Rateizzazione del debito esattoriale: aumentata la soglia da 20mila a 50mila euro

Equitalia va incontro ai contribuenti e con comunicato stampa 8 maggio 2013 annuncia l'innalzamento della soglia da 20mila a 50mila euro dell'importo per ottenere la rateazione del debito, automaticamente, senza cioè la necessità di dover allegare alcuna documentazione comprovante la situazione di effettiva difficoltà economica. L’ente della riscossione ricorda inoltre che per qualsiasi importo per cui si richiede la rateizzazione, il numero massimo di rate è 72, fermo restando che l'importo di ciascuna rata dovrà essere pari almeno a 100 euro.

Con Comunicato stampa dell'8 maggio 2013, Equitalia ha annunciato l’aumento della soglia massima da 20mila a 50mila euro per la richiesta motivata di dilazione del pagamento del debito esattoriale. Debiti esattoriali fino a 50mila euro. Il contribuente può dunque beneficiare del frazionamento del debito esattoriale in un massimo di 72 rate 6 anni , ciascuna di importo minimo pari a 100 euro. Nel caso in cui in futuro la situazione economica del contribuente dovesse migliorare, è possibile un piano di distribuzione delle rate di importo variabile, ad esempio, inizialmente di importo minore e più alte in seguito. Il contribuente che rateizza non è inadempiente. La rateizzazione del debito permette di non considerare più inadempiente il contribuente che ha ottenuto la dilazione della cartella. Ciò significa che non vi è alcun impedimento a richiedere il DURC per partecipare a gare di appalto di lavori, forniture e/o servizi. Inoltre, fino a quando i pagamenti delle rate avvengono regolarmente, non può essere iscritta ipoteca nei confronti del contribuente o attivata altra procedura cautelare ed esecutiva. Le cose cambiano per i debiti esattoriali sopra i 50mila euro. Diversamente, per i debiti oltre 50mila euro, la concessione della rateazione a favore del contribuente resta subordinata alla verifica della sua situazione di difficoltà economica. L’Agente della riscossione, dunque, deve analizzare l’importo del debito, nonché la documentazione presentata idonea a indicare la situazione economico-finanziaria del contribuente. Queste le rateizzazioni attive al 30 aprile 2013 N. rateizzazioni Importi in milioni di euro Abruzzo 49.846 511,3 Basilicata 24.438 256,9 Calabria 65.850 778,1 Campania 254.635 2.625,4 Emilia Romagna 145.388 1.436,7 Friuli-Venezia Giulia 36.864 291,6 Lazio 243.910 3.303,1 Liguria 61.764 498,4 Lombardia 271.916 4.506,1 Marche 51.892 508,1 Molise 15.082 151,3 Piemonte-Valle d'Aosta 127.057 1.335,5 Puglia 154.031 1.627,5 Sardegna 88.464 894,1 Toscana 190.982 1.511,8 Trentino-Alto Adige 15.222 172,5 Umbria 32.901 348,2 Veneto 103.145 1.263,0 Totale 1.933.387 22.019,7