Banchina praticamente inesistente: nulla la multa emessa grazie all’autovelox

A inchiodare il Comune è la descrizione dello spazio individuato come banchina. Impossibile ritenerlo corrispondente a quanto previsto dal codice della strada. Vittoria piena per l’automobilista sorpreso a violare il limite di velocità.

Autovelox inutile se piazzato su una strada caratterizzata da una banchina praticamente inesistente. Questo fondamentale dettaglio salva l’automobilista beccato a violare il limite di velocità. Riflettori puntati su tre differenti multe beccate da un automobilista per eccesso di velocità. A inchiodarlo è stato, in tutte e tre le occasioni, l’ autovelox piazzato lungo la strada statale da lui percorsa ad andatura troppo sostenuta . In primo grado le obiezioni proposte dall’automobilista si rivelano inutili il Giudice di Pace conferma i tre verbali redatti dagli agenti della Polizia municipale. Di parere opposto, però, sono i giudici del Tribunale, annullano i provvedimenti sanzionatori impugnati dall’automobilista e legittimano questa decisione facendo riferimento alle caratteristiche della strada statale dove era stato posizionato l’autovelox. Su quest’ultimo punto, in particolare, viene sottolineato che il tratto stradale ove è avvenuta la rilevazione dell’infrazione, rilevazione eseguita a distanza mediante apparecchiatura elettronica, non soddisfa le caratteristiche tecniche previste dal codice della strada in merito al corretto utilizzo degli autovelox, poiché manca la banchina. Inefficace il ricorso proposto in Cassazione dal Comune. Anche i giudici di terzo grado, difatti, danno ragione all’automobilista. I giudici annotano, in premessa, che in secondo grado si è sottolineato che la strada statale lungo la quale sono state contestate le tre violazioni non presenta alcuna banchina mentre la presenza di una banchina è un requisito imprescindibile ai fini della qualificazione di una strada quale extraurbana secondaria . Per maggiore chiarezza, però, dalla Cassazione ribadiscono che il codice della strada ammette la possibilità di procedere alla contestazione non immediata dell’infrazione mediante rilevatori elettronici di velocità esclusivamente su determinate tipologie di strade , tra cui quelle urbane di scorrimento, rispetto alle quali costituisce elemento strutturale indefettibile la banchina che, quale spazio della sede stradale, esterno rispetto alla carreggiata e destinato al passaggio dei pedoni o alla sosta di emergenza, deve restare libero da ingombri e avere una larghezza tale da consentire l’assolvimento effettivo delle predette funzioni . In questa prospettiva vanno collocate le misure fornite dal Comune, che, in sostanza, ha indicato che la banchina laterale ha le dimensioni medie di 0,80 metri a destra e un metro a sinistra , misure che certamente non sono idonee a consentire la sosta di un veicolo senza invadere, almeno in parte, la carreggiata , osservano i giudici. A inchiodare il Comune, però, è anche la descrizione delle condizioni dello spazio indicato come banchina. Su questo punto, difatti, dall’ente locale precisano che quello spazio si compone di un margine della carreggiata, nella specie costituito da linea bianca continua , da una parte, e ciglio della scarpata, ancorché erbosa, che poi scende al fossato laterale e pieno del piano di campagna . A questi elementi i giudici ribattono ribadendo che la banchina è la parte della strada, per la quale non è prevista una misura minima, che si trova oltre la linea continua destra delimitante la carreggiata ed è compresa tra il margine della carreggiata ed il più vicino dei seguenti elementi longitudinali marciapiede, spartitraffico, arginello, ciglio interno della cunetta, ciglio superiore della scarpata nei rilevati. Ne deriva che, contrariamente a quanto affermato dal Comune, non può essere considerato parte della banchina lo spazio più esterno del ciglio interno della cunetta, ove presente, o del ciglio superiore della scarpata nei rilevati . Di conseguenza, tornando al caso preso in esame dai giudici, le dimensioni medie indicate dal Comune, che sono state calcolate dal margine della carreggiata sino al piano di campagna laterale alla strada, inclusa dunque l’intera area della cunetta, si riducono ulteriormente rispetto a quanto indicato in precedenza. Tirando le somme, è indiscutibile l’assenza, lungo la strada statale percorsa dall’automobilista multato, di una banchina avente le caratteristiche strutturali delineate dalla normativa . E ciò rende carta straccia le tre multe recapitate all’automobilista beccato a violare il limite di velocità.

