POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PCT - giurisprudenza | 13 Marzo 2017

Notifica telematica dell’atto di appello dopo le ore 21: quando si perfeziona?

Se la notifica telematica dell’atto di appello viene effettuata dopo le ore 21 deve considerarsi perfezionata alle ore 7 del giorno successivo o si applica il principio della scissione dell’efficacia della notifica per il notificante e il destinatario?

(Corte d’appello di Firenze, sez. Specializzata in materia di impresa, sentenza n. 189/17; depositata il 26 gennaio)

Il caso. La Corte d’appello di Firenze (sentenza n. 189/17, depositata il 26 gennaio) si è pronunciata in via preliminare sull’eccezione di tardività dell’impugnazione presentata dalla parte appellata che lamentava l’avvenuto decorso del termine di sei mesi ex art. 327 c.p.c. dal momento che l’appellante aveva notificato l’atto di appello dopo le ore 21 dell’ultimo giorno utile in violazione degli artt. 147 c.p.c. e 16-septies d.l. n. 179/2012.

Quando si applica il principio della “scissione” dell’efficacia della notifica? La Corte territoriale ritiene infondata l’eccezione proposta dall’appellata poiché l’art. 16-septies d.l. n. 179/2012 ai sensi del quale la notificazione eseguita dopo le ore 21 si deve intendere perfezionata alle ore 7 del giorno successivo, deve essere letto alla luce del principio della scissione dell’efficacia della notifica per il notificante e il destinatario (come confermato da Cass., S.U., 9 dicembre 2015, n. 24822). Tale principio, a seguito dell’introduzione dell’art. 3-bis l. n. 53/1994 operata dall’art. 16-quater d.l. n. 179/2012, trova applicazione anche in caso di notifiche effettuate dall’avvocato tramite PEC: per il notificante, deve intendersi perfezionata nel momento in cui viene generata la RAC mentre per il destinatario si intende perfezionata nel momento in cui viene generata la RdAC.

(Fonte: www.ilprocessotelematico.it)