POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 25 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Scelti per voi

I compensi degli avvocati con i nuovi parametri


Vai allo shop Vai allo shop

16 Maggio 2014

I compensi degli avvocati con i nuovi parametri

di Giovanni Angeloni (pagine 221, euro 70,00)

 

Professioni protette. L’attività dell’avvocato è una delle professioni intellettuali che vengono definite “protette” in quanto possono essere esercitate solo da chi è iscritto all’albo e al relativo ordine professionale. Si tratta di un’attività in relazione alla quale, per la sua marcata rilevanza sociale, lo Stato ha ritenuto necessario dettare una disciplina giuspubblicistica che ne assicurasse il corretto svolgimento in sintonia con gli interessi generali della collettività.
Due esigenze da soddisfare. Anche in considerazione di questo, è sorta la necessità di individuare dei criteri oggettivi per la predeterminazione dei compensi dell’avvocato al fine di soddisfare due diverse esigenze, entrambe originate dalla particolare funzione della professione forense: la prima è quella di dirimere il potenziale conflitto tra il professionista e il cliente nel caso in cui il compenso tra loro non sia stato preventivamente convenuto. Per quanto riguarda la seconda, occorre tenere a mente che i parametri costituiscono anche lo strumento per liquidare l’ammontare delle spese giudiziali che la parte soccombente deve rimborsare al vincitore. Per questi motivi, con il nuovo decreto ministeriale, adottato secondo la particolare procedura prevista dall’art. 1, comma 3, l. n. 247/2012, si sono aggiornate le precedenti tabelle in relazione ai vari tipi di procedimenti.
Un’esperienza sistematica e completa. Nel volume in esame, l’autore Giovanni Angeloni propone un’esperienza sistematica e completa degli aspetti economici della professione forense, anche con l’ausilio di un software allegato che elabora preavvisi di parcelle, note spese giudiziali e fatture sintetiche o analitiche. Inoltre, predispone automaticamente i preventivi di massima e gli accordi sui compensi, i contratti di conferimento di incarico e le dichiarazioni di rese informative obbligatorie per legge. Il vantaggio è costituito fondamentalmente dalla consultazione a video di sintetiche schede informative sui criteri giuridici da applicare per le funzioni proposte.
“Nuovi parametri forensi” di Gianluca Gambogi. In materia di compensi per l’attività giudiziale civile, amministrativa, tributaria penale e stragiudiziale, interessante consultare anche il volume di Gianluca Gambogi, Nuovi parametri forensi, facente parte della collana Officina del diritto