugnata resiste alle censure di parte ricorrente avendo i giudici territoriali rilevato, con motivazione - ancorché sintetica - adeguata in fatto che la somma in questione, pari ad Euro 150,00, non appariva in sè oggettivamente irrisoria tenuto conto del costo medio della vita . 3. Per le considerazioni esposte, dunque, il ricorso deve rigettato con condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali. P.Q.M. rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.