POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 18 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Scelti per voi

Il minore nel processo


Vai allo shop Vai allo shop

18 Aprile 2014

Il minore nel processo

di Sergio Matteini Chiari (pagine 796; euro 100,00)

 

Il punto di partenza. Sembra una banalità, ma troppo spesso questo semplice principio viene dimenticato nelle nostre aule di tribunale e nei “palazzi del potere”: il minore non è semplicemente un’appendice, ma, in tutte le procedure che lo riguardano, deve essere considerato un centro autonomo di imputazione giuridica. Alla luce di questa considerazione, gli organi giudicanti devono trattarlo come una parte, anche se, personalmente, egli non può stare in giudizio, ma deve farsi rappresentare da un curatore speciale, essendo possibile, anzi statisticamente probabile, che si sia incorsi in una situazione di conflitto familiare.
Uno sguardo al passato… Per questo motivo, Il minore nel processo, a cura di Sergio Matteini Chiari, affronta questa delicata problematica, iniziando col far luce sul passato legislativo, integrato anche dalle recenti disposizioni, tra cui la l. n. 219/2012, che mira a realizzare, finalmente, l’unicità dello stato di figlio, ed il d.lgs. n. 153/2013, che integra la riforma.
Inoltre, vengono richiamate anche le decisioni dei maggiori organi giudicanti, tra cui la CEDU, la Corte Costituzionale e la Corte di Cassazione, che, in più occasioni, hanno stabilito i principi di base da seguire in ogni singola aula giudiziaria, per evitare la c.d. vittimizzazione secondaria.
…per leggere meglio il futuro. Avendo posto questa base solida, l’autore volge, quindi, uno sguardo anche al futuro, per cercare di migliorare la condizione dei minori nelle aule dei tribunali, sia civili che penali, affinché il processo si trasformi in un’occasione di riscatto.
A tal fine, vengono segnalate criticità e problematiche della disciplina vigente, sia procedurale che sostanziale, con un occhio di riguardo ad aspetti, particolarmente importanti, come la responsabilità dei genitori, la filiazione o il processo penale minorile.
La voce del minore. Infine, proprio per sottolineare la dignità del minore nel processo, viene dedicato un apposito capitolo alla possibilità datagli di far sentire la propria voce ed il dovere, di giudici e responsabili, di prestare attenzione ad ogni sua singola parola.
L’autore. Sergio Matteini Chiari, Magistrato onorario in quiescenza, già Presidente del Tribunale per i minorenni dell’Umbria, docente presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali presso l’Università di Perugia. Ha pubblicato, per lo stesso editore, volumi sia su temi di diritto sostanziale che processuale.