Albo dei gestori della crisi d’impresa: le FAQ del Ministero della Giustizia

È disponibile sul sito del Ministero della Giustizia una sezione aggiornata al 26 gennaio 2023 e dedicata alle domande più frequenti riguardanti l’Albo dei gestori della crisi e insolvenza delle imprese.

È possibile accedere alla sezione delle domande più frequenti seguendo questo link o il seguente percorso dall’homepage del sito internet del Ministero Come fare per elenchi e registri gestori della crisi d’impresa albo FAQ. Al 26 gennaio 2023, le risposte pubblicate dal Ministero riguardano gli aspetti che seguono, brevemente riportati, e per completezza si rimanda all'allegato Albo e modalità di presentazione della domanda vengono fornite indicazioni su cos'è e a cosa serve l'Albo, le fonti normative che lo disciplinano, le modalità di presentazione delle domande di iscrizione, la validità di quelle presentate tramite posta, PEC o mail prima del 5 gennaio 2023, e l'indicazione della data del 1 aprile 2023 a partire dalla quale sarà consultabile. Requisiti di iscrizione all’albo con riferimento sia a requisiti formativi, che di onorabilità e professionali. Possono ottenere l'iscrizione, nello specifico, avvocati, commercialisti, esperti contabili che dimostrino di aver adempiuto agli obblighi formativi ivi indicati. Requisito della formazione iniziale vengono indicati gli enti che possono erogare i corsi obbligatori di formazione iniziali utili all'iscrizione, la durata e i contenuti degli stessi, che devono essere assolti prima della presentazione delle domande. Il tirocinio tra gli obblighi formativi anche un tirocinio minimo di 6 mesi da svolgersi presso organismi, curatori, commissari giudiziali o professionisti delegati alle vendite nelle procedure esecutive immobiliari e che deve consistere nella partecipazione alle fasi di elaborazione e attestazione di accordi e piano omologati di composizione della crisi da sovraindebitamento, ristrutturazione dei debiti, piani di concordato e altri. L’aggiornamento biennale si indicano gli enti possibili erogatori dei corsi di formazione , la durata e le materie ad oggetto. Il requisito alternativo ai fini del primo popolamento possono ottenere l'iscrizione anche i soggetti in possesso dei requisiti indicati, che documentano di essere stati nominati, alla data di entrata in vigore del presente articolo, in almeno due procedure negli ultimi quattro anni, curatori fallimentari, commissari o liquidatori giudiziali. In questa sezione vengono fornite approfondite indicazioni. Modalità di documentazione si risponde alle domande su come comprovare la conformità dell'originale degli atti giudiziari di nomina, su come documentare i requisiti di iscrizione anche con dichiarazione sostitutiva. Il contributo di iscrizione fissato in 150 Euro, da versarsi tramite PagoPA, bonifico bancario o postale, versamento, con sistemi quali carte di credito o prepagate nonché con altri mezzi di pagamento con moneta elettronica. Società tra professionisti e studi professionali associati in caso di iscrizione in forma societaria sarà possibile inserire nell'atto di compilazione della domanda i soci che soddisfino i requisiti di iscrizione a uno degli albi professionali, mentre per gli studi professionali associati il requisito di iscrizione a uno degli albi è richiesto a tutti i professionisti componenti. Si ricorda che è ancora possibile presentare domanda di inscrizione all’Albo, il cui termine ultimo sarà il prossimo 31 marzo 2023 per maggiori informazioni, vedi la news 5 gennaio 2023 ecco la data d’inizio di presentazione delle domande per l’iscrizione all’Albo dei gestori della crisi d’impresa . Per ulteriori informazioni sui requisiti per l’iscrizione all’albo, vedi anche la news Quali sono i requisiti per l’iscrizione all’Albo dei gestori della crisi d’impresa? La circolare DAG .

Ministero della Giustizia - FAQ Albo gestori della crisi d'impresa