Oua e via Arenula fanno i conti con i numeri della giustizia

Primo incontro per la pace tra i rappresentanti dell'avvocatura e il capo dipartimento del ministero. Un appuntamento ogni tre mesi per trasformare rapporti e controrapporti in analisi condivise

Il primo di una lunga serie. Ieri si è svolto a via Arenula il primo incontro tra i rappresentanti dell'Organismo unitario dell'avvocatura e il dipartimento degli Affari di giustizia. Il Capo dipartimento, Augusta Iannini, insieme al direttore generale del contenzioso e dei diritti umani, Maria Teresa Saragnano e il direttore generale di Statistica, Fausto De Santis, si sono incontrati con il presidente Oua Michelina Grillo, il tesoriere Enrico Merli e il responsabile centro raccolta dati Marco Ubertini. L'incontro era stato deciso dopo la pubblicazione del secondo Controrapporto dell'Avvocatura sui dati della giustizia italiana, dati presi in considerazione anche dal Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa vedi tra gli arretrati del 26 giugno e del 9 luglio . Un incontro proficuo, come è stato definito dal presidente Oua, Michelina Grillo, soprattutto perché quello di ieri è stato solo il primo di una lunga serie, dal momento che le parti hanno stabilito di vedersi periodicamente intervalli di tre mesi circa per poter confrontare i dati della giustizia. Abbiamo registrato una seria attenzione da parte del Dipartimento degli affari di giustizia nei confronti delle questioni poste dall'avvocatura - ha detto Grillo - a partire dalla disponibilità di stabilire u calendario di incontri. L'obiettivo è di mettere a confronto i dati e le analisi sul servizio giustizia al fine di individuarne i reali problemi e i possibili interventi migliorativi. Infatti, solo stabilendo un sistema di rilevamento condiviso potremo finalmente dare risposte adeguate ai diritti dei cittadini e rispondere ai giusti richiami dell'Europa . In futuro, dunque, potrebbero non esserci più controrapporti. p.a.