Decreto Trasparenza: i chiarimenti nella Circolare dell’INL

Con Circolare n. 4 dell’11 agosto 2022, avente per oggetto il d.lgs. n. 104/2022, recante l’ Attuazione della direttiva UE 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell'Unione europea , l'Ispettorato Nazionale del Lavoro ha sottolineato le prime indicazioni inerenti al trattamento sanzionatorio connesso ai nuovi adempimenti, d'intesa con l'Ufficio Legislativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il decreto citato, che entrerà in vigore il 13 agosto, contiene disposizioni che disciplinano le informazioni sul rapporto di lavoro , le prescrizioni minime relative alle condizioni di lavoro, oltre che ulteriori misure a tutela dei lavoratori . L'INL evidenzia le modalità ed i termini di comunicazione delle informazioni nei confronti del lavoratore, con annesse le conseguenze sanzionatorie in caso di violazione dei nuovi obblighi informativi . La suddetta Circolare chiarisce, inoltre, che, fermo restando che con la consegna del contratto individuale di lavoro o di copia della comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro il lavoratore deve essere già informato sui principali contenuti degli istituti di cui al novellato art. 1 del d.lgs. n. 152/1997 , la relativa disciplina di dettaglio potrà essere comunicata attraverso il rinvio al contratto collettivo applicato o ad altri documenti aziendali, qualora gli stessi vengano contestualmente consegnati al lavoratore ovvero messi a disposizione secondo le modalità di prassi aziendale . Per un maggiore approfondimento, vedi anche Le novità previste dal Decreto trasparenza .

Circolare INL del 10 agosto 2022, n. 4