Presidente Manna Relatore Oliva Fatti di causa Con ricorso del 25.1.2019 D.G.G. proponeva opposizione avverso tre verbali di violazione delle norme del codice della strada , elevati nei suoi confronti dal Comune di omissis per violazione, in tre diverse occasioni, dell' art. 142, commi 8 e 9, del codice della strada , perché circolava sulla omissis , ad una velocità superiore a quella consentita. Con sentenza n. 380 del 2019, resa nella resistenza del Comune, il Giudice di Pace di Treviso rigettava il ricorso. Con la sentenza impugnata, n. 2392 del 2019, il Tribunale di Treviso accoglieva il gravame proposto dal D.G. avverso la decisione di primo grado, annullando i provvedimenti sanzionatori impugnati. Propone ricorso per la cassazione di detta decisione il Comune di omissis , affidandosi a tre motivi. Resiste con controricorso D.G.G. . Ragioni della decisione Con il primo motivo, la parte ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione degli artt. 342 e 348 bis c.p.c. , perché il Tribunale avrebbe dovuto dichiarare inammissibile l'appello a fronte della assenza di specificità dei motivi di gravame proposti dal D.G. . La censura è infondata. Come rilevato dal Tribunale, il primo motivo di appello, ritenuto fondato dal giudice di seconde cure, concerneva l'illegittimità della rilevazione dell'infrazione, eseguita a distanza mediante apparecchiatura elettronica, in quanto il tratto stradale ove la rilevazione è avvenuta non soddisferebbe le caratteristiche tecniche previste dall' art. 2 del Codice della Strada cfr. pag. 2 della sentenza impugnata . La decisione gravata dà atto anche che, oltre a tale doglianza, l'appellante aveva contestato la mancanza della taratura periodica dell'apparato utilizzato nella fattispecie per la rilevazione delle infrazioni cfr. ancora pag. 2 . I motivi di impugnazione erano dunque perfettamente comprensibili, ed il Tribunale li ha correttamente esaminati nel merito. Con il secondo motivo, la parte ricorrente lamenta la violazione o falsa applicazione della L. n. 168 del 2002 , art. 4, in relazione all' art. 360 c.p.c. , comma 1, n. 3, per erroneo apprezzamento delle caratteristiche del tratto di strada sul quale sono state rilevate le infrazioni di cui è causa. Con il terzo motivo, la parte ricorrente lamenta invece la violazione e falsa applicazione degli artt. 12 delle preleggi, 2, comma 3, del codice della strada , 4 del D.L. n. 121 del 2002, convertito in L. n. 168 del 2002 , e 4.3.4 del D.M. n. 5.11.2001, in relazione all' art. 360 c.p.c. , comma 1, n. 3, perché il Tribunale avrebbe erroneamente individuato le caratteristiche minime prescritte per il tratto di strada in questione. Le due censure, suscettibili di esame congiunto, sono inammissibili. Il Tribunale ha, infatti, accertato che la omissis , lungo la quale sono state contestate le violazioni di cui ai verbali impugnati, non presenta alcuna banchina e la presenza di una banchina è un requisito imprescindibile ai fini della qualificazione di una strada quale extraurbana secondaria cfr. pag. 3 della sentenza impugnata . Si tratta di accertamento di fatto, non utilmente attinto dalle doglianze in esame, con le quali non vengono indicati elementi di prova, ritualmente acquisiti agli atti del giudizio di merito, ritenuti idonei ad attestare la presenza, in loco, della banchina che il Tribunale ha ritenuto assente, che non siano stati valutati. Il Comune ricorrente, infatti, si limita a dedurre a con il secondo motivo, che il Tribunale avrebbe erroneamente valutato l'esistenza della banchina nel solo tratto di strada interessato dalla rilevazione delle infrazioni, e non invece come avrebbe dovuto fare - considerando tutta la strada nel suo complesso b con il terzo motivo, che se fosse stata eseguita correttamente la valutazione delle caratteristiche della strada, il giudice di merito avrebbe rilevato la presenza di due banchine, una per senso di marcia, della larghezza