POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 24 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Osservatorio Processo Telematico

PCT - giurisprudenza | 03 Maggio 2018

Tempestività della riassunzione del processo ed efficacia probatoria della notifica a mezzo PEC

In tema di riassunzione del giudizio, il termine per la riassunzione è di tre mesi dal passaggio in giudicato della sentenza che ha causato la sospensione del processo principale. Ma quale atto ha efficacia probatoria per stabilire la data in cui è avvenuto il passaggio in giudicato? Secondo la ricorrente la prova è fornita dalla notificazione a mezzo PEC delle sentenza, secondo i Giudici di merito tale notifica non ha efficacia probatoria. La questione è rimessa alla Suprema Corte.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza n. 10465/18; depositata il 2 maggio)

Sul punto la Cassazione con sentenza n. 10465/18, depositata il 3 maggio. Il caso. La Corte d’Appello di Trento accoglieva il gravame dell’appellante contro la decisione del Tribunale di Bolzano con la quale il medesimo veniva condannato...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.