POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 25 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Scelti per voi

Le novità del “decreto filiazione”


Vai allo shop Vai allo shop

31 Gennaio 2014

Le novità del “decreto filiazione”

D. Lgs. n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014

di G. Buffone

 

La l. n. 219/2012 ha introdotto modifiche al diritto sostanziale e processuale nella delicata materia della protezione del minore, intervenendo, in particolare, sullo status dei figli c.d. naturali al fine di rimuovere l’ingiustificato trattamento normativo in ragione della nascita al di fuori del vincolo coniugale.
La stagione delle riforme: l’impaziente attesa per l’intervento del legislatore. Da tempo era atteso un intervento di completamento da parte del legislatore, anche al fine di chiarire quanto sostenuto dalla giurisprudenza di legittimità. Finalmente, anche grazie al costante lavoro della commissione Bianca, la delega contenuta nella l. n. 219/2012 ha trovato attuazione nel d. lgs. 28 dicembre 2013, n. 154 “Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell’art. 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219”.
Abolizione delle etichette.
La finalità della delega è quella di eliminare ogni discriminazione tra figli – naturali, legittimi, adottivi – facendo venir meno quelle etichette di fatto ormai estranee alla coscienza civile e ai costumi sociali contemporanei: le famiglie non fondate sul matrimonio costituiscono una realtà consolidata, numericamente consistente, che non consente la decifratura in termini di famiglia di “serie B”: il testo procede ad alcune rilevazioni statistiche, notando l’incremento delle unioni di fatto, dell’aumento dei divorzi e delle coppie omosessuali e sottolineando la spinta, da parte del diritto comunitario, ad un rinnovamento.
Le novità del libro I del codice civile. In questo contesto, si inserisce la riscrittura del libro I del codice civile che equipara definitivamente il corpus di norme applicabili ad ogni controversia che riguardi l’affidamento e il mantenimento dei minori. Il testo procede, in modo chiaro, sintetico e sistematico, all’esplorazione delle principali novità, soprattutto per quanto riguarda i figli nati fuori dal matrimonio, insistendo con forza sul fatto che il vincolo della parentela è collegato al rapporto di discendenza biologica, indipendentemente dal fatto che si sia realizzata dentro o fuori dal matrimonio. Si passano in rassegna tutti quegli istituti che è necessario vedere, ora, con occhi nuovi: il matrimonio putativo, con uno sguardo anche ai figli incestuosi; la responsabilità genitoriale; il riconoscimento; l’audizione del minore in caso di controversie genitoriali, con una considerazione attenta anche del profilo psicologico
Il volume si conclude con un accenno alle modifiche alla legge di diritto internazionale privato: l’art. 33, l. n. 218/1995 afferma ora che lo stato di figlio è determinato dalla legge nazionale del figlio a meno che non sia più favorevole quella dello Stato di cui uno dei genitori è