Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 18 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

particolare tenuità del fatto | 07 Novembre 2017

Continua incessante il vademecum della Cassazione

di Carmelo Minnella - Avvocato penalista

La Suprema Corte quotidianamente in numerose pronunce interpreta le norme relative all’istituto introdotto al d.lgs. n. 28/2015, riscrivendone i confini applicativi sia sul versante sostanziale che su quello procedimentale.
Anche se è innegabile lo spirito deflattivo dell’art. 131-bis c.p., la natura ibrida di una causa di non punibilità – che presuppone l’accertamento del fatto di reato (tipico, antigiuridico e colpevole), ma che si chiede con una sentenza di assoluzione perché lo si ritiene particolarmente tenue e quindi sfugge alla risposta sanzionatoria penale perché non proporzionata a quel grado di offesa e dunque non giustificata – pone non pochi dubbi interpretativi, aggravati da una non limpidissima littera legis al quale supplisce la giurisprudenza di legittimità che continua incessantemente a perimetrarne i confini. Tuttavia, in alcuni profili normativi della disciplina emergono dei contrasti in seno alle sezioni semplici, tant’è che le Sezioni Unite hanno iniziato a dirimerli, ma tante altre questioni a breve verranno sottoposte alla loro attenzione.

Vediamo di indicare lo stato dell’arte in questo groviglio interpretativo, cominciando dalle questio iuris della normativa sostanziale.



— Perimetro edittale

— Ambiti di applicazione e non.

— Tipicità della causa di non punibilità

— Indici-criteri: la tenuità dell’offesa

— Indici criteri: non abitualità della condotta

— Reato continuato e tenuità del fatto: il contrasto nella giurisprudenza di legittimità

— Fatto particolarmente tenue, quantum della pena ed accidentialia delicti

— Tenuità del fatto e misure di sicurezza