media di metri 0,80 a destra e di metri 1,00 a sinistra cfr. pag. 13 del ricorso . Sul punto, va ribadito che L' art. 201, comma 1 bis, C.d.S. , ammette la possibilità di procedere alla contestazione non immediata dell'infrazione mediante rilevatori elettronici di velocità esclusivamente su determinate tipologie di strade, tra cui quelle urbane di scorrimento, rispetto alle quali costituisce elemento strutturale indefettibile, ai sensi dell' art. 2, comma 3, C.d.S. , la banchina che, quale spazio della sede stradale, esterno rispetto alla carreggiata e destinato al passaggio dei pedoni o alla sosta di emergenza, deve restare libero da ingombri e avere una larghezza tale da consentire l'assolvimento effettivo delle predette funzioni Cass. Sez. 2, Ordinanza n. 12864 del 22/04/2022 Rv. 664613, con la quale è stata confermata la sentenza di merito, che aveva escluso potesse qualificarsi strada urbana di scorrimento quella in cui si trovava l'autovelox, in quanto lo spazio esterno alla carreggiata non era riconducibile alle funzioni di banchina, proprio in ragione delle sue esigue dimensioni nello stesso senso, cfr. anche Cass. Sez. 2, Sentenza n. 16622 del 20/06/2019 , Rv. 654339 . Il ricorrente indica, a pag. 13 del ricorso, che la banchina laterale avrebbe le dimensioni medie di metri 0,80 a destra e metri 1,00 a sinistra, che certamente non sono idonee a consentire la sosta di un veicolo senza invadere, almeno in parte, la carreggiata. Inoltre, sempre a pag. 13 del ricorso, viene descritta la condizione dello spazio indicato come banchina, e si precisa che esso si compone di margine della carreggiata, nella specie costituito da linea bianca continua, da una parte e ciglio della scarpata ancorché erbosa, che poi scende al fossato laterale e pieno del piano di campagna . Sul punto, va tuttavia ribadito che La banchina è la parte della strada, per la quale non è prevista una misura minima, che si trova oltre la linea continua destra delimitante la carreggiata ed è compresa tra il margine della carreggiata ed il più vicino dei seguenti elementi longitudinali marciapiede, spartitraffico, arginello, ciglio interno della cunetta, ciglio superiore della scarpata nei rilevati Cass. Sez. 2, Sentenza n. 8934 del 29/03/2019 , Rv. 653306 ne deriva che - contrariamente a quanto affermato dal Comune ricorrente - non può essere considerato parte della banchina lo spazio più esterno del ciglio interno della cunetta , ove presente, o del ciglio superiore della scarpata nei rilevati . Le dimensioni medie indicate dal Comune, che sono state invece calcolate dal margine della carreggiata sino al piano di campagna laterale alla strada cfr. ancora pag. 13 del ricorso , inclusa dunque l'intera area della cunetta, si riducono ulteriormente rispetto a quanto indicato in ricorso, a conferma dell'assenza, lungo la OMISSIS , di una banchina avente le caratteristiche strutturali delineate dalla normativa applicabile, nell'interpretazione che della stessa è stata fornita dalla giurisprudenza di questa Corte. In definitiva, il ricorso va rigettato. Le spese del presente giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza. Stante il tenore della pronuncia, va dato atto - ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater - della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento di un ulteriore importo a titolo contributo unificato, pari a quello previsto per la proposizione dell'impugnazione, se dovuto. P.Q.M. la Corte rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento, in favore della parte controricorrente, delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 700, di cui Euro 200 per esborsi, oltre rimborso delle spese generali in misura del 15%, iva, cassa avvocati ed accessori tutti come per legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13 , comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma del comma 1-bis dello stesso art. 13, se dovuto.