POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 06 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Scelti per voi

L’impresa responsabile


Vai allo shop Vai allo shop

25 Novembre 2019

L’impresa responsabile

di Giuseppe Conte (€ 45; pagine 356)

Negli ultimi mesi è stato rilanciato l'allarme legato alla vicenda ex Ilva. Del caso se ne stanno occupando sia la magistratura che il Governo. Nei prossimi giorni, infatti, ci sarà una prima udienza al Tribunale di Milano, mentre lo scorso venerdì 22 novembre si è tenuto a Palazzo Chigi un incontro tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il patron di Arcelor Lakshmi Mittal, durante il quale si è discusso del futuro dell’ex Ilva di Taranto.

Pertanto, risulta ancora attuale rispetto alla vicenda che sta interessando il gruppo siderurgico il volume di Giuseppe Conte intitolato “L’impresa responsabile”, donato dal premier al presidente di Arcelor Mittal.

 

La prefazione. Fin dalla sua introduzione, l’opera rivela tutta l’importanza della “responsabilità imprenditoriale”, intesa come economica ma anche giuridica, morale e sociale. Infatti, si legge che: «Chi assume su di sé tutti i complessi rischi connessi allo svolgimento di un’attività economica e decide di fare impresa non agisce perché animato da spirito di benevolenza verso il prossimo o perché mosso da slanci solidaristici verso la comunità in cui vive. Queste iniziative economiche sono solitamente ispirante dal primario obiettivo del guadagno economico. (…) Ma è altrettanto vero che chi sperimenta un’attività di impresa è presto costretto a misurarsi con una realtà – tanto più se l’investimento e lo sforzo organizzativo hanno prodotto una struttura di dimensione consistente – ben complessa e articolata, dove la medesima prospettiva del tornaconto, che certo non può finire negletta, si sovrappone e commistiona con molte altre prospettive e istanze, alcune delle quali non attengono al piano meramente economico».

 

Il contenuto. Nell’opera l’Autore, nonché attuale Presidente del Consiglio, tratta varie tematiche. Tra le altre cose, analizza il rapporto tra diritto, etica ed economia nell’epoca della globalizzazione e illustra il concetto di rischio d’impresa, l’evoluzione dei paradigmi di tutela dell’ambiente, nonché i nuovi criteri di ripartizione delle responsabilità. Inoltre, viene affrontato il tema degli illeciti plurioffensivi dell’impresa e quello dell’azione di classe avverso le politiche commerciali scorrette.