Quando è configurabile la rinuncia tacita all'usucapione?

Un Comune ha convenuto in giudizio una società ristorante, chiedendo di accertare l’occupazione senza titolo, da parte della convenuta, dell’area di proprietà dello stesso, sita in fregio al lungomare.

Il Tribunale rigettava tale domanda e accoglieva l'istanza riconvenzionale della società in questione, dichiarando l' usucapione ventennale ex art. 1158 c.c. dell'aria oggetto di causa. La Corte d'Appello confermava la decisione del giudice di prime cure. Il Comune ricorre, quindi, in Cassazione sostenendo la mancata rilevazione della rinuncia implicita da parte della società ad avvalersi della tutela giuridica apprestata dall'ordinamento in tema di usucapione . La doglianza è infondata. La Corte d'Appello ha ritenuto che l'atto di transazione del 31 marzo 2000, quando era già maturata l'usucapione a favore della convenuta, non potesse interpretarsi come rinuncia ad avvalersi della suddetta causa di acquisto a titolo originario dei beni oggetto della controversia. Infatti, il fatto che l'efficacia della transazione fosse esplicitamente subordinata alla formalizzazione della concessione del diritto di superficie impediva di interpretarla come rinuncia ai diritti derivanti dalla già maturata usucapione. E i Giudici di legittimità ricordano a riguardo che gli accordi negoziali fatti dopo il decorso del termine per usucapire , non possono configurarsi come rinuncia all'usucapione , potendosi da essi desumersi anche soltanto una volontà del possessore di regolarizzare la propria posizione e di eliminare il contenzioso in atto, pur senza perdere il diritto ormai acquisito . Per tutti questi motivi il Collegio, rigettando il ricorso, intende dare continuità al seguente principio di diritto è configurabile rinuncia tacita all'usucapione soltanto allorché sussista incompatibilità assoluta fra il comportamento del possessore e la volontà del medesimo di avvalersi della causa di acquisto del diritto, senza possibilità di diversa interpretazione .

Presidente Cosentino Relatore Varrone Il testo integrale dell’ordinanza sarà disponibile a breve.